Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

05/12/21 ore

Sondaggi pieni, urne vuote: l'effetto Conte sul M5S


  • Antonio Marulo

C'era una volta, e ora non c'è più, l'indice di gradimento di Giuseppe Conte, il più amato dagli italiani secondo i sondaggisti del circo mediatico della politica politicante. Lo certifica l'unico sondaggio che conta, quello che vivaddio si fa ogni tanto andando alle urne.

 

La caduta libera del M5S è ormai inesorabile e il suo nuovo condottiero non l'ha frenata. All'inizio del pomeriggio elettorale la Swg aveva alimentato false speranze con una proiezione sbagliata, dando conto di un presunto testa a testa Raggi-Gualtieri-Calenda per il secondo posto in griglia a Roma. Enrico Mentana ci contava tanto per rendere più interessante la sua maratona di esercizi di stile che nemmeno Raymond Queneau... Poi tutto è rientrato e i risultati del voto sin sono rivelati spietati con i 5 stelle, ridotti ai minimi termini secondo le peggiori previsioni della vigilia.

 

Le indagini statistiche che ci propinano telegiornali e talk tv da mesi hanno invece raccontato un'altra storia ed evidentemente un'altra Italia. Si attribuivano al Movimento 5 Stelle, non si sa su che basi, tra il 15 e 18 per cento di consensi, “forchetta più, forchetta meno”, e Giuseppe Conte svettava tra i più popolari, Draghi escluso. Dati che, se confermati dal voto comunale, ci avrebbero consegnato tutt'altro scenario politico.

 

Non è la prima volta, anzi sta diventando una regola quella del fallimento dei sondaggi. Eppure media e politici si aggrappano strumentalmente alle intenzioni di voto settimanali, nonostante la loro conclamata scarsa attendibilità. 

 

Mario Draghi, nel rispondere a Salvini sulla delega fiscale, ha detto che il governo non può seguire l'agenda elettorale. Forse è stato ottimista. Qui c'è chi segue nonostante tutto il sondaggio del lunedì del Tg di La7.

 

 


Aggiungi commento