Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

30/06/22 ore

Giustizia: i referendum unica strada per avviare una vera riforma. Conversazione con Giuseppe Rossodivita



Un profondo processo riformatore deve interessare il versante della giustizia … l’ordinamento giudiziario e i sistema di governo devono corrispondere alle pressati esigenze di efficienza e di credibilità, come richiesto a buon titolo dai cittadini…”.

 

Queste le parole del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella nel messaggio al Parlamento nel giorno del giuramento per il rinnovo dell’incarico al Quirinale. Eppure nonostante queste raccomandazioni le “… indispensabili riforme annunciate” che dovevano giungere con immediatezza al compimento non hanno preso forma.

 

Anzi, la riforma del ministro Marta Cartabia, non ancora approvata dalla Camera dopo l’approvazione al Senato, risulta fragile e decisamente ancora di più annacquata dal passaggio parlamentare e assolutamente non in grado di avviare una vera riforma della giustizia nel quadro della sempre più evidente contro-produttività del sistema, con grave danno per i cittadini, con 6 milioni di procedure pendenti e con le pressioni corporative che bloccano ogni prospettiva di riforma rendendo poco credibile che dentro il “dibattito parlamentare” ci sono le risposte. 

 

Dare la parola ai cittadini on i referendum il 12 giugno, per cambiare lo stato delle cose è l’unica prospettiva per avviare una vera prospettiva riformatrice, per dare all’ordine giudiziario quella fiducia e non diffidenza verso la giustizia come il Capo dello Stato auspicava…

 

Ma l’informazione, sia stampata che televisiva, ha decretato il più totale silenzio, a cui ora si aggiunge una confusa e sempre più banalizzante rappresentazione, mirata ancor di più al conseguimento dell’obiettivo degli anti-riformatori: non far raggiungere il quorum previsto.

 

Di questo e della lunga battaglia radicale e referendaria radicale per la Giustizia Giusta parla l’avv. Giuseppe Rossodivita, che è stato anche consigliere regione nel Lazio, con il direttore di Quaderni Radicali e Agenzia Radicale Giuseppe Rippa nella conversazione per Agenzia Radicale Video.

 


 

 - Giustizia: i referendum unica strada per avviare una vera riforma. Conversazione con G. Rossodivita

(Agenzia Radicale Video)

 

 


Aggiungi commento