Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

01/12/21

Le elezioni di settembre 2021 potrebbero essere le ultime elezioni parlamentari nazionali in Russia


Categoria: ESTERI
Pubblicato Sabato, 02 Ottobre 2021 01:03

dottor 

Vladislav L. Inozemtsev * 

(da MEMRI)

 

Dal 17 al 19 settembre 2021, la Russia ha tenuto le sue ottave elezioni per la Duma di Stato, che è la camera bassa del parlamento russo. Nel mio rapporto MEMRI del 28 luglio, "Sulle prossime elezioni della Russia", ho affermato che l'esito di queste elezioni sarebbe stato sia atteso che controverso.[1]

 

Dopo che la maggior parte dei candidati indipendenti non è stata autorizzata a candidarsi, e i sostenitori di Alexey Navalny, il critico più acclamato e incarcerato del presidente russo Vladimir Putin, sono stati ufficialmente proclamati estremisti [2] (anche citandoli sulla stampa quotidiana o su Internet era proibito), non c'erano dubbi che "Russia Unita" avrebbe ottenuto la maggioranza dei seggi.

 

L'unica domanda era se questa maggioranza sarebbe stata "semplice" (50 per cento più un deputato), o "costituzionale" (67 per cento), bastava quest'ultima per adottare emendamenti costituzionali e ribaltare i veti presidenziali. Un'altra domanda minore era se il nuovo partito fantoccio, creato dall'amministrazione presidenziale e chiamato Novye Lyudi ("Nuovo popolo"), sarebbe stato ammesso alla Duma. Tuttavia, alla fine, Russia Unita di Putin ha vinto il 49,82% dei voti [3] (vale la pena notare che nell'agosto 2021, un sondaggio ha mostrato che Russia Unita aveva solo il 27 percento di sostegno).[4] Novye Lyudi è diventato invece il quinto partito alla Duma per la prima volta dal 2003 con il 5,35 per cento dei voti, superando a malapena la soglia minima del cinque per cento.[5] Tuttavia, le elezioni diventeranno famose non per i loro risultati, ma piuttosto per la loro condotta.

 

Apparentemente la Russia Unita non era in grado di assicurarsi il suo vantaggio

 

Il fatto principale di queste elezioni è che tutte le previsioni sono fallite. Anche se la maggior parte degli oppositori di Russia Unita non era al ballottaggio, e tutti i dipendenti delle imprese statali e controllate dall'oligarca (per non dire militari e burocrati) sono stati costretti a votare per il partito al governo (hanno anche dovuto inviare foto dei loro voti ai loro capi - questa era la logica alla base del voto di tre giorni, poiché la maggior parte di questi dipendenti è stata scortata ai seggi elettorali il 17 settembre), [6] Russia Unita non era apparentemente in grado di assicurarsi il suo vantaggio.

 

Per garantire la vittoria di Russia Unita, le autorità hanno infranto tutte le regole da loro stesse stabilite: la CCTV è stata spenta nei seggi elettorali; [7] i membri degli organi elettorali locali hanno soggiornato nei loro uffici per la notte, pratica severamente vietata ; [8] gruppi di persone sono stati spostati da un seggio elettorale all'altro per esprimere i voti; [9] molti casi di persone che hanno lanciato mazzi di schede elettorali nelle urne elettorali sono stati filmati con la polizia che non ha fatto nulla per impedirlo. [10] Alla fine delle votazioni, non solo osservatori e rappresentanti dei candidati, ma anche molti membri delle stesse commissioni elettorali locali sono stati portati alle stazioni di polizia, [11] presumibilmente a causa del loro comportamento da "teppista". I cellulari dei candidati sono stati bloccati,[12] il loro viaggio tra i seggi elettorali interrotto, e alcuni di loro sono stati anche aggrediti con agenti di polizia presenti sulla scena (ovviamente, tutto quanto sopra è accaduto esclusivamente ai candidati dell'opposizione).[13] Tutto ciò rifletteva la crescente debolezza di Russia Unita, piuttosto che la sua forza.

 

Quando sono usciti i risultati del sondaggio, è apparso che quasi ovunque - in Siberia e nell'Estremo Oriente, così come a Mosca - i candidati di Russia Unita avevano perso, contro figure dell’opposizione e anche di comunisti, in molti collegi uninominali (metà della Duma è piena secondo il voto per le liste di partito, ma altri 225 deputati vengono eletti in scontri diretti faccia a faccia). Entro la mezzanotte del 19 settembre, Russia Unita è stata sconfitta in tutti e 15 i collegi elettorali di Mosca e in molti di quelli di San Pietroburgo.[14] Russia Unita ha ottenuto meno del 30% in molte regioni della Siberia e dell'Estremo Oriente, nonché nelle grandi città del paese. Ma poi quasi tutto si è capovolto, e c'era una logica importante dietro questo.

 

Non un singolo candidato supportato dal "voto intelligente" ha vinto nelle grandi città

 

Già prima delle elezioni si diceva che la forza "anti-Cremlino" più radicale era la squadra di Navalny. Con la maggior parte dei suoi membri ricercati dalla polizia o già condannati a diversi tipi di sanzioni (alcuni di loro sono riusciti a lasciare la Russia e a trasferirsi a Varsavia e Vilnius), il team ha lanciato una strategia chiamata "Smart Voting". Questa strategia tattica guida i russi orientati all'opposizione a votare per i candidati, che sono considerati in grado di battere i candidati di Russia Unita. La squadra di Navalny ha pubblicato l'elenco dei nomi dei candidati alla Duma di Stato e ai consigli locali da sostenere a soli due giorni dalle elezioni, producendo molta confusione nell'opposizione, poiché sembrava che la maggioranza dei candidati scelti dalla squadra fossero comunisti, e non “liberali". [15] Gli elettori hanno risposto bene alla tattica, e i candidati promossi dallo "Smart Voting" hanno guadagnato tra il 10-20 percento nel loro risultato, mentre anche i liberali noti e rispettabili, che sono stati abbastanza felici da arrivare alle schede elettorali, sono rimasti molto indietro (che quella di Navalny sia la tattica vincente per battere Putin e il regime post sovietico è tutto da dimostrare - ndr di Agenzia Radicale). Ma Putin, che considera Navalny il suo nemico personale (non l'ha mai chiamato per nome in pubblico), non aveva alcuna intenzione di far eleggere anche un solo candidato sostenuto da Navalny.

 

A tal fine, è stato organizzato un "voto sperimentale" a Mosca e in diverse altre regioni, consentendo alle persone registrate sul portale web Gosuslugi ("Servizi pubblici") di esprimere il proprio voto su Internet (dovrei menzionare qui che molti noti liberali russi, tra cui Alexey Venediktov, il caporedattore della stazione radio più indipendente Echo di Mosca, promossero questa nuova tecnologia e ne supervisionò il lavoro.[16]

 

Nella sola Mosca, oltre due milioni di persone, ovvero più di un quarto di tutti gli aventi diritto al voto, si erano iscritti a questo servizio entro il 13 settembre [17], facendo sì che il numero di elettori "elettronici" superasse il numero di coloro che si sono effettivamente recati di persona alle urne. Dopo che tutti i 15 collegi elettorali hanno riportato i loro risultati, i dati sul voto su Internet avrebbero dovuto essere disponibili subito dopo la chiusura delle urne, ma ci sono volute 17 ore (!) per pubblicare i risultati.[18] Quando le schede sono state finalmente contate, la Commissione elettorale centrale ha annunciato che dei 15 collegi elettorali, nessun membro dell'opposizione è entrato alla Duma, anche se la candidata dell'opposizione Anastasia Udaltsova era in testa dopo lo scrutinio del 99 percento. Alla Duma di Stato, invece, sono passati tutti quelli della cosiddetta “lista di Sobyanin”, una lista di candidati sostenuta dal sindaco della capitale Russia Unita.

