Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

16/07/24 ore

The Fabelmans, di Steven Spielberg. Un toccante biopic


  • Giovanna D'Arbitrio

Il nuovo film di Steven Spielberg, The Fabelmans, ha ottenuto già molti riconoscimenti, come il Premio del Pubblico al Toronto Film Festival e di AFI Awards, 5 candidature a Golden Globes, 10 candidature a Critics Choice. A quanto pare si tratta di una storia in gran parte-autobiografica, basata sull'infanzia e l'adolescenza del regista, in particolare sul periodo da lui trascorso in Arizona. 

 

Il film racconta la storia di Sammy Fabelman (Gabriel LaBelle), un ragazzo cresciuto tra l'Arizona e la California tra gli anni ‘50 e ‘60. All’età di 6 anni Sammy non vuole andare a cinema, ma poi grazie a sua madre (Michelle Williams) impara ad amarlo. Favolose le prime scene che colpiscono il bambino: quelle di L'arrivée d'un train à La Ciotat e quelle di Il più grande spettacolo del mondo di Cecil DeMille.

 

Purtroppo da un filmino girato in campeggio, l’adolescente Sam scopre che sua madre ha una relazione con il miglior amico di famiglia, un segreto sui suoi genitori che alla fine arriveranno al divorzio: il padre Burt (Paul Dano), bravo ingegnere vuole trasferirsi a Los Angeles per far carriera, la madre, ex pianista che invece ha rinunciato a suonare per la famiglia, vuole restare a Phoenix. Profondamente provato, Sam si rifugia pertanto nella sua passione per il cinema e intraprende una strada luminosa, ricca di futuri brillanti risultati.

 

Il film è un atto d'amore del regista verso i genitori, in particolare verso la madre, a cui il film è dedicato ed appare centrato su alcuni temi essenziali: antisemitismo e bullismo sperimentato al liceo, primi amori, divorzio dei genitori, potere salvifico dell’arte.

 

In un’intervista in cui al regista è stato chiesto come avrebbero reagito i suoi genitori nel vedere il film se fossero stati ancora vivi, egli ha così risposto: “Mia madre ne sarebbe stata felicissima e avrebbe danzato come fa nel film. Era un'artista: oltre a danzare suonava il piano ed era una perfomer in tutto quello che faceva. Per un periodo ha gestito un ristorante nel quale recitava persino quando doveva servire i clienti. Mio padre, invece, avrebbe reagito con tristezza di fronte alla messa in scena della fine del suo matrimonio. Ma credo che poi ne sarebbe stato felice, perché nel film racconto anche come sia riuscito a mantenere una promessa che non voglio svelare a chi non lo ha ancora visto. Vorrei aggiungere tuttavia che dopo il dolore provato da tutti noi per la dissoluzione del matrimonio, c'è stato un momento di autentica e profonda amicizia tra i miei genitori: dopo la morte di Bennie, il migliore amico di mio padre di cui si era innamorata mia madre, i miei si sono riavvicinati e sono rimasti l'uno accanto all'altro sino alla fine delle loro vite, inseparabili".

 

Senz’altro un bel film che si avvale di ottimi interpreti, come Gabriel LaBelle, Michelle Williams, Paul Dano, Seth Rogen, Jeannie Berlin, Keeley Karsten, Robin Bartlett, Oakes Fegley, Julia Butters, Gabriel Bateman, Judd Hirsch, Nicolas Cantu, Sam Rechner, Chloe East, Isabelle Kusman, David. Notevoli sceneggiatura di Tony Kushner e Steven Spielberg, fotografia di Janusz Kaminski, montaggio di Sarah Broshar.

 

Trai numerosi film di Spielberg ricordiamo Lo squalo, Incontri ravvicinati del terzo tipo, I predatori dell'arca perduta, E.T. l'extra-terrestre, Indiana Jones e il tempio maledetto, Il colore viola, L'impero del sole, Indiana Jones e l'ultima crociata, Hook - Capitan Uncino, Jurassic Park, Schindler's List, Il mondo perduto - Jurassic Park , Amistad, Salvate il soldato Ryan, A.I. - Intelligenza artificiale, Minority Report, The Terminal, La guerra dei mondi, Munich, Indiana Jones e il regno del teschio di cristallo, War Horse, Lincoln, Il ponte delle spie, The Post, Ready Player One, West Side Story.

 

Ecco il trailer del film (da FilmIsNowItalia)

 

 


Aggiungi commento