Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

16/07/24 ore

L'invenzione della neve, di Vittorio Moroni. Un film intenso e toccante


  • Giovanna D'Arbitrio

 

 

 

Presentato in anteprima mondiale alla Mostra Internazionale d'arte cinematografica di Venezia 2023 all’interno delle  Giornate degli Autori, L'invenzione della neve, di Vittorio Moroni, racconta la drammatica storia di Carmen (Elena Gigliotti).

 

Strappata alla madre ancora adolescente, cresciuta in una casa-famiglia, in seguito Carmen si lega a Massimo, unico rampollo di una famiglia ricca ed opprimente. Dal loro amore nasce una figlia, Giada, affidata al padre all’età di 5 anni, che può vedere la madre ogni 15 giorni per decisione del giudice, poiché Carmen ha problemi di droga ed è donna instabile, provata da esperienze passate

 

Conscia dei suoi errori, ma convinta di essere una buon madre, ella non accetta che i suoi drammi passati si ripetano anche per la figlia. Per lei avere la figlia con sé rappresenta la speranza di un futuro migliore, nonché un’opportunità di redenzione.

 

Supportato da un cast di buon livello, il regista realizza un film toccante ed intenso. Anche la sceneggiatura di De Bei, Brunello e Moroni riesce a descrivere con sensibilità il tormento di Carmen che è ancora segnata dalle ferite inferte dalla vita.

 

Senz’altro magistrale Elena Gigliotti nel ruolo di Carmen, una madre con una tigre tatuata sulla schiena, che racconta alla sua bimba, Giada, la storia della giungla piena di neve che permette a mamma tigre e alla sua tigrotta di nascondersi da minacce esterne: un grande personaggio femminile, toccante, imprevedibile

 

A quanto pare il film è stato girato in circa tre settimane e il regista ha chiesto agli attori di reagire anche agli imprevisti, come a opportunità per creare scene che rispecchiassero la vita “Qualunque cosa accada durante la ripresa, non ci fermeremo - ha detto-. Non ci sarà nulla che chiameremo errore”. Insomma una ricerca di verità che viene anche dagli attori, scelti con cura e sottoposti a lunga preparazione prima di girare.  “Offri al personaggio le tue esperienze, i tuoi ricordi più intimi, le tue fragilità- ha detto ad ognuno di loro - In cambio, potrai plasmarne gesti e linguaggio fino a farlo diventare te”. 

 

Tra gli interpreti ricordiamo Elena Gigliotti, Alessandro Averone, Anna Ferruzzo, Anna Bellato, Eleonora De Luca, Carola Stagnaro. Notevoli fotografia di Andrea Caccia, Massimo Schiavon, Montaggio di Mattia Soranzo musiche di Mario Mariani.

 

Vittorio Moroni, sceneggiatore e regista ha al suo attivo numerose sceneggiature e i film Tu devi essere il lupo (2005), Se chiudo gli occhi non sono più qui (2013), Denise (2022).

 

Ecco il trailer del film (da Coming Soon).

 

 


Aggiungi commento