Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

17/11/17 ore

Mamma incenerita da asteroide, riflessioni semiserie su mammismo e pubblicità



Anni di mammismo all’italiana tra canzoni strappalacrime e poesie di grandi poeti sono stati cancellati di botto da uno spot pubblicitario sul “Buondì” Motta che ha scatenato un’accesa bagarre tra reazioni contrastanti.

 

“… Mamma, mamma, vorrei una colazione leggera ma decisamente invitante che possa coniugare la mia voglia di leggerezza e golosità” dice una gioiosa bambina alla madre che sorridendo adorna di fiori un tavolo all'aperto, tra melodiosi canti di uccellini.

 

 “ … Non esiste una colazione così, cara - risponde la mamma - Possa un asteroide colpirmi, se esiste". E come per intervento magico di una strega cattiva, di colpo un asteroide centra in pieno la povera donna e l’incenerisce.

 

Molti hanno protestato pensando a tutti quei i bimbi, orfani “reali”, che hanno perso di recente la madre in modo tragico oppure a quanti di essi possano ancora sentirne la mancanza anche a distanza di anni.

 

Sembra che qualche bambino ... sia scoppiato in lacrime dopo aver visto tali immagini! 

 

C’è chi ha asserito che lo spot copia lo stile di certi cartoni animati e serie Tv americani e il presidente dell’AIART (Associazione Spettatori Telespettatori Onlus), M. Padula, ha contestato il “cattivo gusto di tale pubblicità nel raccontare un momento importante di relazione familiare, come quello tra madre e figlia", una pubblicità che oltre tutto  viene ripetuta a qualsiasi ora del giorno e propinata indiscriminatamente a spettatori di qualsiasi età.

 

Buondì Motta si difende puntando sull’ironia sottesa dello spot, poiché “si scherza  solo sull'irrealtà di questa situazione. Quante volte si è visto un asteroide colpire la Terra?".   

 

C’è chi appoggia questa tesi, in quanto vedono in esso "la stessa ironia surreale di Fantozzi, stesso sapore. Su queste cose sono 30 anni che ci si ride. Ben venga un po' di ironia anche nella pubblicità!".

 

 
Concludendo se la pubblicità, che vuol “colpire” a tutti i costi pur di attirare l’attenzione, può essere eccessiva, la raffica di critiche hanno finito per celebrare il mito della pubblicità stessa: … tutti ne parlano.

 

Giovanna D’Arbitrio

 

(ndr) - Si attende la replica ora che anche il papà, come si dice, verrà colpito da un asteroide... !

 

 


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna