Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

28/05/17 ore

Il canzoniere di Rodolfo Carelli, dieci brani musicali dedicati alla terra pontina



Una gradevole serata sotto le stelle nei giorni del fine agosto a Sabaudia in cui è stato presentato il “Canzoniere Pontino” di Rodolfo Carelli. Una raccolta di 10 brani musicali che esaltano l’amore dell’autore per la terra pontina, anche se nel suo cuore albergano ancora i dolci ricordi della suo paese d’origine, Montesarchio (Benevento) che lasciò da giovane con la sua famiglia, sentimenti che egli rivela nella canzone “Terra mia lontana”.

 

L’evento ha avuto luogo nello spazio antistante allo splendido Palazzo delle Poste, progettato dal futurista Angiolo Mazzoni che con l’inserimento di grandi scalinate, ampi finestroni e altri elementi architettonici, è riuscito ad imprimere ad esso un forte senso aerodinamico.

 

In assenza dell’autore, costretto a restare a casa per problemi di salute, la presentazione è stata fatta dalla vivace presentatrice-attrice, Elisabetta Femiano, che ha condotto lo spettacolo illustrando con abilità i brani musicali, bene interpretati da bravi cantanti, come Luisiana Di Marco, Claudia Guarnieri, Riccardo Retrosi e Tito Zazzarini.

 

I testi molto poetici, accompagnati da ritmi sincopati oppure melodici, richiamavano alla mente degli spettatori ora le canzoni anni’50, ora le composizioni dei cantautori anni ’60 e ’70, oppure quell’ atmosfera molto particolare che si respira nelle balere.

 

Ecco i titoli delle 10 canzoni: Son 33 le stelle che ha, Sogno una sola città, I vecchi di Latina, Laggiù laggiù c’è il mare, Piazza. S. Barbara, Terra mia lontana, Porta Nova, Sa proprio Sa, è Sabaudia per chi non lo sa, Voglia di girare,  Stazione di periferia.

 

Arrangiatore delle melodie e coordinatore musicale della serata, Agostino Casella, direttore artistico Mauro Zazzarini. Il ricavato della vendita dei cd sarà devoluto a favore dei terremotati del recente disastroso sisma che ha colpito il Lazio.

 

Momento molto toccante il breve intervento della figlia di Rodolfo, Paola, che dopo aver illustrato “il Canzoniere”, ha letto una bella poesia dedicata dal padre alla moglie, Carla.

 

Personaggio colto e poliedrico, come si evince dalla sua biografia, “Rodolfo Carelli è nato a Montesarchio (Benevento), ma da molti anni vive a Sabaudia (Latina). Ha ricoperto incarichi amministrativi a livello comunale, provinciale e regionale. Parlamentare dal 1976 al 1994, è stato segretario e vicepresidente della Commissione Cultura della Camera.

 

Tra i suoi libri ricordiamo: Un posto nel profondo (Vallecchi 1974, Premio Viareggio Opera Prima), Il regalo del Torchio (Laterza 1982, Premio Dino Campana), Memoria d’amore (Il Ventaglio 1985), Una cifra in più (Newton Compton 1994), Per questo tuo ostinato amore (Amadeus 2000), Circe e Ulisse… Il compasso (Pagine 2002), L’altra metà del cielo (Il Territorio 2007),  L’artista e il suo rovello (Polistampa 2011), Il testimone da Moro a Ruffilli (Aracne 2015).

 

Giovanna D’Arbitrio

 

 


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna