Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

20/04/24 ore

Licorice Pizza, di Paul Thomas Anderson. Un film che esalta anni’70 e gioventù


  • Giovanna D'Arbitrio

Dopo aver ottenuto 3 candidature a Premi Oscar, 4 candidature a Golden Globes, premi BAFTA, 5 candidature a Satellite Awards ed altri riconoscimenti, Licorice Pizza, di Paul Thomas Anderson, sta riscuotendo successo anche in Italia

 

Ambientato nella San Fernando Valley degli anni ‘70, racconta la storia del quindicenne Gary Valentine (Cooper Hoffman) che, nel giorno in cui a scuola si scatta la foto per l'annuario, incontra Alana Kane (Alana Haim), una ragazza molto più grande di lui, con la quale stringe amicizia e mette su un'azienda di letti ad acqua. I due giovani sperimentano insieme diverse avventure, finendo poi per innamorarsi.

 

Un film nostalgico e allo stesso tempo divertente sugli anni’70,  costruito su piccoli episodi mentre i due protagonisti corrono su e giù per Los Angeles, tra personaggi esilaranti, scene e dialoghi che esaltano gioventù, amore e gioia di vivere.

 

Il titolo della pellicola si riferisce al nome di una catena di negozi di dischi californiana negli anni ‘70, nome nato da una battuta che circolava sui dischi che rimanevano invenduti, paragonati ad una  pizza alla liquirizia.

 

Il film sceneggiato validamente dallo stesso Anderson, si avvale di indimenticabili brani musicalidi David Bowie, Paul McCartney, Nina Simone e The Doors, nonché di un cast stellarein cui accanto ai giovani e bravi debuttanti Alana Haim (chitarrista della band Haim) e Cooper Hoffman (figlio di Philip Seymour Hoffman), appaiono grandi interpreti come Sean Penn, Bradley Cooper, Tom Waits e Benny Safdie, in significativi ruoli cameo.

 

Anche se non è affatto un film autobiografico, ci sono tanti miei ricordi ed emozioni. Volevo che fosse un omaggio alla mia San Fernando Valley, che considero il luogo più multirazziale- ha affermato Anderson- È dove vivo con Maya Rudolph e i nostri quattro figli (…). Malinconia e umorismo si intrecciano quasi sempre nel film. È stato stimolante avere sul set anche Sean Penn e Bradley Cooper. Tutti mi hanno aiutato. Sean interpreta un attore che si chiama Jack Holden, come il mio amato William Holden. E Bradley è il produttore-parrucchiere-compagno di Barbra Streisand, Jon Peters”.

 

Tra i film del regista ricordiamo Sydney (Hard Eight -1996), Boogie Nights - L'altra Hollywood (1997) Magnolia (1999),Ubriaco d'amore (Punch-Drunk Love -2002), Il petroliere (There Will Be Blood -2007),The Master (2012), Vizio di forma (Inherent Vice -2014), Il filo nascosto (Phantom Thread -2017)

 

Ecco il trailer ufficiale del film (da Eagle Pictures)

 

 


Aggiungi commento