Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

21/04/24 ore

Carcere, in prigione anche da morto


  • Serena Guerrera

Ancora storie dall'inferno carceri. A 10 mesi dalla morte di Tiziano De Paolo, giovane detenuto morto a Regina Coeli per un’overdose, la salma ancora non è stata messa a disposizione della famiglia a cui, per adesso, è stato negato il diritto del “ultimo saluto” al proprio caro.

 

Nessun funerale per il 29enne romano. Angiolo Marroni, garante dei diritti dei detenuti del Lazio, ha perciò denunciato la vicenda sottolineando come “le indagini tutt'ora in corso non possono assolutamente giustificare questa situazione. Bisogna tenere in debito conto che, oltre alla perdita traumatica di un proprio caro, una famiglia sta vivendo il dramma di non poterlo piangere per un ultimo saluto".

 

Stando alle dichiarazioni di alcuni collaboratori del Garante, sulla salma sono stati effettuati da subito esami e rilievi autoptici ma una serie di contrattempi hanno allungato oltre il lecito i tempi per la restituzione alla famiglia del corpo che a tutt’oggi - dopo quasi un anno - è allocato, in situazione precaria, nel Deposito cremazioni del cimitero di Prima Porta.

 

“Fermo restando il diritto della Procura di svolgere le indagini e quello degli imputati di difendersi - ha concluso Marroni - non possiamo non considerare ciò che sta accadendo: un ennesimo caso di malagiustizia nei confronti di un detenuto morto e della sua famiglia”.


Aggiungi commento


Archivio notizie di Agenzia Radicale

é uscito il N° 118 di Quaderni Radicali

"Politica senza idee - La crisi del Partito Democratico"

Anno 46° Speciale Febbraio 2023

è uscito il libro 

di Giuseppe Rippa

con Luigi O. Rintallo

"Napoli dove vai"

Aiutiamoli a casa loro? Lo stiamo già facendo ma male.

videoag.jpg
qrtv.jpg

è uscito il nuovo libro 

di Giuseppe Rippa

con Luigi O. Rintallo

"l'altro Radicale
Essere liberali
senza aggettivi"

 (Guida editori) 

disponibile
in tutte la librerie