Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

20/09/18 ore

La Madre di Eva, di Silvia Ferreri. Il corpo come prigione



Il libro di Silvia Ferreri La Madre di Eva” (Neo Editore) si distingue per il tema trattato e colpisce per la drammatica e commovente narrazione della storia da parte di una madre nel momento in cui stanno preparando la sala operatoria per la figlia, Eva, che ha appena compiuto diciotto anni ed ha deciso di cambiare sesso con diversi interventi chirurgici.

 

La presentazione del libro descrive la storia di ”una madre che parla alla figlia tra le mura di una clinica serba. Al di là di una porta stanno preparando la sala operatoria. Eva ha appena compiuto diciotto anni e da quando è nata aspetta questo momento .Vuole cambiare sesso sottoponendosi all’intervento che la renderà come si è sempre sentita: uomo.

 

Sua madre le parla col corpo, perché è il corpo ad essere sbagliato, ingannevole, traditore, un corpo come il suo che la natura stessa vuole negare. In un dialogo senza risposte, sospeso tra l’immaginato e il reale, la madre racconta la loro vita fino a quel momento, ne ripercorre i sentieri come muovendosi in una terra straniera. La sua voce è concreta, toccante, vivida e parla di una lotta che non ha vincitori né vinti, per cui non esiste resa, in cui la forma più pura dell’amore diventa bifronte e feroce. Una storia commovente, piena di dolore ma anche di gioia, proprio come la vita”.

 

Mentre Eva è in sala operatoria, in effetti, sua madre ricorda la loro vita fino a quel momento, una dura lotta in cui l’amore materno alla fine trionfa nell’accettazione della “diversità” di un essere umano e nel rispetto delle sue ibere scelte.

 

Il libro è in stile autobiografico e in verità desta grande meraviglia il modo in cui l’autrice riesca a immedesimarsi totalmente nella madre che racconta le drammatiche lotte di un rapporto madre-figlia/figlio, i tentativi di dissuasione, gli scontri, le ribellioni: tutto narrato in prima persona, in modo diretto e molto realistico.

 

La storia è commovente e nello stesso tempo angosciante per la dettagliata descrizione del doloroso percorso intrapreso, in particolare delle operazioni a cui Eva decide di sottoporsi con determinazione per diventare Alessandro.

 

Ferreri è giornalista e scrittrice, è nata a Milano e vive a Roma. È stata autrice per Rai Tre e Tv2000 e ha collaborato con “Io donna” del Corriere della Sera. Attualmente lavora per Rai News 24. Nel 2006 esce Uno virgola due, film documentario di cui è autrice e regista. Nel 2007 pubblica Uno virgola due Viaggio nel paese delle culle vuote, libro inchiesta sulla bassa natalità e la discriminazione delle madri nel mondo del lavoro, con prefazione di Miriam Mafai. Su dazebaonews.it ha un blog nel quale si occupa di questioni femminili. In rete esiste come “materetlabora”. La madre di Eva è il suo primo romanzo.

 

Giovanna D’Arbitrio

 

 


Commenti   

 
0 #1 giovanna 2018-06-24 15:39
"La Madre di Eva", ha vinto il premio pavoncella, dedicato alla creatività femminile, ieri 23 giugno 2018. Giovanna D'Arbitrio
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna