Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

19/10/19 ore

Porno sul web, Islanda isola del dis-piacere



Il Paese delle Donne per eccellenza, guidato dal pugno di ferro (e piuma) di Jóhanna Sigurðardóttir, prima premier al mondo dichiaratamente omosessuale, potrebbe passare alla storia come la prima democrazia occidentale ad aver vietato il porno online.

 

L'Islanda degli strip club fuorilegge, della messa al bando delle ballerine di lap dance e delle bariste nude, ha infatti deciso di proibire l'accesso ai siti di pornografia e il download di video o immagini hard. “Dobbiamo poter discutere del divieto della pornografia violenta la quale, siamo tutti d'accordo, ha effetti molto nocivi sui giovani e può avere un evidente collegamento con i casi di crimine violento sulle donne” ha spiegato il ministro degli Interni islandese, Ögmundur Jónasson.

 

Per questo motivo un gruppo di tecnici sarebbe a lavoro per realizzare un programma di censura strettissimo che impedisca ai poco meno di 320mila abitanti dell'Isola del Nord Europa di scaricare qualsiasi tipo di materiale pornografico: tra le norme proposte ci sarebbe anche quella che renderebbe illegale l'uso delle carte di credito usate sugli indirizzi a pagamento.

 

“Al momento stiamo valutando le possibilità tecniche più adatte a questo scopo – ha dichiarato uno dei consiglieri di Jónasson al 'Daily Mail' – ma di sicuro, se siamo capaci di spedire un uomo sulla Luna, siamo anche capaci di contrastare il porno su internet”.

 

In Islanda in realtà vige già da diversi anni una legge che vieta la stampa e la distribuzione di materiale a luci rosse, ma finora la crociata censoria non era stata combattuta anche sull'ampio fronte dei contenuti digitali.

 

E mentre c'è già chi grida alla 'cinesizzazione' dell'Isola, qualcun altro sorride di fronte all'apparente ingenuità di un governo che, seppur all'avanguardia, pare non tenere conto degli infiniti espedienti con cui il popolo cibernetico riesce a farsi beffa di qualsiasi sistema di filtraggio delle vaste e oscure acque del web. (F.U.)


Commenti   

 
0 #3 Vicky 2016-03-15 08:29
Wonderful article! We will be linking to this great content on our site.

Keep up the good writing.

Here is my weblog ... porno: http://www.pornoheroes.com
Citazione
 
 
0 #2 ilSocialista 2013-02-15 02:19
In effetti è ridicolo, ma considerate la antropologia e la Storia; un popolo naturalmente isolato, senza grandi città; praticamente una sola grande famiglia; uno sviluppo economico improvviso e artificiale, poi il crack ed una lotta sociale feroce ed eroica contro la grande degradazione finaziaria internazionale che ha portato a riscrivere la costituzione ex novo; sono cose che possono segnare e portare ad una disconnessione sociale dal razionale; ed in effetti sono rimasti segnati forse per tutto il secolo a venire; e sopratutto sono cose che possono ANCORA SUCCEDERE pure in paesi molto maggiori.
Citazione
 
 
0 #1 Matteo 2013-02-14 20:15
"Dobbiamo poter discutere del divieto della pornografia violenta la quale, siamo tutti d'accordo, ha effetti molto nocivi sui giovani e può avere un evidente collegamento con i casi di crimine violento sulle donne”


Che cazzata! :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol:
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna