Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

08/08/20 ore

Eurogruppo: se l’Europa è solo formalismo burocratico


  • Luigi O. Rintallo

L’Eurogruppo, l’organismo che riunisce i ministri delle finanze dei Paesi area euro per coordinare le politiche economiche, ha scelto il suo nuovo presidente: l’irlandese Paschal Donohoe.

 

Ha prevalso su Nadia Calvino, che alla vigilia aveva l’appoggio dei principali Stati: Germania, Francia, Spagna e Italia. Avviene così che a capo dell’Eurogruppo sieda ora l’eletto da nazioni che detengono meno del 20% del pil europeo.

 

È l’esito del formalismo burocratico con il quale si è preteso di organizzare l’Unione europea, soprassedendo dall’impostazione di stampo federale che avevano immaginato i padri fondatori.

 

Proprio l’assenza di un metodo ispirato ai principi liberali di un federalismo capace di darsi una governance è il miglior assist che possa esserci per la polemica sovranista. Si potrebbe, anzi, affermare, senza timore di smentita, che l’intero sistema con il quale si gestiscono i rapporti all’interno del consesso europeo è quanto di meno serva per conseguire l’obiettivo di una reale unità politica.

 

Laddove la fallacia di un ritorno al nazionalismo assicurerebbe la vanità e sterilità della opzione sovranista, ecco che l’elefantiasi della burocrazia di Bruxelles, la sua invadenza contro produttiva e i miserevoli calcoli di interesse dei paesi membri compie il miracolo di mantenerla capace di raccogliere consensi.

 

In questo modo si condanna l’UE a un ruolo sempre più marginale nello scacchiere internazionale, destinata a sottostare da un lato a leadership monche delle nazioni più forti, ma pur sempre incapaci di porsi a guida di un processo geo-strategico di ampio respiro e – dall’altro – a ridursi in una condizione di subalternità rispetto ai protagonisti mondiali.

 

Se a questo si aggiunge la pavidità e la debolezza della sua anima democratica, l’UE finisce per assumere più i caratteri di un ostacolo che non quello auspicato di diventare la molla propulsiva di un consolidamento della partecipazione politica e baluardo contro le tentazioni dispotiche.

 


 

 


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna