Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

23/09/20 ore

Renzi gioca con le parole, noi rischiamo vent’anni di eclissi democratica



di Rino Formica

(da Il Foglio del 19 febbraio 2014)

 

Siamo giunti a un punto di rottura istituzionale senza precedenti nella storia repubblicana. Renzi può solo mettere un cerotto sulla profonda ferita. Renzi annuncia una riforma al mese. Non si capisce se la promessa è sino a giugno 2014 o sino ad aprile 2018. In questo ultimo caso sarebbero 45 le riforme all’orizzonte! Ma fermiamoci al giugno 2014.

 

Per mettere mano alle annunciate riforme, Renzi deve dire come si superano i primi ostacoli. Proviamo a schematizzare.

– Una riforma costituzionale senza la Costituente eletta dal popolo.

– Una riforma del lavoro senza patto sociale.

– Una riforma della Pa senza la riforma dello Stato.


– Una riforma elettorale senza la rappresentanza del pluralismo politico.


– Una riforma del fisco senza dividere gli evasori grandi ladri dagli evasori per sopravvivenza.


– Una riforma della giustizia senza chiarire se la magistratura è un potere politico o è un ordine funzionale allo Stato democratico.

 

Su questi temi si potrà ancora giocare con le parole. Sarà difficile, invece, aggirare l’ostacolo sul punto critico politico: Renzi dovrà dichiarare su quante maggioranze è seduto. Ma Renzi ha già perso se pensa di poter mediare da presidente del Consiglio tra una maggioranza di governo che si regge su partiti che devono sopravvivere e una maggioranza delle riforme che vuole ridurre il sistema politico a un duopolio di potere tra Forza Italia e Pd.

 

La crisi di sistema ha un passaggio obbligato: il ritorno del popolo nel sostegno della Repubblica.
 La democrazia senza popolo è destinata a perire. Non basta il richiamo alle urne se il popolo abbandona il rito democratico delle elezioni. In Sardegna come si potrà governare la crisi economica e sociale dell’isola con un governo regionale che raccoglie solo il 20 per cento dell’elettorato?

 

Questo è lo scenario che si annuncia per l’Italia. Ho il timore, e vorrei tanto poter sbagliare, che dopo Renzi si possa aprire un ventennio di eclissi democratica. Negli Stati moderni non si muore se si tagliano i patrimoni, i profitti, le rendite e i salari, si decade se muore la democrazia. E dopo, svanisce la libertà.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna