Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

23/01/20

L'arte di proferire mezze verità ...


Categoria: Aghi di Pino
Pubblicato Giovedì, 21 Aprile 2016 15:00

In politica come in altri campi l’ambiguità, che sfora in disonesta intellettuale, non consiste nel mentire ma nel proferire mezze verità.

 

Durante il dibattito sulla sfiducia al Senato, a seguito della vicenda che ha portato alle dimissioni del ministro Federica Guidi, il premier Renzi ha detto: “Non sta né in cielo né in terra dire che l’emendamento non è stato discusso. È stato discusso e sub-emendato proprio qui al Senato. Il fatto che abbiate votato contro è legittimo, ma il fatto che si sia discusso elimina il punto centrale di un emendamento ‘notturno'”.


Ci mancava altro che l'emendamento non fosse stato sottoposto a votazione. Solo che quell'emendamento pro-Total era stato già discusso e ritirato in precedenza dal presidente della commissione ambiente Realacci, dopo che ne era stata evidenziata la natura lobbista.

 

Nonostante ciò, il suo contenuto è stato riproposto all'interno della legge di stabilità sulla quale poi fu posta dal governo la fiducia, riducendo gli spazi di autonomia dei parlamentari.

 

Con le mezze verità si può tirare a campare, ma è ben difficile che si governi per il bene del Paese. (L.O.R.)

 

 



Nuova Agenzia Radicale - Supplemento telematico quotidiano di Quaderni Radicali
Direttore Giuseppe Rippa, Redattore Capo Antonio Marulo, Webmaster: Roberto Granese
Iscr. e reg. Tribunale di Napoli n. 5208 del 13/4/2001 Responsabile secondo le vigenti norme sulla stampa: Danilo Borsò