Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

22/10/18 ore

Intellegere, tra realtà e finzione scrittori e artisti raccontano la Biblioteca delle Spie. Dal 1° febbraio la Trilogia



di Giacomo Stucchi (*)

 

Secondo le buone abitudini del mestiere, nessuno l’ha vista arrivare. È stata appena stampata e si prepara a sparigliare dubbi e intercapedini di pregiudizi. Dal 1° febbraio in libreria troveremo una trilogia che si annuncia con tutta la bellezza e la profondità della sua narrazione: Intellegere. La Biblioteca delle spie, tre volumi raccolti in elegante cofanetto sulla cultura dell’Intelligence e l’evoluzione dell’agente segreto (ed. Nuova Argos, un marchio della Dat Donat Dicat Srl, www.ddd.srl.it, 25 euro per tutti e tre i volumi).

 

Queste pagine, curate in ogni dettaglio e scandite da una grafica accattivante che è stessa una ricerca di letteratura e arte, esplorano e raccontano il Pantheon del pensiero intelligence, ma sono anche un potente viaggio nella letteratura e nella narrativa di genere spionistico. Prismi infiniti che invitano ad andare oltre orizzonti penultimi, tolgono maschere, fanno parlare mondi e mostrano storie profonde che hanno come radici la fedeltà alle istituzioni e come bussola l’algoritmo futuro.

 

Idee catturate su carta che hanno mondo in vissuti abitati dal silenzio e dalla dedizione a un lavoro ritenuto ‘oscuro’, e costituiscono quindi uno spaccato intrigante per comprendere di chi sono e cosa fanno gli 007 di ogni tempo; quegli uomini e donne necessari alla sicurezza che, messi in un cassetto occhiali scuri e impermeabile, negli ultimi anni – anche grazie a un proficuo lavoro di comunicazione e cultura della sicurezza – sono sempre più considerati risorse della nazione.

 

E se, come diceva il vecchio Eraclito, fa parte del gioco dell’essere resistere al fulmine che governa ogni cosa, l’apertura di un mondo rivela volti e parole scritte con impegno nello scorrere della storia. Nel gran calderone della fenomenologia si muovono vissuti che non scatenano mai sentimenti a metà, ma finalmente tracciati con meno zolfo rosso e lanci tra le mangrovie, con il fuoco dell’obiettivo che torna piuttosto su analisi e capacità di decrittare futuri.

 

Nel primo Volume dell’opera, Dalle origini alla distensione si va dalla nascita dell’agente segreto fino al 1918. Passando per L’emporio dell’agente segreto, Dostoevskij, Stevenson e James, la letteratura d’invasione, il capitano Dreyfus e il soldato Sc'vèik, senza dimenticare la spy story in versione popolare, James Bond e Max Otto von Stirlitz (altro Bond, ma sovietico), saltando sulla linea di confine che cuce realtà e fantasia.

 

La via del romanzo, per rappresentare l’Intelligence e le sue possibili e sempre nuove declinazioni nel gioco continuo di realtà e invenzioni letterarie, è percorsa sulle tracce del lavoro di Giulio Ruspoli, pseudonimo di Giampaolo Rugarli, voce forte della cultura nazionale, venuto a mancare tre anni fa. Le pagine dell’opera sono arricchite dalle illustrazioni di Ferenc Pintér (nei tre volumi ce ne sono quasi 480), tra i massimi esponenti dell’illustrazione e della grafica editoriale (è la matita di opere come l’occhio-orecchio, e di tantissime, straordinarie copertine realizzate per la Mondadori) di cui ricorrerà a breve il decennale della scomparsa. L’opera vuole essere anche un omaggio a questi due protagonisti dell’arte e della cultura italiana. 

 

Scrive Ferruccio de Bortoli nella prefazione: «Come potremmo definirlo questo libro? Certamente un appassionato omaggio alla professione di chi opera nei Servizi, nella sicurezza. Ma non solo. Un viaggio colto e critico nell’evoluzione della figura dell’agente segreto. Un manuale storico dell’Intelligence. E, se vogliamo, anche un trattato sulla letteratura di genere». Chi ha impaginato questi affreschi conosce da una vita libri e film sul genere, sa scendere nelle caldaie per trovare diamanti ma, soprattutto, non si sente una vestale a guardia di un tempio vuoto. Invece «si preoccupa dei pregiudizi e delle false rappresentazioni che condannano una professione, essenziale nella difesa dello Stato e dei suoi cittadini, ad apparire dedita, quasi in esclusiva, alla tessitura di trame occulte.

 

Viene citato – rileva de Bortoli – nella parte conclusiva del secondo dei tre volumi, un articolo di Indro Montanelli apparso su ‘Il Giornale’ del 25 ottobre 1990 nel quale si criticava una proposta, sciagurata, di scioglimento dei Servizi di sicurezza nazionali. “Quando succede qualcosa di sinistro... sono sempre i più indiziabili”. Vero. Lo storico Walter Laqueur notava che “nessuna persona ragionevole si aspetta che il ministro della Sanità elimini completamente le malattie... si pretende invece che i vari enti preposti alle informazioni siano sempre perfetti e abbiamo sempre ragione”. Il presidente degli Stati Uniti, Dwight David Eisenhower, nel 1958, all’inaugurazione della sede di Langley della Cia avvertiva: i successi non avranno alcuna pubblicità e gli insuccessi non potranno essere giustificati». 

 

La vita delle spie, un cocktail di amore e morte, è una topologia di tanti mondi e dunque anch’essa una ricerca di senso. 

 

La storia, ancora una volta, si anticipa nel romanzo d’avventura: «Un genere ingiustamente minore – fa ancora notare de Bortoli – si coglie, nelle parole degli autori una certa nostalgia per l’avventura descritta dalle ex spie diventate scrittori. Oggi c’è troppa tecnologia, troppi robot che non hanno né lo humour di Bond né la perspicacia di Smiley».

 

James Fenimore Cooper si preoccupa di dissolvere la nuvola di zolfo che circonda la figura dell’agente segreto, e «spia» smette di essere termine denigratorio per diventare, con scoperta antifrasi, parola di elogio, occulta medaglia al valore. La letteratura di spionaggio ha trovato in Cooper il suo antesignano: il nuovo genere sarà una costola staccatasi dal romanzo giallo che troverà il suo progenitore in Edgar Alan Poe, con tutta la forza anche narrativa della cassa di bottiglie di vino (in ‘Sei tu il colpevole’), dalla quale balza fuori il cadavere putrefatto dell’ucciso, un fatto che porta il caro, vecchio Charles a vuotare il sacco.

 


 

Così in Conrad, pur intrigato dall’operatività dell’attività di intelligence, la seduzione viene dalla solitudine e dalle ambiguità alle quali è costretto l’agente segreto, ‘wanderer’ tra ombra e verità. Chiamato dalla vita e ri-orientarsi sempre. Un po’ come nella poesia di Puskin: «Siamo alla fine, la traccia è perduta, che dobbiamo fare? Per la campagna un demonio ci guida e a destra e manca ci fa vorticare…». Il ‘segreto’, allora come oggi, è continuare a camminare, anche quando gli altri corrono «a maritar la strega» o si fermano incantati come i troiani alle porte Scee a vedere passare una bella Elena. 

 

Qualcuno ha detto che le ‘spie’ sono come i preti e le puttane: un pezzo di carne che ognuno pensa di cercare e comprare, solo quando serve. E invece c’è un’umanità forte che parla nelle avventure vere o immaginarie di questi universi di confine, e una vena profonda che batte più forte dei calcoli. 

 

Katà tòn daimona eaytoy’, fedeli al proprio destino, con le vele intessute di parole e assenzio, di strada e di libri, le spie vivono tra le rese e le realtà del tempo, riuscendo a volte ad anticipare orizzonti, più spesso a mettere muro davanti a mille casini. Sanno che ogni uomo è un mondo, e tutto ha un prezzo. 

 

Ma la galassia degli agenti segreti non è dominio dei soli uomini. Il corso degli eventi è pieno anche di donne che hanno ricoperto lo stesso ruolo. Come Mata Hari e tante storie pure impaginate in questi volumi.

 

A partire dagli anni Sessanta, poi, la spy story dilaga e la versione popolare indulge a erotismo e sadismo, si sposta con piacere sotto le docce o in vasche da bagno, quando non scende in cantine attrezzate con arnesi di dubbio uso. L’avventura mostra l’angolo visuale del personaggio narrante, tanto che Ian Fleming accoglierà persino il punto di vista di uno scorpione nell’incipit di ‘Una cascata di diamanti’. La lettera, tuttavia, non può e non deve dimenticare la stoica, a volte dolente sostanza, in cambio del dubbio splendore di un reggicalze e di uno scotch on the rocks.

 

La verità non emerge subito. Dannate, rinnegate, scandalose o ciniche, le spie coagulano umori e generi letterari in cui la carogna di turno ci prova e l’uomo che lavora per il bene del proprio paese e ha sempre uso di mondo, la precede. E ne smonta i progetti. Si chiama prevenzione e di quest’arte le spie sono maestri, perché si giocano la pelle. Ma con ironia. «Nelle peripezie di James Bond – si fa notare – c’è sempre un momento che richiama alla memoria il salvataggio della povera Angelica, legata nuda a uno scoglio, perché l’Orca, il mostro marino, ne faccia scempio: ma Ruggiero, a cavallo dell’Ippogrifo, la invola e la porta in alto. Tra i razzi, i missili e i satelliti artificiali che saettano sulle nostre povere teste, ci deve essere posto anche per l’ippogrifo: averlo compreso è la grande scoperta di Ian Fleming». L’uomo resta al centro di tutta la ‘macchina’ intelligence, come il sorriso che dice conoscenza dei fati e capacità di scollinare per trovare le uova del Drago. 

 

Nel secondo Volume, il lettore percorrerà un altro itinerario, Dalla distensione ai nostri giorni, con la caduta del Muro a oggi, la spia che venne dal freddo e il giorno dello Sciacallo. E ancora: l’isola della tempesta e l’affare Zouzou, momenti di gloria e l’imperdibile ‘Intelligence e vecchi merletti’. I capitoli sono dedicati a John le Carré, Frederick Forsyth, Ken Follett, Robert Ludlum e tanti altri autori, tra cui Agatha Christie che, sebbene giallista di fama mondiale, ha compiuto originali incursioni nel mondo dello spionaggio.

 

Il terzo Volume ‘Il segno di Ferenc Pintér’, è un piccolo gioiello, dedicato interamente a Pintér. Le pagine presentano contributi dello stesso Ferenc Pintér, della moglie Paola Roncato e del figlio Antonio (che firma ‘L’album di mio padre’), Carol de Marcen, Santo Alligo e di Vincenzo Mollica, il quale ritiene che l’illustratore italo-ungherese «si sia espresso artisticamente al meglio proprio quando si è occupato di opere che raccontano storie che si muovono sottotraccia, storie di spionaggio, di intrighi internazionali, in una parola di intelligence,che sembrano vivere senza inizio e senza fine, eterni come l’avventura umana».

 

La prefazione è di Stefano Salis, che spiega: «Pinter è stato un fantastico interprete, un maestro del pennello e del colore, delle ombre e delle campiture. La sua pittura, la sua storia, le sue vicende che troverete in questo libro sono la rivelazione di un genio che si accontentava di ammaliare il lettore in limine. Ma sapeva che, a lettura terminata, quel lettore sarebbe tornato da lui e gli avrebbe raccontato ancora e ancora cosa si può fare la con forza di un’immagine». 

