Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

20/08/18 ore

Rita Bernardini: passo dopo 32 giorni dallo sciopero della fame allo sciopero del voto



Dopo 32 giorni, passo dallo sciopero della fame allo sciopero del voto – ha dichiarato Rita Bernardini del Partito Radicale Nonviolento, Transnazionale e Transpartito -.. È decisione personale, quindi per me profondamente politica, che non intende coinvolgere in alcun modo il Partito Radicale al quale sono iscritti trasversalmente candidati nelle più diverse liste che mi auguro siano tutti eletti. 

 

Quanto accaduto ieri con la messa in soffitta da parte del Governo Gentiloni dell'ordinamento penitenziario, è fatto gravissimo che mortifica tutte le speranze di conquista di un minimo segmento di legalità costituzionale nell'attuale frangente elettorale.

 

Con il Satyagraha iniziato nell'ottobre del 2016, con i tanti scioperi della fame non solo miei, con la nonviolenza di decine di migliaia di detenuti e cittadini liberi, abbiamo cercato in ogni modo di intessere un dialogo con le istituzioni affinché tornassero nella legalità costituzionale se non altro riguardo le “infami carceri italiane”, come le definiva Marco Pannella.

 

Non sono stati capaci di ascoltare nemmeno la mobilitazione di magistrati, giuristi, accademici, avvocati, garanti dei detenuti, che ringrazio per aver lanciato l'appello rivolto al Governo per approvare la riforma penitenziaria prima del 4 marzo, così come li ringrazio per aver rivolto a me personalmente e a tutti i detenuti la richiesta di interrompere lo sciopero della fame. Lo interrompo anche per corrispondere alla loro generosità intellettuale e civile.

 

Le prossime elezioni sono le più antidemocratiche che si siano mai svolte nel nostro Paese e non è questione solo della legge elettorale che per l'ennesima volta è stata approvata a ridosso del voto contro precise raccomandazioni del Consiglio d’Europa, ma perché la legge stessa è fuori (come le due precedenti, del resto) da qualsiasi principio costituzionale, soprattutto in ragione del fatto che l'elettore che mette una x sulla scheda non può sapere con certezza a quale lista e a chi andrà a finire il suo voto. Inoltre, il sistema dell'informazione pubblica, para-pubblica e privata, ha, con ancora più sfacciata determinazione che nel passato, scelto liste e candidati da promuovere ad “eletti”, fuori da ogni regola democraticamente stabilita.

 

Gli elettori non disposti a partecipare al gioco elettorale truccato vengono trattati alla stregua di sabotatori della Nazione persino dal Presidente della Corte costituzionale che ieri ha definito l’astensione sul piano dell’etica sociale “non ammissibile” e il partecipare al voto “un dovere”, scordandosi – lui, giudice delle leggi, che dovrebbe esprimersi solo con le sentenze relative alla costituzionalità delle stesse - che solo nei paesi dittatoriali non votare è inammissibile e votare più che un dovere, è un obbligo. Non c'è più tenuta, da qualsiasi parte ci si giri.

 

Occorre allora fare in modo che il massimo numero di cittadini neghi a queste elezioni dignità e legittimità democratiche, con comportamenti capaci di ammonire i “competitori” a cambiare nella direzione dello stato di diritto e del rispetto dei diritti umani, o a farsi da parte. Incrociamo le braccia e prepariamoci a presentare ricorsi alle giurisdizioni superiori per l'attentato ai diritti civili e politici di cui sono vittime i cittadini elettori persino nella fase preparatoria che precede la presentazione delle liste e delle candidature. 

 

Chi è al governo oggi non ha voluto dare nemmeno il minimo segnale di inversione di tendenza rispetto all'erosione dei principi democratici di cui il popolo italiano è vittima da decenni. Lo avrebbe fatto, come avevamo chiesto, licenziando prima delle elezioni almeno una parte della riforma relativa all'esecuzione penale.

 

Il Partito Radicale denuncerà lo Stato italiano alle giurisdizioni superiori internazionali, come la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo che ha già sanzionato l'Italia per sistematici trattamenti inumani e degradanti nelle carceri. Questo è quel che occorre continuare a fare di fronte a istituzioni che in spregio allo stato di diritto violano le proprie stesse leggi, a partire dalla legge delle leggi, cioè la nostra Costituzione.

 

E a proposito della parola data... 6 giorni fa, su LA7

 
Mieli: entro 15 giorni la farete la riforma carceraria?

Gentiloni: SI'

Mieli: i decreti attuativi... lei sta prendendo un impegno importantissimo

Gentiloni: SONO ALL'ORDINE DEL GIORNO DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

Mieli: sapete che Rita Bernardini sta al 26° giorno di sciopero della fame e i detenuti...

Gentiloni: LE HO MANDATO DEI MESSAGGI DI RASSICURAZIONE CHE SPERO LEI ABBIA PRESO PER BUONI

Mieli: questa è una buona notizia...

 

 


Commenti   

 
0 #1 angela 2018-02-28 14:49
Signora Rita Bernardini, sono con te sciopero del voto anche per me è tutte le mie amiche che cm me aspettavano con tanta speranza questa riforma!!! Nel frattempo se qualcuno è interessato a voler provare a far qualcosa a esprimersi questa è la mia petizione!!! Basta una semplice firma! Purtroppo non ho i mezzi per darle la giusta conoscenza tramite social e quant'altro!

https://www.change.org/p/rita-bernardini-firma-per-rif-ordinamento-penitenziario-tutti-i-decreti-in-via-definitiva
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna