Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

21/09/20 ore

Eventi & dintorni. La vita oltre, presentato il numero di ReNudo in ricordo di Maurizio Mottola



Lunedì  11 Novembre 2013 è stata presentata a Napoli, al Caffè letterario  Intra Moenia, nella splendida cornice di piazza Bellini, il numero 22 della rivista ReNudodal titolo "La Vita Oltre". Il numero, dedicato interamente al tema della Morte e del Morire, ha pubblicato gli Atti del Convegno "L’Arte del Vivere e del Morire" tenutosi a Napoli all’Antisala dei Baroni del Maschio Angioino il 13 maggio 2013 per ricordare Atul Maurizio Mottola.

 

Pubblicati integralmente gli interventi dei relatori: Amrita Claudia Del Vento, Sadik Marcello Mottola, Alessandro Migliaccio, Majid Valcarenghi, Geppi Rippa, Ranjita Marianna Vitiello,  Guelfo Margherita,  Felice Zoena,  Amedeo Zeni,  Luciana Mignola, Silvia Bianchi.  Presenti  nella  rivista, inoltre,  le esperienze,  le riflessioni,  i riferimenti  culturali di varie tradizioni attraverso  gli interventi  di: Auro Proietti,  Ashima,  Orango Riso,  Miten Veniero Galvagni,  Giorgio Gaber, Sandro Luporini,  Kriyananda,  Radha C. Luglio,  Ramana Maharishi,  Yogananda,  Cesare Boni.

 

Nella sala conferenze del caffè Intra Moenia un pubblico numeroso ed attento ha ascoltato gli interventi di: Amrita  Claudia  Del Vento, Sadik Marcello Mottola, Salvatore Pace, Mario Coppeto, Geppi Rippa.

 

Ha introdotto Amrita Claudia Del Vento, giornalista pubblicista e coordinatrice di Del Vento Club del Benessere, definendo i motivi della pubblicazione del numero della rivista interamente dedicato alla morte e al morire: " L’esigenza primaria è stata quella di ricordare il mio caro compagno di una vita alla sua maniera, cioè creando strumenti di consapevolezza, un’ occasione e un’opportunità di riflessione su un tema che per la nostra società occidentale è un tabù".

 

Ha continuato Sadik Marcello Mottola, giornalista pubblicista e collaboratore di Quaderni Radicali e di Nuova Agenzia Radicale, ricordando che:" Le persone in gran numero vivono distanti dalla consapevolezza di una morte possibile, soprattutto in occidente. Oggi si parla di questo evento solo in occasione di celebrazioni commemorative, di funerali, per schierarsi pro o contro l’eutanasia. La cultura del nostro tempo ha dimenticato che la malattia, la vecchiaia e la morte sono eventi naturali.

 

La morte è nascosta e la si vive in una solitudine inconsapevole. Tutti gli argomenti che riguardano la morte rimangono nell’oblio: la preparazione del corpo e dello spirito, il dolore e la sofferenza, l’eccessiva medicalizzazione, le medicine palliative, l’accompagnamento post-mortem. La paura, creata da condizionamenti sociali appresi,  impedisce di riflettere sul continuum della vita.  Diceva il padre della chimica moderna Lavoisier: Nulla si crea e nulla si distrugge ma tutto si trasforma.  Se l’Universo cambia continuamente perché noi dovremmo essere l’unico aspetto non coinvolto?".

 

Ha preso la parola Salvatore Pace, consigliere comunale del Comune di Napoli, delineando il suo percorso umano, professionale e politico che lo ha portato a presentare e a far approvare all’unanimità la proposta di legge in Consiglio Comunale per l’istituzione delle Sale Municipali di Commiato, spazi laici e pubblici per salutare e commemorare i defunti. La città di Napoli ha così ottemperato a questo civilissimo obbligo di legge recuperando l’integrità  della persona di fronte alla morte, il diritto civile a celebrare i riti scelti secondo la propria coscienza in piena libertà e dignità. Ha informato  inoltre i presenti  sulla tempistica della costruzione del forno crematorio nel cimitero della città, esso dovrebbe essere operativo entro la metà del prossimo anno. Ha ringraziato gli organizzatori del Convegno e le Associazioni presenti per la sinergia di intenti attraverso l’iniziativa "Un luogo sacro per ognuno"e per il supporto avuto in questa lunga battaglia.

 

Ha continuato Mario Coppeto, presidente della V Municipalità di Napoli, Vomero- Arenella, delineando l’importanza della funzione delle municipalità nella definizione e allestimento degli spazi territoriali definiti "Sale Municipali di Commiato". Ha annunciato in pubblico che per il territorio a lui affidato è già stato trovato uno spazio idoneo e che esso è  in via di allestimento.

 

Prende la parola per concludere Geppi Rippa, direttore di Quaderni Radicali e di Nuova Agenzia Radicale, che afferma:"La crisi economica mondiale, i suoi intrecci tra finanza invisibile e debolezza degli Stati e dei governi, hanno trasformato il nostro Paese. Oggi siamo al capolinea. Negli equilibri mondiali gli Stati hanno perso peso rispetto alla finanza che, nella sua parte oscura, determina le sorti degli stati stessi.

 

E' evidente che i più deboli sono quelli che non hanno saputo o potuto costruirsi una propria autonomia. Possiamo dire che ci troviamo "nudi alla meta". Stiamo vivendo la tentazione di approfittare del momento di crisi economica per ridurre gli spazi di conoscenza, di responsabilità e di libera scelta dell’individuo.

 

Non vi è forza politica in grado di offrire nel nuovo scenario un nuovo contratto sociale tra le persone, tra i gruppi. Come forza politica radicale denunciavamo la chiusura di spazi di libertà e di diritti già molti anni fa ma  la nostra azione politica è stata sistematicamente oscurata e banalizzata. Insieme a Maurizio non abbiamo mai dismesso i principi laici, liberali e di empirismo, non resistendo ma esistendo per i nostri principi, con determinazione e continuità nella convinzione che questo è l’unico percorso entro cui si può costruire una speranza di uscita ed anche una condizione per non essere sopraffatti".

 


 

- Audiovideo presentazione di ReNudo "La vita oltre" in ricordo di Maurizio Mottola (Quaderni Radicali Tv)

 

 


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna