Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

21/09/20 ore

Sabaudia, premio Pavoncella 2015



Anche quest’anno, il 6 giugno 2015, avrà luogo a Sabaudia un importante evento culturale: "Il Premio Pavoncella alla creatività femminile", ideato nel 2011 da Francesca d’Oriano, presidente dell’associazione "ArteOltre", che si propone di offrire un riconoscimento alle donne  in vari campi: imprenditoria, ricerca scientifica, creatività artistica, narrativa italiana, saggistica, opera prima e sport.

 

"Il Premio - dice la scrittrice e giornalista Daniela Brancati, presidente della prima edizione del premio - nasce dalla constatazione  che l’impegno delle donne, sia che si tratti di imprenditoria, di ricerca o di creatività artistica, viene sempre sottovalutato. Abbiamo voluto dare un riconoscimento a delle persone che, nonostante i tempi di crisi, di frammentazione della società e di paura, contribuiscono con il loro lavoro e il loro impegno sociale alla realizzazione di un mondo migliore".

 

Il Premio godedell'Alto Patronato del Presidente della Repubblica, che va ad aggiungersi al Patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri, della Regione Lazio, della Provincia di Latina, del Comune di Sabaudia, del Parco Nazionale del Circeo e della Proloco del Comune di Sabaudia.

 

Romano Tripodi ha sottolineato la presenza di due candidate napoletane, scrivendo: "C’è profumo di Napoli nella IV edizione del Premio "Pavoncella alla creatività femminile" che verrà assegnato il 6 giugno prossimo a Sabaudia nell’ormai tradizionale appuntamento presso l’Auditorio del Parco Nazionale del Circeo. Due delle "eccellenze" in rosa che si sono distinte in campo nazionale per l’impegno nello studio o per i traguardi raggiunti nella ricerca scientifica, ed in particolare nella lotta ai tumori, sono cresciute all’ombra del Vesuvio. Parliamo di Roberta Traballesi, giovane  neolaureata in Economia e Management presso l’Università Federico II, e di Anna Somma, medico specialista in anatomia patologica presso lo stesso Ateneo.

 

Ad entrambe la Giuria del "Pavoncella", presieduta da Fiorenza Taricone, Prof. Ordinario in Storia delle Dottrine Politiche presso l’Università di Cassino e del Lazio Meridionale, ha voluto assegnare, insieme all’ artistica targa con il simbolo del premio, una borsa di studio messa a disposizione da Aubay e Umana, due degli sponsor, che pur in periodo di crisi hanno voluto fare proprio il messaggio profondo, in termini etici e sociali, di un evento che, nato cinque anni fa a Sabaudia, per iniziativa di un gruppo di giornaliste e docenti universitarie, ha assunto ormai una valenza internazionale.

 

Il premio a Roberta Traballesi vuole essere inoltre e, soprattutto, un doveroso omaggio, a venti anni dalla prematura scomparsa, al professor Raffaele d’Oriano, indimenticabile Capo Dipartimento Ragioneria presso la Federico II di Napoli, che ha avuto il merito di aprire a centinaia di studenti, coniugando sapienza didattica ad umanità, il mondo accademico. E non è quindi un caso che nella motivazione del "Pavoncella", assegnato alla neolaureata Roberta Traballesi, vengano sottolineate proprio quelle doti che Raffaele d’Oriano, aveva sempre cercato di trasmettere ai suoi allievi.  

 

Anna Somma appartiene invece a quel gruppo di giovani donne che fanno della Ricerca la loro ragione professionale, pur nella carenza endemica delle risorse istituzionali. A lei il merito di dedicare impegno e passione allo studio dei craniofaringiomi, rari e peculiari tumori intracranici, con una ricerca tesa all’individuazione di quei marcatori attraverso i quali riconoscere pazienti a rischio di recidività. E parlando di napoletanità del premio da citare la presenza costante, sin dalla prima edizione della Grimaldi Lines, con una crociera capace di restituire sorriso e gioia di vivere ad un bambino uscito dal tunnel del tumore ed ai suoi genitori".

 

Per maggiori dettagli, si consiglia di visitare il seguente sito on line: clicca

 

Giovanna D’Arbitrio

 

 


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna