Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

14/07/24 ore

Jeanne du Barry, di Maïwenn. La favorita di Luigi XV


  • Giovanna D'Arbitrio

Presentato come film d'apertura della 76ª edizione del Festival di Cannes, Jeanne du Barry, la favorita del re, di Maïwenn, racconta la vita di Marie-Jeanne Bécu (Vaucouleurs 1743 – Parigi 1793), divenuta contessa du Barry, ultima favorita di Luigi XV di Francia che ebbe grande influenza sul sovrano a Versailles. Dopo la morte del re, perse ogni potere e fu ghigliottinata durante il regime del Terrore della Rivoluzione Francese.

 

Nel film Jeanne (Maïwenn), figlia illegittima di una povera sarta, nonostante le umili origini, si fa notare per spiccato interesse per la cultura, intelligenza, eleganza e grande fascino, doti con le quali riesce a salire nella scala sociale, fino ad attirare l’attenzione di re Luigi XV (Johnny Depp): divenuta la sua favorita con il titolo di contessa du Barry, quando il re le permette di trasferirsi a Versailles, il suo arrivo viene mal accolto e suscita scandalo.

 

Per quest’ultima opera, Maïwenn cambia stile e s’immerge in una realtà storica del passato con un costoso film in costume, raccontando la storia di Jeanne, cortigiana e arrampicatrice sociale che, attraverso un legame con il Conte di Barry, si avvicina ai sontuosi palazzi dei nobili, prima che Richelieu stesso la presenti al sovrano.

 

Colpisce la scena del suo primo incontro con il re che riesce a catturare con il suo sguardo, un re triste per la perdita della sua amante, Madame de Pompadour. E la reggia di Versailles ci affascina con i suoi fasti e le scenografie eleganti dai colori pastello, illuminate da luci di candele che ci ricordano in parte quelle del film Barry Lyndon di Kubrick

 

Me ne sono innamorata quando ho visto Marie Antoinette di Sofia Coppola, che aveva affidato quel ruolo ad Asia Argento. - ha affermato la regista a Cannes - E da allora è diventata quasi un’ossessione per me. Mi pareva meritasse un film tutto per sé: per questo ho iniziato ad approfondire la sua vicenda e a scriverne la sceneggiatura. Jeanne era di origine umilissime, figlia illegittima di una sarta, ma grazie al suo fascino e all’amore per la cultura conquistò uomini dell’alta società fino a sedurre e innamorarsi di Luigi XV. Lui la volle a Versailles, fino alla morte, suscitando malumori e chiacchiere. Fu allontanata alla sua morte durante il periodo del Terrore seguito alla Rivoluzione francese. La sorpresa del film è anche nel ruolo del monarca affidato a Johnny Depp che, per la prima volta, recita in francese”.

 

Il film è supportato da un buon cast includente Johnny Depp, Maïwenn, Melvil Poupaud, Pierre Richard, Pascal Greggory, Benjamin Lavernhe, Noémie Lvovsky, India Hair, Robin Renucci, Marianne Basler, Caroline Chaniolleau, Suzanne De Baecque, Capucine Valmary, Patrick d'Assumçao.

 

Notevoli sceneggiatura di Maïwenn, Teddy Lussi-Modeste, Nicolas Livecchi, fotografia di Laurent Dailland, musiche di Stephen Warbeck, scenografia di Angelo Zamparutti, costumi di Jürgen Doering Maïwenn Le Besco (Les Lilas, 17 aprile 1976).

 

Maïwenn, attrice, regista e sceneggiatrice francese, ha 47 anni ed è nata in una famiglia multietnica di artisti con i quali non andava d’accordo, per cui di presenta solo con il nome di battesimo. Nota in Francia, Maïwenn inizia poi nel 2006 a scrivere e dirigere i suoi film-tra i quali ricordiamo, Pardonnez moi(2006), Le Bal des actrices (2009), Polisse (2011),Mon roi - Il mio re (Mon roi) (2015), DNA - Le radici dell'amore (2020)

 

 

Ecco il trailer del film (da Coming Soon)

 

 


Aggiungi commento