Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

09/12/19

Una prima media composta soltanto da alunni stranieri: attenzione al rischio esclusione


Categoria: STILE LIBERO
Pubblicato Venerdì, 15 Novembre 2013 00:20
  • Alessandro Frezzato

Il preside della scuola media Besta di Bologna, da quest’anno ha deciso di formare una classe, la “1.a A sperimentale”, composta esclusivamente da alunni stranieri di differenti nazionalità, accomunati dal solo fatto di non parlare ancora bene l’italiano.

 

Lo stesso preside dell’istituto ha risposto alle più che legittime critiche sulla propria decisione, dicendo che la classe “non è un ghetto ma è stata formata per integrare”. Come non è dato di sapere, essendo questi studenti rigorosamente non in contatto con altri alunni italiani.

 

La 1.a A è composta di scolari stranieri di differenti nazionalità appunto, tra gli 11 e 15 anni, che sono arrivati in Italia attraverso i ricongiungimenti familiari.

 

La polemica è esplosa dopo una lettera nella quale i genitori del Consiglio d’istituto della scuola hanno denunciato tale scelta, perché dal canto loro ghettizza questi studenti e non li aiuta a integrarsi, perché impedisce, di fatto, il confronto tra studenti stranieri e italiani.

 

Una classe del genere oltre a discriminare questi ragazzini, che hanno la sola “colpa”di non saper parlare bene l’italiano, crea esclusione e non inclusione, mentre la scuole dovrebbe sempre essere il luogo dell’inclusione senza se e senza ma, di tutti e di tutte.

 

Ovviamente l’handicap della conoscenza della lingua italiana per gli scolari immigrati è un dato di fatto ineludibile, che però va affrontato potenziando ad esempio la presenza dei mediatori culturali nelle scuole, evitando soluzioni discriminatorie e inutili come in questo caso.

 

C'è da augurarsi che il preside della scuola media bolognese ci ripensi e dia fine in tempi brevi a tale tipo di classe.

 

 



Nuova Agenzia Radicale - Supplemento telematico quotidiano di Quaderni Radicali
Direttore Giuseppe Rippa, Redattore Capo Antonio Marulo, Webmaster: Roberto Granese
Iscr. e reg. Tribunale di Napoli n. 5208 del 13/4/2001 Responsabile secondo le vigenti norme sulla stampa: Danilo Borsò