Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

06/12/21 ore

Ri-Tagli di Stampa


  • Giuseppe Rippa

Si può avere una seria diffidenza nei confronti delle sovvenzioni statali e avere ad un tempo una ferma convinzione che uno Stato democratico assicuri, all'interno di regole certe, aiuti all'editoria, anche alla carta stampata – in primo luogo locale – che costituisce la struttura portante del libero dibattito e della libera circolazione delle idee anche se di diversa impostazione culturale.

 

Questa elementare regola ha avuto in Italia la naturale formulazione di finanziare (che nel gergo partitocratico significa spartizione), tolto eccezioni, tutti coloro che con la libertà di informazione poco avevano a che fare e che come corrente, sottocorrente, clan e gruppuscolo di partito, facevano finta di fare giornali per poter finanziare sé stessi e il loro gruppo...


Aggiungi commento