 

Bei libri, davvero. Un’opera che resta. Si deve alla passione dei suoi curatori e proposta dalla fucina di Nuova Argos merita di essere conosciuta dal grande pubblico. Perché, ancora una volta, La biblioteca delle spie non è una torre di Babele che confonde le lingue ma un sentiero che invita a camminare con meno ombre e in compagnia di tanti amici, scrittori e artisti, che ci hanno parlato - tra i tempi - di come si lotta con il mondo. E si guarda avanti. 

                                                                                                                           

                                                                                                                 

(*) Presidente del Copasir

 


 

Sommario

 

VOLUME 1

PREFAZIONE
di Ferruccio de Bortoli


PARTE PRIMA
DALLE ORIGINI AL 1918

CAPITOLO I
La nascita dell'agente segreto

CAPITOLO II
L'emporio dell'agente segreto

CAPITOLO III
Il terrorismo nella seconda metà del XIX secolo 

CAPITOLO IV
Dostoevskij, Stevenson, James

CAPITOLO V
La scena internazionale ante 1914

CAPITOLO VI
La letteratura d'invasione

CAPITOLO VII
La Grande Guerra e la Rivoluzione russa

CAPITOLO VIII
Dal capitano Dreyfus al soldato Sc'vèik



PARTE SECONDA
DAL 1918 ALLA DISTENSIONE


CAPITOLO IX
Tra le due guerre

CAPITOLO X
La Seconda guerra mondiale

CAPITOLO XI
La Guerra fredda

CAPITOLO XII
La spy story in versione popolare

CAPITOLO XIII
Bond e Otto von Stirlitz

CAPITOLO XIV
La realtà e la fantasia



VOLUME 2

PARTE TERZA
DALLA DISTENSIONE AI NOSTRI GIORNI


CAPITOLO XV
Dalla caduta del Muro a oggi

CAPITOLO XVI
La spia che venne dal freddo

CAPITOLO XVII
Funerale a Berlino

CAPITOLO XVIII
Il giorno dello Sciacallo

CAPITOLO XIX
L'isola della tempesta

CAPITOLO XX
Il complotto universale

CAPITOLO XXI
Perché un poeta?

CAPITOLO XXII
La fuga dell'Ottobre Rosso

CAPITOLO XXIII
L'affare Zouzou

CAPITOLO XXIV
Intelligence e vecchi merletti

CAPITOLO XXV
Momenti di gloria

 

BIBLIOGRAFIA E FILMOGRAFIa

 

 

VOLUME 3

STEFANO SALIS 
Una maestria ben temperata

FERENC PINTÉR 
La rivoluzione a Budapest nel 1956 

VINCENZO MOLLICA
Un pittore di storie

PAOLA RONCATO PINTÉR
Parli ora o taccia per sempre

ANTONIO PINTÉR
L'album di mio padre

CAROL DE MARCEN
Ferenc Pintér, un artista del secolo breve

SANTO ALLIGO
Quarant'anni di copertine

 

 


Commenti   

 
0 #15 Steve 2018-10-21 22:53
I see you don't monetize your blog, don't waste your
traffic, you can earn additional bucks every month. You can use
the best adsense alternative for any type
of website (they approve all websites), for more details simply search in gooogle:
boorfe's tips monetize your website

Feel free to surf to my web-site ... BestLashay: https://FollowCarmela.blogspot.se
Citazione
 
 
0 #14 Nikole 2018-09-24 02:14
s writers ended up being support racism has become debated
on both sides of the argument. Each artist explores
the subject from somebody perspective, working in the medium and mode of his personal choice.
Capilano University Musical Theatre & Acting for Stage and Screen Programs - This is
a cool program offered in North Vancouver.

Here is my website - 온라인광고: https://forcera.kr/
Citazione
 
 
0 #13 Kristi 2018-09-21 23:43
When choosing art, your safest bet could be to
easily stick to the classics . According to the French stolen art detective, it was seized
in a villa in Corsica on Dec. t be an exaggeration whenever we
say; music may be the life type of Indian movie.


Also visit my site :: jeju tour: https://jejutour.club/
Citazione
 
 
0 #12 Ezequiel 2018-09-21 06:34
When choosing art, your safest bet might be to
only stick to the classics . Online Attraction Marketing -
When you own a web business, your website is the 1st, as well as perhaps the sole,
part of your small business that individuals see.

t be an exaggeration if we say; music is the life distinctive line
of Indian movie.

my blog post jeju taxi tour: https://jejutour.club/
Citazione
 
 
0 #11 Theron 2018-09-20 16:40
With stone sculptures you might be actually managing art as
well as your sculpture could actually appreciate in value over time.
One from the best issues that you can utilize is wine and food
metal art. If you're a big fan of art pieces then you definitely shouldn't miss the possibility of visiting free galleries in Vancouver or
take a look at some through the memorial in Montreal.

Also visit my blog; 네이버상위노출: https://jbchoi.com
Citazione
 
 
0 #10 Samuel 2018-09-20 10:33
If you do this, you do not only disrespect and exploit other artists but you
also trick yourself right into a career that you just think you've got established on your own. For individuals who don't
have a knack for competitive talent but you are more inclined towards performance and arts,
they'll see that learning a this art form could be physically challenging yet very creative.
However, if you would like your property theater to check elegant and striking,
then anticipate to spend more money by employing a professional to do the soundproofing.


my blog post ... 원두커피: https://gener3lhost.com/%EC%9B%90%EB%91%90%EC%BB%A4%ED%94%BC-%EC%BB%A4%ED%94%BC%EC%9B%90%EB%91%90-%EB%82%98%EB%9D%BC%EB%A5%BC-%EC%B0%BE%EC%95%84/
Citazione
 
 
0 #9 Sabine 2018-09-19 20:13
If you do this, you do not only disrespect and exploit other artists however you also
trick yourself in a career that you simply think you might have established on your
own. The web site will aswell accomplish suggestions, just like a
ring that complements a brace of ear-rings, as able-bodied as keeps
clue which adornment pieces accept been seen, so liberal to bookmark.

However, if you would like your home theater to look elegant and
striking, then expect you'll spend more money by finding a professional
to perform the soundproofing.

Feel free to surf to my web site ... 베트남 여행: https://gener3lhost.com/%EB%B2%A0%ED%8A%B8%EB%82%A8-%EC%97%AC%ED%96%89-%EB%B2%A0%ED%8A%B8%EB%82%A8-%EC%BB%A4%ED%94%BC-%EC%B0%BE%EA%B8%B0/
Citazione
 
 
0 #8 Norberto 2018-09-19 05:53
The person who possesses a good taste for art and truly appreciate it uses the prints to brighten the
interiors of their homes and office buildings which
gives your building a vintage look. Waterslide paper
may be used in both inkjet and laser printers and if
using for sure tasks, you require to learn which paper to utilize in which form of printer.

If you reflect over your earlier childhood days, you most probably have a very lots
of happy memories times purchased drawing and colouring in, as a child it's
among our cherished pursuits.

My web-site ... 데이터베이스: https://1year.cf/
Citazione
 
 
0 #7 King 2018-09-19 02:44
To have that soft glow with the Christmas tree lights in you photograph as seen from the human eye alone, make sure you
avoid using your camera's built-in flash. Actually
by that time there are you can forget records but instead cassettes and cd's.

Never install or download any software for watching any type of program online.


Here is my webpage - 홈페이지제작: http://homp.cf/portfolio-1.php
Citazione
 
 
0 #6 Stanton 2018-09-16 18:22
The Court invitations were constant after he became famous so he surely
could accumulate many money. And then an editor need a variety
of clipping and masking as the work progresses.
These range between depression lines, pimples, blemishes, and uneven facial tan.

my weblog 홈피제작: http://homp.cf
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna