Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

19/06/18

Ius soli, a elettor piacendo


Pubblicato Mercoledì, 27 Settembre 2017 14:33

Magari sostenessero fino alla fine il cosiddetto Ius soli. Il centro destra lo spera vivamente. Ne avrebbe su che cavalcare. Paolo Romani di Forza Italia (ma non solo lui) lo ha ribadito anche alla festa di Atreju: “ci faranno una cortesia, sarà la rivoluzione”.

 

Tolta l'enfasi, le parole del berlusconiano della prima ora inquadrano i termini della questione e spiegano la mossa di Alfano di ritirate l'appoggio alla legge in discussione in Parlamento: perché «una cosa giusta fatta al momento sbagliato può diventare una cosa sbagliata. Può diventare un favore alla Lega». Quindi il caso è chiuso – come hanno ribadito il ministro Beatrice Lorenzin e Maurizio Lupi di Ap. Se ne riparlerà nella prossima Legislatura a elettor piacendo.

 

Già, perché il problema è tutto qui: elettorale. La truppa del ministro degli esteri è in bilico, trovandosi nella posizione non proprio inviabile di utili sgraditi a tutti. Non deve meravigliare quindi questo approccio pragmatico. C'è da salvare l'osso del collo, nella consapevolezza che il già esiguo seguito popolare è potenzialmente sensibile alle sirene di destra.

 

Perché quindi biasimarli. Seguire gli umori delle piazze è il minimo che ci si possa attendere. E non solo da Alfano. Ipocrisie a parte, la logica più che mai elettoralistica segnerà infatti l'ultimo scorcio di Legislatura e toccherà tutti i temi in agenda e riguarderà un po' tutto l'arco costituzionale, per dirla come una volta.

 

Le mosse dei diversi partiti saranno quindi più che mai à la carte, sondaggi alla mano, evitando di fare cose magari anche giuste per il paese, ma sbagliate per loro.

In proposito Mattia Feltri, nella sua quotidiana rubrica su 'La Stampa', ha ricordato “un concetto forse fuori dalla portata di questi tempi farfalloni, ma abbastanza basilare in democrazia: una legge andrebbe votata se la si ritiene necessaria, e non votata se la si ritiene dannosa, al Paese però, non al consenso, e senza curarsi di che pensino gli italiani. Poi gli italiani decidono alle elezioni, e chiusa lì”.

 

Roba da “statista”, che “tra un idea e una poltrona, sceglie un'idea”. Non proprio ciò che si può pretendere da Angelino Alfano. (A.M.)

 

 



Nuova Agenzia Radicale - Supplemento telematico quotidiano di Quaderni Radicali
Direttore Giuseppe Rippa, Redattore Capo Antonio Marulo, Webmaster: Roberto Granese
Iscr. e reg. Tribunale di Napoli n. 5208 del 13/4/2001 Responsabile secondo le vigenti norme sulla stampa: Danilo Borsò