Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

27/04/17 ore

Allarme antibiotici



Ogni anno in Italia muoiono più di tremila persone per infezioni causate dall’aumento della resistenza batterica agli antibiotici. Venticinquemila sono i morti in Europa, ventitremila negli Stati Uniti e la crescita anno dopo anno sale vertiginosamente. Fonti autorevoli prevedono un milione di morti per il 2025 nel mondo.

 

Il Ministro della Sanità Lorenzin ha dichiarato di fronte a questo allarme che troppo spesso i medici prescrivono antibiotici anche quando non realmente necessario. Una verità parziale che nasconde una realtà molto più drammatica. Infatti, la maggiore responsabilità di queste morti è data dall’abuso in veterinaria, di antibiotici somministrati quotidianamente negli allevamenti intensivi degli animali destinati alla macellazione.

 

Questi antibiotici non vengono somministrati solamente per tenere in vita gli animali che altrimenti morirebbero in gran numero per le condizioni da lager in cui si trovano a vivere, ma anche per farli crescere più velocemente. Illustri scienziati inglesi e americani hanno paragonato la gravità del fenomeno per la salute umana (di per se degli animali se ne fregherebbero invece) a quella del pericolo terrorista.

 

Chi si nutre quotidianamente di carne proveniente da allevamenti intensivi deve sapere che si nutre quotidianamente di una varietà di trenta antibiotici, alcuni anche fuorilegge. Tra l’altro, come riportato in un impressionante servizio televisivo di Report su Rai3, una grande quantità di carne macellata e consumata in Italia in realtà proviene dall’estero in paesi dove l’abuso di antibiotici negli allevamenti intensivi è ancora maggiore e le condizioni di vita degli animali ancora peggiori.

 

Dulcis in fundo "Il Fatto Quotidiano" a questo proposito ha scritto che l’Istituto Superiore di Sanità ha classificato l’Italia nel gruppo dei paesi con livelli di resistenza più alti a classi di antibiotici quali i carbapenemi che vengono usati illegalmente negli allevamenti intensivi nonostante non siano autorizzati in nessun paese europeo.

 

Claudia Del Vento

 

 


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna