Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

14/12/19 ore

POESÌ di Rino Mele. Riggiole



Adhaesit pavimento anima mea, la mia anima aderisce alla terra, è la voce del salmo CXVIII, un grido di penitenza che Dante utilizza nel canto XIX del Purgatorio, dove soffrono la pena gli avari e i prodighi. Penso ai pavimenti delle cattedrali, ma anche delle case più povere, la presenza dei riquadri di creta, le riggiole, a testimoniare il lavoro del fuoco. Oggi, 13 novembre, ad Amalfi nel Supportico di Sant’Andrea, il Centro di Cultura e Storia Amalfitana presenta l’opera di Giacinto Tortolani sull’arte della ceramica e le maioliche di Vietri sul mare.

 

 

 

 

 

 

POESÌ di Rino Mele 

 

 

Riggiole

 

Il tempo è il suo consumare, il devoto 

trasformarsi dei corpi

e delle cose che ne segnano la tremenda presenza

gridando senza voce, l'arso

morire nel ricominciare.

Il pavimento delle chiese, il loro trasformarsi nel passaggio degli

uomini, 

il loro peso

che l'istante non trattiene. È stata

una lastra fotografica il pavimento delle chiese nel conservare

quell'inesausto

passare, il piangere, il gelo della cripta che sotto di esso aspetta,

la disperazione 

delle donne ripetuta nell’imbuto delle mani.

Quante volte s'è versato sangue nel freddo notturno

del transetto

(i cani fuggiti via come uccelli

mentre un'ombra e il suo corpo rimanevano a penare).

Pavimenti intrisi di colore, geometrie

di animali

fantastici, gli amboni, e i tetti, anche le tegole a volte

erano colorate, il fuoco le illuminava 

di verde, e sembrava una lontana tempesta.

Sempre la storia

riporta alla superficie

il nodo stretto

tra la mano e lo sguardo,

il dolore necessario di rappresentare ciò che la parola

nasconde 

nel suono afono in cui vorrebbe gridare.

  

 _______________________________

 

 

Rino Mele (Premio Viareggio Poesia 2016, terna finale con “Un grano di morfina per Freud, ed. Manni) scrive, il venerdì e il martedì, su “Agenzia Radicale”. Dal 2009 dirige la Fondazione di Poesia e Storia. Il nome della rubrica è “Poesì”, come nel primo canto del “Purgatorio” Dante chiama la poesia.

  

 

 

Leggi l'intera sequenza di POESÌ