Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

16/10/19

Cina, stop al figlio unico e ai campi di lavoro


Categoria: Le Brevi
Pubblicato Domenica, 29 Dicembre 2013 14:54

In Cina è il momento delle riforme storiche: dopo 30 anni il Comitato centrale del Partito Comunista (PCC) cinese ha deciso di mettere fine alla 'politica del figlio unico', adottata nel 1981 per tenere sotto controlla il paese più popoloso del mondo.

 

Da oggi in poi sarà consentito avere due bambini, anche se esclusivamente nei centri urbani e per le coppie nelle quali uno dei due coniugi è figlio unico. La seconda importante novità riguarda l'abolizione dei campi di lavoro, attivi dal 1957, dove migliaia di dissidenti sono finiti senza aver subito un processo, dopo la sola decisione della polizia.

 

Ciò nonostante, come denuncia Amnesty International, la chiusura ufficiale dei campi di lavoro non impedirà alle autorità di Pechino di creare nuove 'prigioni nere' semplicemente cambiando loro nome



Nuova Agenzia Radicale - Supplemento telematico quotidiano di Quaderni Radicali
Direttore Giuseppe Rippa, Redattore Capo Antonio Marulo, Webmaster: Roberto Granese
Iscr. e reg. Tribunale di Napoli n. 5208 del 13/4/2001 Responsabile secondo le vigenti norme sulla stampa: Danilo Borsò