Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

21/05/22

Le maldestre manovre prevoto del Pd


Categoria: i nostri blog
Pubblicato Mercoledì, 08 Agosto 2012 23:43
  • Luigi O. Rintallo

Nelle grandi manovre pre-voto del Pd, si trascura un fatto essenziale. È tutto un preoccuparsi di come tenere insieme Vendola con Casini, ma nessuno sembra curarsi del fatto che bisogna prendere i voti – probabilmente in libera uscita – prima incamerati dal Pdl.

 

Rimasti per lo più delusi dalla non-politica berlusconiana, quegli elettori attendono un segnale che risponda alla soluzione della “questione liberale”. Gli slogan meno Stato più mercato, società contro corporazioni, sono rimasti tali in Italia e attendono di essere concretizzati.

 

Se il Pd non comprende di doversi far carico di questo, si condanna a raccogliere la solita percentuale che la sinistra ha sempre ottenuto dal 1948 a oggi: più o meno il 35%. Meglio prevedere una eventuale (ma nemmeno tanto scontata) defezione di settori della Cgil o dei palasharp, che non lasciarsi scappare qualcosa come 4 milioni di voti provenienti dal campo tradizionalmente opposto.

 

Basterebbe un impegno chiaro nel senso della riforma della giustizia…



Nuova Agenzia Radicale - Supplemento telematico quotidiano di Quaderni Radicali
Direttore Giuseppe Rippa, Redattore Capo Antonio Marulo, Webmaster: Roberto Granese
Iscr. e reg. Tribunale di Napoli n. 5208 del 13/4/2001 Responsabile secondo le vigenti norme sulla stampa: Danilo Borsò