Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

08/08/20 ore

Emozioni al tempo del Coronavirus, di Rosa Romano Toscani. Una raccolta di significative poesie


  • Giovanna D'Arbitrio

Emozioni al tempo del Coronavirus, di Rosa Romano Toscani (Ed. Pagine) è un raccolta di 30 poesie nelle quali l’autrice esprime in modo spontaneo emozioni, sentimenti e riflessioni sulla drammatica pandemia che ha sconvolto l’Umanità in un periodo storico già caratterizzato da gravi crisi politico-economiche, nonché socio-culturali ed etiche.

 

In copertina colpisce l’immagine di un dipinto di E. Munch, Melancholy, seguita dall’introduzione, intitolata Setting dell’emergenza, e da due citazioni: 1) Da lontano ho visto un mostro/Avvicinandomi ho visto un fratello/Parlandogli ho trovato un fratello (Proverbio indiamo); 2) Dobbiamo imparare a vivere insieme come fratelli, o periremo tutti come stolti. (M.L. King)

 

Da sensibile psicologa, l’autrice sottolinea le difficoltà e i mutamenti causati dalla pandemia in tanti campi, in particolare in quello del lavoro psicoanalitico dovela chiusura degli studi professionali, e la conseguenziale assenza di vicinanza fisica, ha richiesto un setting di emergenza per salvaguardare soprattutto la vicinanza psicologica, non interrompendo la relazione terapeutica.

 

E anche i terapeuti afferma, hanno dovuto assestarsi su altre dimensioni, facendo i conti con le proprie sofferenze psichiche, paure e angosce, per essere in grado di aiutare i pazienti e nello tesso tempo combattere un virus capace di eliminare barriere invisibili, risvegliandoci dall’illusione di ogni potenza per ricordarci che siamo mortali, paradossalmente solidali e uniti dalla stessa malattia, un virus che ha ucciso un’intera generazione di anziani, preziosi testimoni del passato, cancellando le loro identità, sostituite da numeri come in un campo di concentramento, morti senza il conforto di familiari e spesso gettati in fosse comuni, senza una degna sepoltura. Eppure, secondo l’autrice, da tale orrore dobbiamo comunque trarre un insegnamento, senza perdere la speranza di poter costruire un futuro diverso.

 

Sulla quarta di copertina si legge: “C’è tanto nella poesia di Rosa Romano Toscani. Amore, sconforto, speranza, incertezza. E poi il coraggio della consapevolezza. Il climax dell’intera raccolta si snoda su tappe ancora in divenire. Emozioni al tempo del Coronavirus. Chi racconta è parte della storia. Una trama a medio raggio. Completa, non definitiva. Il condizionale è d’obbligo. Poesie, appunto. Fotografie di un trauma in corso d’opera. Un work in progress drammatico e necessario. Il campo di battaglia: la vita ai tempi del cambiamento, dei morti e delle costrizioni. Ma uccidere il padre in un periodo di guerra non è necessario. Non deve esserlo. Ecco allora che io resto a casa perché Ci serve del tempo. / Fuggito dal grembo / Materno, / Nascosto, / Rubato / Perduto. / Ci serve del tempo. Già, serve il tempo anche ora che nulla sarà come prima; oggi consapevoli che domani è ancora possibile costruire una stagione nuova, anche se privi di quello scudo protettivo che proteggeva l’Io di ognuno di noi. Oggi che aspettiamo che passi una bomba maligna, ma anche oggi che, sebbene isolati dal mondo, può ancora darsi la possibilità di ritrovare un amore che pensavo perduto. Rosa Romano Toscani ci trasmette le sue emozioni al tempo del Coronavirus.Lo fa adottando una poetica essenziale, ma profonda. Lo fa coinvolgendo. Una lettura gomito a gomito. Una cronista in versi. Spettatrice partecipante. Perché siamo stati tutti, ci ricorda, colpiti alle spalle. Senza alcun preavviso. Tutti. Ognuno con le nostre emozioni”.

 

Rosa Romano Toscani, laureata in Lettere e Filosofia all'Università "La Sapienza" di Roma, specializzata in Psicologia, ha lavorato nel Servizio Sanitario Nazionale, occupandosi di bambini e di adolescenti. Nel 1980 ha fondato la S.I.P.P. &endash; Società Italiana di Pscicoterapia Psicoanalitica. È socio dell'E.F.P.P. &endash; European Federation for Psychonalytic Psychotherapy.

 

Tra i suoi numerosi libri ricordiamo "Comunicazione e linguaggio in età pre-scolare" (Ed.La scuola), Comunicazione a due voci (Ed. Franco Angeli)"Separazione e solitudine in adolescenza" (Borla Ed., co-autore di "Ritmo e setting" (BorlaEd.).Ha pubblicato, inoltre, Il sogno di Omar La villetta: una casa racconta; I segreti di Balzac; La ragazza del Chalie's café; Lettera di una donna di pace; I balconi di Cortina; C era una volta un libro che parlava di bambini... la favola dell ‘amore, Ed. Borla 

 

Ecco un’intervista in cui l’autrice recita alcune poesie (da AracneTV)

 

 


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna