Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

28/01/23 ore

Restart, fate il vostro gioco. Ha il via l’ottava edizione del festival della creatività antimafia e dei diritti



di Giulia Anzani 

 

Negli spazi di ÀP Accademia Popolare in via Contardo Ferrini n°83, nel cuore del quartiere don Bosco, durante l’ultima settimana di settembre ci sarà fermento: entreremo nel mese di ottobre carichi di idee, spunti e pensieri su cui riflettere, accompagnati da esperti ed esperte di vari settori, in un ambiente accogliente e confortevole.

 

Si partirà lunedì 26 settembre, alle 19:15: come di consueto presso ÁP, ci sarà a cura del collettivo MagVille, Disegno dal vero in un’edizione speciale dedicata Lea Garofalo, testimone di giustizia italiana sottoposta a protezione dal 2002, vittima della ‘Ndrangheta nel 2009.

 

Martedì 27 settembre inizieranno i tre giorni di immersione nella Scuola di pensiero e scrittura con le Officine Lara Facondi in cui ragazze e ragazzi iscritti all’iniziativa, avranno l’opportunità di seguire lezioni con persone qualificate nel settore della scrittura e della parola. Alle 10 inizierà la prima lezione e sarà “Il mestiere di chi scrive: come leggere e raccontare una storia”, con lo scrittore Paolo Di Paolo.

 

Mercoledì 28 settembre, sempre alle 10, ci sarà la seconda lezione con la scrittrice, conduttrice radiofonica e giornalista Giulia Blasi, “Gener-Azioni: cambiare immaginario collettivo con il femminismo”.

 

Giovedì 29 settembre, stessa ora, stesso luogo: “Dentro le parole: le nuove frontiere del linguaggio inclusivo”, con l’accademica, saggista, traduttrice e linguista Vera Gheno.

 

A tutte e tre le mattinate di lezione, alle ore 14, seguiranno giochi di formazione, esercizi di scrittura ed improvvisazione, sfide letterario-filosofiche “oltre lo stereotipo” con la scrittrice italo-bosniaca Elvira Mujčić.

 

E poi si entrerà nel vivo di Restart

 


 

Il leitmotiv di questa edizione è “Fate il vostro gioco”, una provocazione con cui si vuole indurre alla riflessione: “se l’Italia di oggi fosse una scacchiera gigante, non ci sarebbe alcun dubbio: la portata sociale, economica, politica e culturale della partita che si sta giocando a più livelli - nazionale, europeo, mondiale - è senza precedenti”.

 

L’intero festival ha l’obiettivo di abbattere pregiudizi e stereotipilargamente diffusi, discutendo di argomenti caldi che includono, ad esempio,  questioni di genere e l’arte come forma di educazione. C’è la volontà di cambiare e di respirare aria nuova, facendo “scacco matto” alle mafie a trent’anni dalle stragi di Capaci e via D’Amelio.

 

Giovedì 29 settembre alle 17 inizierà la prima vera giornata di Restart: Women Up. In apertura, l’intervento del coordinatore di daSud Pasquale Grosso. Nel corso del pomeriggio si entrerà nel vivo del festival, con la lectio magistralis della giurista e accademica Tamara Pitch su “Criminali, vittime, deviati, sicurezza. Ridare senso alle parole”, per poi passare a una serie di talk: “Bocconi amari. La forza delle donne tra ricerca del sé, diritti e lavoro” con Caterina Venturini e Cinzia Paolillo; “Vogliamo la luna. Scienza, tecnologia, ingegneria, matematica: roba da ragazze” con Licia Troisi, Michela Di Biase e Vito Foderà; “Diritti e 194: diamo i numeri!” con Chiara Lalli, Sonia Montegiove e Celeste Costantino. La serata si concluderà con la Stand-up comedy al FemminileC’è Fig_acon Giulia Morello, Alessandra Flamini, Ilaria Gambini, Micol Pavoncello, Shara Guandalini, Valeria Angelozzi.

 

La giornata di venerdì 30 settembre, la seconda di Restart, è Keep It Realche inizierà alle 10 con “Hip Hop, giovani e periferie. L’arteducazione che trasforma”, un incontro tra rapper di varie città, ognuno con il proprio bagaglio di esperienza. La giornata proseguirà con altri talk a tema: “Verso una rete dei festival antimafia” con Nuccio Iovene, Alessandro Gallo, Giulia Migneco e Carmen Vogani; “La cultura che trasforma” con Alice Bigli, Giulio Cederna, Bruna Gambarelli e Matteo Cerasoli; L’arteducazione come motore di cambiamento” con Cataldo D’Andria, Etta Melandri e Pasquale Grosso. La serata si concluderà con la jam session dei rapper Lucariello, Picciotto, Kento, Kiave, Musteeno, Dongoco’, Zatarra, Diamante, Kyodo, Moder e Oyshe.

 

 

 

Sabato 1° ottobre, ultimo giorno di festival: Scacco Matto. Inizierà alle 16 con un’assemblea generale, cui seguiranno il talk “1992. L’anno che cambiò l’Italia” con Ezio Abbate, Sabrina Pisu, Giuseppe Pipitone e Andrea Meccia e l’intervento di Rosy Bindi,“Mafie game over?”.

 

I saluti del preside dell’IIS “Enzo Ferrari” Carlo Deiana, della presidente Forum Terzo Settore Francesca Danese, del presidente del Municipio Roma 7 Francesco Laddaga e del consigliere provinciale Daniele Leodori, precederanno di poco l’intervento di Danilo Chirico, presidente di daSud.

 

Ci saranno poi le premiazioni a: Sebastiano Melloni e Valentina Gaddi, sceneggiatori della serie distribuita da Prime Video “Bang Bang Baby”; Lucrezia Iurlaro e Laura Sparavigna dell’associazione Tocca A Noi, per la campagna Stop Tampon Tax; la Palestra Popolare del Quarticciolo. Il Premio Gleam sarà per Emanuele Cicuti (Il desiderio di Barbiana). La giornata del 1° ottobre, e l’intero festival si concluderanno con il live acustico di Caffellatte e Awa Fall.

 

È possibile trovare ulteriori dettagli nel programma presente sul sito di daSud, ma anche sulla pagina Facebook e sulla pagina Instagram dell’associazione. L’ingresso al festival è gratuito; sarà possibile acquistare (o ricevere gratuitamente se si è under 21) la tessera daSud 2022 nel corso del festival a 5€. La prenotazione è consigliata.

 


 

 


Aggiungi commento