Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

11/08/20 ore

Basta con i magistrati che fanno politica, l’Anm scarica Ingroia



"Tutti i magistrati, e soprattutto quelli che svolgono indagini delicatissime devono astenersi da comportamenti che possono offuscare la loro immagine di imparzialità, cioè da comportamenti politici". A parlare è il presidente dell’Associazione nazionale magistrati Rodolfo Sabelli, che prende posizioni – circostanza a suo modo straordinaria - contro l’attivismo politico di Antonio Ingroia.

 

Il pm di Palermo, con il suo invito a cambiare la classe dirigente del Paese, afferma Sabelli, " si è spinto a fare un'affermazione che ha oggettivamente un contenuto politico", con il rischio di "appannare" la sua immagine di "imparzialita".

 

Per Sabelli, Ingroia ha anche sbagliato, insieme con il collega Di Matteo, ad assistere in silenzio alla "manifestazione plateale di dissenso nei confronti del capo dello Stato" che c'è stata alla Festa del Fatto quotidiano: "in una situazione così un magistrato deve dissociarsi e allontanarsi", “evitare sovraesposizioni" e "non mostrarsi sensibile al consenso della piazza".

 

Non si è fatta attendere la risposta di Antonio Ingroia, che rivendica "l’analisi storica e sociologica del fenomeno mafioso: il collega Sabelli non conosce il contenuto della mia intervista e si è fidato di una frase estrapolata".

 

Io ho fatto – continua il Pm – un intervento, sul rapporto tra potere mafioso e politica e ho parlato di un certo modo di essere della classe dirigente che, invece di attuare una politica di annullamento, ha attuato una politica di contenimento della mafia e ho detto che per recidere i legami tra Cosa nostra e certa classe politica occorre rinnovare la classe politica. La mia era una valutazione storica e sociologica che rivendico”.

 

Il discorso riguardante il cambiamento della classe dirigente – precisa - va inquadrato in un contesto più ampio, in cui parlavo della necessità di recidere i legami dello Stato italiano con la mafia dall’Unità ad oggi. In questo senso ho detto che va cambiata la classe dirigente”.

 

Quanto alla mancata presa di distanza dalle critiche del Presidente della Repubblica, Ingroia ha sottolineato che “in un dibattito ognuno si assume la responsabilità personale delle proprie opinioni. Se si partecipa a un dibattito a più voci ciascuno dice quello che pensa e ne risponde".

 

“Né io né i colleghi abbiamo espresso ieri critiche nei confronti del Capo dello Stato – ribadisce – Secondo me sono polemiche fuori luogo. Come in ogni dibattimento ciascuno è responsabile delle proprie opinioni, ma noi siamo rimasti impassibili”.


Commenti   

 
0 #2 franco 2012-09-11 22:02
SOLO LA VERITA' CI RENDE LIBERI!
MENZOGNA ED INGANNO SONO LE ARMI DI QUESTI DEMONI BURATTINAI E LORO SERVI PAPPONI BURATTINI!
però a codesta cricca e loro referenti zombies vetero comunisti, rottamati, andava bene il protagonismo di alcune cellule di mani pulite, nelle cui segreterie avevano libero accesso media e tromboni di questi trinariciuti.
dove i rei di stessi reati venivano distinti opportunamente 'fra chi non poteva sapere' e 'fra chi non poteva NON sapere', con il risultato del clamoroso fallimento contro il ladrocinio istituzionale pluri decennale messo in atto dal potere mafioso di tutti questi partiti canaglia!
nessuno di questi maramaldi parassiti merita il nostro voto:
NON SPRECHIAMOLO!
NON VOTIAMOLI!
MANDIAMOLI A LAVORARE!
O MEGLIO TUTTI AFFA....!
Citazione
 
 
+3 #1 Maurizio Navarra 2012-09-11 00:26
E' inutile. Non c'è speranza che capisca ... oppure ha veramente capito tutto. Sta di fatto che il nostro Paese avrebbe bisogno di magistrati più equilibrati e prudenti. Est modus in rebus!!
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna