Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

20/06/24 ore

Hamed Esmaeilion: la bussola morale dell'opposizione iraniana



di Himdad Mustafà *

(da Memri)

 

Hamed Esmaeilion è una delle figure più importanti dell'opposizione democratica iraniana nella diaspora, poiché è sostenuto da diversi segmenti della società iraniana, compresi i gruppi etnici iraniani. Il giornalista iraniano-americano Jason Rezaian ha affermato che Esmaeilion è emerso come un "leader morale" e una "voce di spicco fuori dall'Iran nel movimento anti-regime - un ponte essenziale tra gli iraniani della diaspora che vogliono promuovere un futuro più libero per la loro patria e i milioni all'interno dell'Iran che vivono sotto un sistema abusivo che ha a lungo operato nell'impunità. “[1] 

 

Anche Karim Sadjadpour, Senior Fellow presso il Carnegie Endowment for International Peace, ha definito Esmaeilion un "modello" e una "bussola morale" per la comunità della diaspora iraniana.[2]

 

Il seguente rapporto mostra come Esmaeilion potrebbe essere la figura principale in grado di riuscire ad unire l'opposizione iraniana e portare al crollo della repubblica islamica.

 

Volo PS752

 

Esmaeilion è nato nella città curda di Kermanshah, nel 1977. È un attivista sociale, scrittore e dentista iraniano-canadese. Ha studiato Odontoiatria all'Università di Tabriz tra il 1995 e il 2000. È emigrato in Canada con la moglie Parisa e il loro neonato Reera nel 2010.

 

L'8 gennaio 2020, la moglie di Esmaeilion e il loro unico figlio, Reera, sono stati uccisi quando il Corpo della Guardia rivoluzionaria islamica iraniana ha abbattuto il volo Ukraine International Airlines 752 con due missili terra-aria, poco dopo il decollo dall'aeroporto internazionale di Teheran. I missili hanno ucciso tutti i 176 passeggeri e l'equipaggio a bordo.

 


 

Per chiedere giustizia, Esmaeilion e un gruppo di famiglie delle vittime del volo PS752 hanno istituito l'"Associazione delle famiglie delle vittime del volo PS752". "Le missioni della nostra Associazione sono unire le famiglie in lutto, mantenere vivi i ricordi dei passeggeri e, soprattutto, cercare giustizia. Siamo determinati a scoprire la verità e scoprire perché un volo commerciale è stato abbattuto dai missili dell’IRGC.

 

Lo faremo per chiedere fermamente giustizia fino a quando i colpevoli, gli autori e i comandanti di questo crimine atroce non saranno identificati e consegnati alla giustizia davanti a un tribunale imparziale e indipendente", ha scritto l'associazione, guidata da Esmaeilion.[3]

 

Discorso alla cerimonia commemorativa del volo 752

 

L'8 gennaio 2023, durante una cerimonia commemorativa del volo 752 tenuta a Toronto dall'Associazione delle famiglie delle vittime del volo PS752, Esmaeilion ha tenuto il seguente discorso: "Sono passati tre anni che ci sembrano una vita. Ci è voluto molto tempo affinché tutti capiscano che il regime della Repubblica islamica non è altro che una banda mafiosa, uno stato tirannico che non produce altro che terrorismo, repressione e ingiustizia.Il mondo deve capire che non hanno posto nella comunità internazionale e, soprattutto, non rappresentano il grande popolo dell’Iran...

 

"Non ci sono voluti 44 anni di crimini infiniti perché il mondo imparasse che da qualche parte in Medio Oriente, invece di un paese libero e democratico, una banda di delinquenti assassini sta governando il loro popolo. Quando Mahsa Amini è stata assassinata, l'Iran e la sua gente si è alzata per esprimere il dolore e la rabbia che li ha bruciati per quarantaquattro anni. Da allora, più di 500 vite innocenti sono state uccise dal regime per dimostrare che la morte di Mahsa Amini è stata un incidente. Altre migliaia stanno soffrendo in modo insopportabile, condizioni disumane nelle carceri di tutto l'Iran. Quattro giovani sono stati giustiziati per aver bloccato il traffico durante le proteste e bruciato i contenitori della spazzatura per le strade. Molti altri stanno affrontando l'esecuzione imminente per simili atti di sfida che sono etichettati dal regime come corruzione portata alla luce…

 

"Ringraziamo i governi dei quattro paesi colpiti - Canada, Ucraina, Regno Unito e Svezia - che hanno contribuito a spianare la strada per portare i criminali davanti alla Corte internazionale di giustizia dell'Aia. Sappiamo fin troppo bene quanto sia difficile e complesso questo processo legale, ma rimaniamo fiduciosi che il 28 giugno 2023, questa battaglia sarà aperta nel tribunale principale, e il regime in decomposizione della Repubblica islamica dovrà affrontare la giustizia…

 

"Sono passati tre anni e siamo ancora vivi, vivi e combattenti. Viviamo per un sogno di libertà e giustizia in Iran. Viviamo per vedere il giorno in cui i bambini iraniani cresceranno in un paese sicuro e pacifico e ogni iraniano potrà godere della prosperità in un Iran libero e democratico. 

 

Viviamo per il giorno in cui le donne e le ragazze saranno libere di decidere come vivere, cosa indossare e dove viaggiare. Viviamo per il giorno in cui coloro che si celano dietro a così orrendi crimini saranno processati in un tribunale libero ed equo. Viviamo per il giorno in cui la libertà, la giustizia sociale, l'uguaglianza e il rispetto per l'ambiente diventeranno le vere aspirazioni del nostro popolo e il giorno per cui continueremo a vivere è uno: senza la Repubblica islamica e i criminali che governano quel bel paese.”[5]

 


 

Raduno di Berlino

 

Il 22 ottobre 2022, tra intense proteste contro il regime, Esmaeilion ha mostrato le sue capacità di leadership e ha unito oltre 800.000 iraniani in una manifestazione a Berlino, in quello che è stato descritto come il "più grande" raduno nella storia degli iraniani che si oppongono alla Repubblica islamica.

 

"Tutti abbiamo dei sogni. Nei nostri sogni i prigionieri non vengono condannati a morte in processi di tre minuti", ha detto Esmaeilion in un discorso che ha tenuto alla manifestazione. "In questo sogno, gli oppressori non mettono catene al collo di scrittori e poeti. In questo sogno nessuno osa sopprimere le minoranze, o imprigionare un lavoratore a causa dei suoi scritti, o picchiarlo e poi torturarlo a morte.. Il nostro sogno si avvererà con la caduta dell'impero della paura e del crimine di Ali Khamenei.”[6]

 

Esmaeilion ha anche fornito la piattaforma ai rappresentanti delle minoranze per parlare alla manifestazione, come l'attivista beluci Fariba Baloch e l'attivista politico curdo Shahab Sheikhi, che hanno parlato in curdo.[7] Sui social media, hanno elogiato Esmaeilion dando voce alle minoranze e in particolare a Fariba Baloch, che è una donna appartenente a una minoranza, così come lo era la donna curda di 22 anni, Jina (Mahsa) Amini.[8]

 

Ghazal Golshiri, giornalista iraniano di Le Monde, ha scritto che "il successo di questa manifestazione riflette l'influenza del suo portavoce, Hamed Esmaeilion, che è riuscito a unire un'opposizione un tempo divisa".[9]

 


 

L'IRGC è un'organizzazione terroristica

 

In una dichiarazione sulla necessità per i governi europei di elencare l'IRGC iraniano come organizzazione terroristica, l'Associazione delle famiglie delle vittime del volo PS752, guidata da Esmaeilion, ha scritto: "Il Corpo delle guardie rivoluzionarie islamiche (IRGC) è un'organizzazione terroristica e deve essere riconosciuto come tale dalla comunità internazionale. Negli ultimi tre anni, l'Associazione delle famiglie delle vittime del volo PS752 ha regolarmente richiesto di elencare l'IRGC nella sua interezza come entità terroristica. Oggi, con il popolo iraniano che fa sentire la propria voce forte e chiara in la rivoluzione Donna, Vita, Libertà, è tempo che l'Europa riconosca e dichiari la vera natura terroristica dell’IRGC.

 

"Gli atti di terrorismo commessi dall'IRGC sono innumerevoli, ma le famiglie che hanno perso i propri cari sul volo PS752 sono state vittime di uno dei più atroci di tali atti. L'8 gennaio 2020, le forze dell'IRGC hanno lanciato due missili sul volo PS752. La Repubblica islamica dell'Iran ha inizialmente tentato di attribuire l'abbattimento del volo PS752 a guasti tecnici e successivamente a un errore umano, ma le prove hanno chiarito che l'attacco era intenzionale. Nei calcoli maligni di un'organizzazione terroristica, 176 innocenti le vittime e un bambino non ancora nato sono morti mentre tornavano a casa dalle vacanze invernali, lasciando dietro di sé un carico incommensurabile di dolore e lutto.

 

"Dal volo PS752, l'IRGC ha continuato la sua feroce condotta su tutti i fronti e ha esteso la sua portata economica in Iran. Più recentemente, l'IRGC si è impegnato nella repressione violenta della rivolta del popolo iraniano, usando artiglieria di livello militare sui civili. All'esterno l’Iran, hanno fornito al regime di Putin un gran numero di droni esplosivi, devastando le infrastrutture civili. Per più di 44 anni, l'IRGC ha costantemente terrorizzato i civili sia all'interno dell'Iran che all'estero. 

 

Questo non si può sopportare. Sosteniamo la manifestazione a Strasburgo del 16 gennaio 2023, che invitava l'Unione Europea e tutti i governi europei a designare l'IRGC come entità terroristica. Chiediamo inoltre ai governi europei di espellere gli ambasciatori della Repubblica islamica dai loro paesi a sostegno della volontà del popolo iraniano ."[10] Gli Stati Uniti hanno designato l'IRGC come organizzazione terroristica il 15 aprile 2019.[11]

 


Il nuovo documentario del pluripremiato regista Babak Payami "752 Is Not a Number"

sull'abbattimento del volo 752 da parte del Corpo delle guardie rivoluzionarie islamiche iraniane

 

Le minoranze iraniane esprimono il loro sostegno a Esmaeilion

 

Esmaeilion sembra essere l'unica figura dell'opposizione nella diaspora che gode di un grande sostegno da parte delle minoranze iraniane, poiché ha riconosciuto la loro sofferenza in più occasioni. Ad esempio, parlando del Kurdistan, in un tweet del novembre 2022, ha scritto: “Centinaia sono stati uccisi negli ultimi 2 mesi. Migliaia sono stati assassinati negli ultimi 43 anni. sotto assedio. Siate fermi con i criminali del regime islamico.”[12]

 

Nel gennaio 2023, Esmaeilion ha anche twittato in curdo rivolgendosi al padre di Hooman Abdullahi, un giovane di Kermanshah (la città natale di Esmaeilion) ucciso durante le proteste: "Caro padre di Hooman Abdullahi, fratello mio, come hai detto, non abbiamo armi diverse dalle nostre. Rovesceremo gli assassini e li assicureremo alla giustizia. Grazie per esserti ricordato di me. Manterremo viva la memoria di Hooman e di tutti coloro che sono stati uccisi nella nostra patria. Lunga vita al Kurdistan, lunga vita all’Iran."[13]

 

Vale la pena notare che, in un post su Instagram, Esmaeilion ha invitato l'opposizione iraniana a unirsi: "Non temiamo di avere una dittatura in futuro. Non temiamo lo smembramento dell'Iran. Questi timori non sono reali ... Concordiamo per richieste minime e scavare la fossa di questo cadavere marcio... Molti degli errori del passato non si ripeteranno se lasciamo le controversie politiche dopo il rovesciamento dei discendenti del demone [Khomeini].”[14]

 

L'ascesa di Esmaeilion aumenta le preoccupazioni a Teheran

 

La capacità politica di Esmaeilion di unificare l'opposizione ampiamente frammentata del paese in un movimento collettivo ha sollevato preoccupazioni in Iran. Il 6 febbraio 2023, l'agenzia di stampa iraniana ISNA ha scritto che Esmaeilion è "un oppresso che è diventato l'oppressore", definendolo un "separatista alla moda" che si è "unito al complotto dei nemici di questo Paese allo scopo di dividere l'Iran. “[15]

 

L'agenzia di stampa iraniana SNN ha definito Esmaeilion lo "Zelensky iraniano" e "un leader sovversivo" creato dall'Occidente. Dopo averlo accusato di avere collegamenti con "alti funzionari in Canada e negli Stati Uniti, affiliati al World Zionist Network e membri della setta baha'i", l'agenzia ha aggiunto che "Il governo canadese, in collaborazione con gli Stati Uniti e molti altri paesi, sta cercando di usare il capo e il portavoce delle famiglie delle vittime dell'aereo ucraino come 'una celebrità politica' nella loro guerra con la Repubblica islamica.”[16]

 

SNN ha affermato che "sembra che l'Occidente consideri Hamed Esmaeilion come una risorsa molto più preziosa di alcuni attori e calciatori analfabeti, che dimenticano persino di caricare i testi modificati su Twitter quando ricevono ordini dai loro padroni occidentali”.

 

Sembra che il regime iraniano tema più Esmaeilion e l'attivista Masih Alinejad piuttosto che Reza Pahlavi, poiché i media della repubblica islamica rappresentano quest'ultimo come qualcuno senza un vero sostegno.[18]

 

Conclusione

 

Negli ultimi 120 anni, la discriminazione etnica e religiosa rispettivamente sotto i sistemi monarchico e teocratico ha portato a violente rivolte lungo linee etniche e religiose contro i governi centrali persiani-centristi dell’Iran.

 

È quindi importante sostenere le forze democratiche e inclusive che rappresentano diversi segmenti della società iraniana. Pertanto, per garantire un processo politico pacifico, è importante che la comunità internazionale sostenga figure democratiche come Esmaeilion, che rappresenta gli iraniani di ogni ceto sociale all'interno e all'esterno del paese.

 

* Himdad Mustafa è uno studioso curdo ed esperto di questioni curde e iraniane.

 

 

______________________________ 

 

 

[1] Washingtonpost.com/opinions/2022/12/28/iran-protests-leader-hamed-esmaeilion/, 28 dicembre 2022.

[2] Ourcommons.ca/DocumentViewer/en/44-1/SDIR/meeting-12/evidence, 21 giugno 2022.

[3] Cfr. MEMRI Daily Brief n. 452, I monarchici iraniani non rappresentano l'Iran multinazionale, 30 gennaio 2022.

[4] Youtube.com/watch?v=2C0hNt4k7WQ, 1 settembre 2022.

[5] Vedi il video MEMRI TV n. 10070, l'attivista iraniano-canadese Hamed Esmaeilion alla cerimonia di commemorazione del volo ucraino abbattuto dall'IRGC: viviamo per un giorno senza la Repubblica islamica e senza i criminali che rovinano il bellissimo Iran, 8 gennaio 2023.

[6] Cfr. MEMRI Daily Brief n. 452, I monarchici iraniani non rappresentano l'Iran multinazionale, 30 gennaio 2022.

[7] Iranintl.com/202210226111, 22 ottobre 2022.

[8] Twitter.com/DaiKatuo/status/1586600006810845184, 30 ottobre 2022.

[9] Lemonde.fr/en/international/article/2022/10/24/tens-of-thousands-of-iranians-march-in-berlin-against-the-regime_6001581_4.html, 24 ottobre 2022.

[10] Facebook.com/PS752Justice/, 16 gennaio 2023.

[11] State.gov/foreign-terrorist-organizations, consultato il 27 febbraio 2023.

[12] Twitter.com/esmaeilion/status/1594738057474985984, 21 novembre 2022.

[13] Twitter.com/esmaeilion/status/1615044304061300736, 16 gennaio 2023.

[14] Iranintl.com/en/202301291687, 29 gennaio 2023.

[15] Isna.ir/news/1401111612186/%D8%AA%D8%AC%D8%B2%DB%8C%D9%87-%D8%B7%D9%84%D8%A8-%D9%87% D8%A7%DB%8C-%D8%B4%DB%8C%DA%A9, 5 febbraio 2023.

[16] Snn.ir/fa/news/1038525/%D8%AD%D8%A7%D9%85%D8%AF-%D8%A7%D8%B3%D9%85%D8%A7%D8%B9 %DB%8C%D9%84%DB%8C%D9%88%D9%86-%D8%B2%D9%84%D9%86%D8%B3%DA%A9%DB%8C-%D8%A7 %DB%8C%D8%B1%D8%A7%D9%86%DB%8C-%D8%AA%D9%84%D8%A7%D8%B4-%D8%BA%D8%B1%D8%A8 -%D8%A8%D8%B1%D8%A7%DB%8C-%D8%A7%DB%8C%D8%AC%D8%A7%D8%AF-%D8%B1%D9%87%D8% A8%D8%B1-%D8%A8%D8%B1%D8%A7%D9%86%D8%AF%D8%A7%D8%B2%DB%8C, 23 ottobre 2022.

[17] Snn.ir/fa/news/1038525/%D8%AD%D8%A7%D9%85%D8%AF-%D8%A7%D8%B3%D9%85%D8%A7%D8%B9 %DB%8C%D9%84%DB%8C%D9%88%D9%86-%D8%B2%D9%84%D9%86%D8%B3%DA%A9%DB%8C-%D8%A7 %DB%8C%D8%B1%D8%A7%D9%86%DB%8C-%D8%AA%D9%84%D8%A7%D8%B4-%D8%BA%D8%B1%D8%A8 -%D8%A8%D8%B1%D8%A7%DB%8C-%D8%A7%DB%8C%D8%AC%D8%A7%D8%AF-%D8%B1%D9%87%D8% A8%D8%B1-%D8%A8%D8%B1%D8%A7%D9%86%D8%AF%D8%A7%D8%B2%DB%8C, 23 ottobre 2022.

[18] Farsnews.ir/news/14011105000222/%D8%AF%D8%B9%D9%88%D8%A7%DB%8C-%D9%88%DA%A9%D8%A7%D9%84%D8 %AA%DB%8C-%D8%A7%D9%BE%D9%88%D8%B2%DB%8C%D8%B3%DB%8C%D9%88%D9%86-%D8%A8%D8 %A7%D9%84%D8%A7-%DA%AF%D8%B1%D9%81%D8%AA-%DA%A9%D8%A7%D8%B1%D8%B4%D9%86%D8 %A7%D8%B3-%D8%B5%D8%AF%D8%A7%DB%8C-%D8%A2%D9%85%D8%B1%DB%8C%DA%A9%D8%A7-% D8%A7%DB%8C%D9%86-%DA%A9%D9%85%D9%BE%DB%8C%D9%86-%D8%B3%DB%8C%D8%A7%D8%B3% DB%8C, 25 gennaio 2023.

 

(da MEMRI The Middle East Media Research Institute)

 

 


Aggiungi commento