Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

21/04/24 ore

Convegno all’Ambasciata di Romania in ricordo di DOINA BOTEZ. ‘Il coraggio dell’espressione’



Si è svolto martedì 20 febbraio 2024 presso l’Ambasciata di Romania in Italia il convegno in ricordo di una grande pittrice: DOINA BOTEZ,  per ricordare, ‘Il coraggio dell’espressione’.

 

L’evento promosso dalla Ambasciatrice della Romania a Roma e dalla Associazione culturale “Doina Botez”.

 

 

Alla manifestazione dopo al saluto della Ambasciatrice Gabriela Dancău sono intervenuti:

 

Anna Blandiana (poetessa);

la prof. Magda Cârneci (critico d’arte, poetessa e pubblicista);

il prof. Mihail Dobre (diplomaticon e storico);

il prof. Flaminio Gualdoni (critico e storico dell’arte);

il prof. Bruno Mazzoni (Università di Pisa);

Adrian Iancu (presidente dell’Associazione culturale Doina Botez).

 

Ha moderato Giuseppe Rippa (direttore Quaderni Radicali).

 

 

L’evento è stato un omaggio a questa grande personalità italo-rumena, scomparsa un anno fa, che ha posto al centro del suo impegno artistico la libertà e la sua limitazione morale, intellettuale, sociale, politica. 

 


 

La sua è stata una testimonianza di dedizione ai valori del diritto contro la dittatura, contro ogni regime autoritario. 

 


 

La persona è presente con il suo carico di dolore e di speranza, sia che appaia schiacciata dal peso dell'esistenza o ripiegata sotto la fragilità del suo io, sia che si lasci andare ad attimi di ebbrezza o si abbandoni a sogni e speranze.

 


 

Tutte le sue opere hanno segnato una sorta di rottura di questa sofferenza. 

 

 

È un’ansia la sua di libertà e di lotta per realizzarla che non si ferma davanti ad una pressione ossessiva e disumanizzante, che nasce dalla costrizione dittatoriale ma anche dalla rassegnazione e dalla assuefazione delle persone al ricatto, alla violenza delle tendenze autoritarie contro cui gli individui non trovano le energie e la forza di contrapporsi ma contro cui ad un certo punto decidono di opporsi per sottrarsi all’oblio della rassegnazione.

 

- Doina Botez. Per ricordare. Il coraggio dell’espressione

(Radio Radicale)

 

foto di Gianni Carbotti e Benjie Basili Morris

 

 


Aggiungi commento


Archivio notizie di Agenzia Radicale

é uscito il N° 118 di Quaderni Radicali

"Politica senza idee - La crisi del Partito Democratico"

Anno 46° Speciale Febbraio 2023

è uscito il libro 

di Giuseppe Rippa

con Luigi O. Rintallo

"Napoli dove vai"

Aiutiamoli a casa loro? Lo stiamo già facendo ma male.

videoag.jpg
qrtv.jpg

è uscito il nuovo libro 

di Giuseppe Rippa

con Luigi O. Rintallo

"l'altro Radicale
Essere liberali
senza aggettivi"

 (Guida editori) 

disponibile
in tutte la librerie