 

A Mosca, come risultato di tutte le malefatte, Russia Unita è riuscita a ottenere il 30,1 per cento dei voti di persona [19] e il 44,77% di quelli online, [20] quindi bisogna essere d'accordo con chi ha chiamato il voto su Internet "un male assoluto”. [21] Non un solo candidato sostenuto dallo "Smart Voting" ha vinto nelle grandi città, ma la strategia stessa sembrava avere un tale successo che il Cremlino è stato costretto a fare pressioni su Apple e Google per bloccare siti Web e app collegati alle risorse di Navalny. [22] Quindi, credo, ci sono molte meno possibilità ora che Navalny lasci vivo la prigione. Quelli dei suoi sostenitori che sono ancora in Russia saranno cacciati dal paese nei prossimi mesi e il sostegno della sua squadra sarà considerato sgradito, poiché ora potrebbe trasformare qualsiasi potenziale attivista in un nemico del regime e porre effettivamente fine a la sua carriera politica abbastanza rapidamente.

 

Aggiungo anche che con il voto elettronico il Cremlino sembra ormai possedere una "bomba nucleare" elettorale che utilizzerà sempre più ampiamente. Yelena Pamfilova, presidente della Commissione elettorale centrale, ha già annunciato che questo tipo di procedura di voto sarà introdotta a livello nazionale, [23] mentre il presidente Vladimir Putin ha sostenuto che nessuno dovrebbe ostacolare l'innovazione tecnologica incorporata in questa nuova tecnica. [24]

 

Putin farà affidamento sulle tattiche repressive molto più di prima

 

Il panorama politico della Russia è cambiato molto dopo le recenti elezioni. Il Cremlino ora sa per certo che non può più vincere senza sostituire i risultati reali con falsi a tutti gli effetti. Nella notte delle elezioni, né Putin (il "leader sacro" della Russia Unita), né il leader ufficiale del partito Dmitry Medvedev, né i cinque candidati in cima alla lista del partito federale, sono apparsi in pubblico.[25] La "vittoria" che ha assicurato la Duma di Stato a Russia Unita è apparsa estremamente costosa per l'immagine pubblica del partito, poiché al giorno d'oggi essere associati al partito al governo porta una sorta di stigma.

 

Pertanto, questa potrebbe essere l'ultima elezione parlamentare nazionale in Russia. La prossima elezione potrebbe essere organizzata in un modo completamente diverso: con una sorta di nomina, votando assemblee regionali, o attraverso un altro tipo di votazione multilivello, come avvenne nella tarda Unione Sovietica, dove un'enorme folla di "Popolo Deputati” (molti dei quali scelti dal Partito Comunista e da diverse associazioni pubbliche), in seguito eleggevano tra di loro il deputato. È difficile immaginare che l'élite al potere cercherà di organizzare in qualunque momento sondaggi parlamentari nazionali secondo le regole esistenti.

 

Inoltre, da questo momento in poi, Putin farà affidamento su tattiche repressive molto più di prima. Le persone vengono già arrestate solo per aver ripostato online le foto del simbolo "Smart Voting", [26] e - va da sé - per aver indossato magliette con la faccia di Navalny. [27] Il giorno delle elezioni, il governo ha anche annunciato che l'elenco delle "organizzazioni indesiderabili" potrebbe essere ampliato con l'aggiunta di altre 20 organizzazioni.

 

La regolamentazione dell'attività su Internet diventerà molto più severa nei prossimi mesi. I social network internazionali che non rispettano le normative russe potrebbero essere completamente bloccati in Russia e i principali motori di ricerca internazionali dovranno seguire le regole russe. Molti esperti russi affermano che in Russia è già in costruzione un "Grande firewall" in stile cinese e che un sistema simile per regolare Internet a livello nazionale potrebbe essere adottato molto presto.[28] Il Cremlino proverà ora a verificare quanto possa essere significativa la risposta a un'introduzione di una "Runet sovrana" (cioè un web nazionale russo indipendente da quello globale) tra la popolazione più giovane, che utilizza attivamente le piattaforme di social media internazionali nonostante il deterioramento della libertà di informazione che da anni è presente nel Paese.

 

I russi credono che il voto non cambi affatto la loro vita personale

 

L'ultimo, e piuttosto importante, punto sulle recenti elezioni è il modo in cui i risultati sono stati ricevuti dalla società russa. Da un lato, c'è un gruppo ristretto di persone o attivisti che sono profondamente devoti alla loro causa e hanno fortemente sostenuto i candidati dell'opposizione. Hanno distribuito volantini, scritto post sui social media, organizzato gruppi di volontari e trascorso giorni e notti a supervisionare le elezioni e a cercare di documentare tutte le irregolarità esistenti. D'altra parte, c'è una stragrande maggioranza di russi che può anche andare alle urne e mettere in minoranza il candidato ufficiale, ma a cui non importa cosa succede ai loro voti. Ero sicuro ben prima dell'inizio delle elezioni che falsificazioni e irregolarità non avrebbero portato le persone in piazza, contrariamente a quanto accaduto nel 2011.

 

In genere, una parte della popolazione è spaventata dalle repressioni del governo, altri sono solo contenti dei regalini che Putin ha consegnato poco prima delle elezioni: tutti i pensionati hanno ricevuto 10.000 rubli ($ 137) [29] e tutti i militari hanno ricevuto 15.000 rubli ($ 203).[30] Molti altri credono che il cambiamento nel paese sia quasi impossibile. L'umore generale è molto più cupo del vero risultato delle elezioni. Le persone possono essere andate alle urne, ma credono che votare non cambi nulla nella loro vita personale.

 

I risultati elettorali annunciati sembrano un enorme successo per Putin e la sua cricca. Hanno mostrato ai loro sudditi che nulla cambierà indipendentemente da come votano e che a nessuno interessa l'atteggiamento delle persone. Solo i comunisti hanno organizzato un raduno il 20 settembre in piazza Pushkinskaya nel centro di Mosca, [31] ma solo 200 persone hanno risposto alla loro chiamata [32] con poco più di 1.000 partecipanti per il successivo raduno tenutosi il 25 settembre. [33] La manifestazione è stata pacifica e molto probabilmente non sarà seguita da proteste organizzate da altri partiti. I candidati, le cui vittorie sono state rubate dalle autorità, hanno espresso la loro disponibilità ad appellarsi al Comitato elettorale centrale e ai tribunali, ma non c'è alcuna speranza che questi appelli contino molto. Nessun appello presentato da un candidato dell'opposizione contro un candidato filo-Cremlino è mai stato approvato in Russia.

 

Conclusione: l'élite al potere fa della rivoluzione l'unico mezzo per cambiare il sistema esistente

 

La lezione delle elezioni parlamentari russe del 2021 è che è molto improbabile che il regime di Putin venga mai rovesciato attraverso qualsiasi tipo di processo democratico. Dal 1990 le elezioni in Russia non hanno portato al cambio "incontrollato" di un nuovo presidente o di un parlamento capace di condurre le proprie politiche contrarie a quelle del Cremlino. Eventuali elezioni successive divennero meno libere e portarono un numero sempre crescente di falsificazioni e altre irregolarità.

 

Diversi stimati analisti russi hanno suggerito che da prima del 2011, le elezioni in Russia non possono essere considerate come un riflesso della volontà del popolo, poiché i risultati elettorali sono diventati inspiegabili da un punto di vista statistico. Non sosterrei queste tesi né le criticherei, ma le recenti elezioni non hanno nulla in comune con l'espressione della volontà popolare.

 

Sfidando la volontà dei suoi sudditi, l'élite dominante fa della rivoluzione, o di qualsiasi altro tipo di azione di massa, l'unico e solo mezzo per cambiare il sistema esistente. Questo è, direi, il punto più importante che può essere visto come la conseguenza delle recenti elezioni. La Russia si è trasformata in una dittatura in cui le elezioni sono solo una finzione che non hanno alcuna influenza su tutto ciò che accade alla società malata.

 

 * Dott. Vladislav L. Inozemtsev, Ph.D. in Economia, è un consulente speciale del Russian Media Studies Project del MEMRI.

 

(da MEMRI - 27 settembre 2021)

 

_______________________________________ 

 

 

[1] Vedi MEMRI Daily Brief n. 298, Sulle prossime elezioni in Russia, 28 luglio 2021.

[2] Vedomosti.ru/politics/news/2021/08/10/881520-fbk-vnesli-v-spisok-ekstremistov-i-terroristov, 10 agosto 2021.

[3] Lenta.ru/brief/2021/09/21/itogi/, 21 settembre 2021.

[4] Daily.afisha.ru/news/53251-reyting-edinoy-rossii-opustilsya-do-minimuma-s-2008-goda-za-partiyu-gotovy-progolosovat-lish-27/, 7 agosto 2021.

[5] Interfax.ru/russia/792409, 20 settembre 2021.

[6] Bbc.com/russian/news-58593493, 17 settembre 2021.

[7] Svoboda.org/a/tsik-otmenyaet-translyatsii-s-vyborov/31360015.html, 15 luglio 2021.

[8] Fn-volga.ru/news/view/id/171712, 18 settembre 2021.

[9] Severreal.org/a/prinuzhdeniya-vbrosy-i-karuseli-kak-prohodyat-vybory-v-rossii/31466502.html, 18 settembre 2021.

[10] Ndn.info/novosti/52509-nablyudatel-zasnyal-na-video-vbros-byulletenej-v-kemerovskoj-oblasti, 19 settembre 2021.

[11] Meduza.io/amp/news/2021/09/20/v-peterburge-zaderzhali-ne-menee-10-chlenov-izbirkomov, 20 settembre 2021.

[12] Meduza.io/feature/2021/09/20/esche-utrom-matematik-mihail-lobanov-s-otryvom-pobezhdal-televeduschego-evgeniya-popova-no-potom-poyavilis-rezultaty-elektronnogo-golosovaniya, settembre 20, 2021.

[13] Znak.com/2021-09-20/v_peterburge_na_deputata_vishnevskogo_napali_pyatero_neizvestnyh, 20 settembre 2021.

[14] Republic.ru/posts/101678, 20 settembre 2021.

[15] Dw.com/ru/umnoe-golosovanie-kto-v-spiske-i-chto-jeto-dast/a-59192529, 15 settembre 2021.

[16] Aif.ru/politics/venediktov_distancionnoe_elektronnoe_golosovanie_v_moskve_bylo_chestnym, 19 settembre 2021.

[17] Gazeta.ru/social/news/2021/09/16/n_16542752.shtml, 16 settembre 2021.

[18] Meduza.io/news/2021/09/20/opublikovany-rezultaty-elektronnogo-golosovaniya-na-vyborah-v-gosdumu-v-moskve, 20 settembre 2021.

[19] Rbc.ru/politics/20/09/2021/61482aa19a7947645b86be50, 20 settembre 2021.

[20] Kommersant.ru/doc/4996279, 20 settembre 2021.

[21] Meduza.io/feature/2021/09/20/elektronnoe-golosovanie-absolyutnoe-zlo, 20 settembre 2021.

[22] Pravda.com.ua/rus/news/2021/09/17/7307469/, 17 settembre 2021.

[23] Vesti.ru/article/2616763, 22 settembre 2021.

[24] Ria.ru/20210925/putin-1751794052.html, 25 settembre 2021.

[25] Meduza.io/news/2021/09/19/medvedev-zabolel-i-ne-prishel-v-shtab-edinoy-rossii-posle-vyborov-shoygu-i-lavrov-tozhe-ne-prishli-neizvestno -pochemu-putin-pochti-nedelyu-sidit-na-izolyatsii, 19 settembre 2021.

[26] Gorodn.ru/online_news/35799/, 14 settembre 2021.

[27] Currenttime.tv/a/ovd-info-na-krasnoy-ploschadi-v-moskve-muzhchinu-zaderzhali-za-futbolku-s-navalnym/31467843.html, 19 settembre 2021.

[28] Novayagazeta.ru/articles/2021/09/18/pereproshitaia-rossiia, 18 settembre 2021.

[29] Tass.ru/obschestvo/12203899, 24 agosto 2021.

[30] Ria.ru/20210831/putin-1747947382.html, 31 agosto 2021.

[31] Rbc.ru/rbcfreenews/6148e6639a7947b775174f04, 20 settembre 2021.

[32] Meduza.io/news/2021/09/20/kprf-sobrala-miting-na-pushkinskoy-ploschadi-protiv-falsifikatsiy-na-vyborah-na-nego-prishli-200-chelovek, 20 settembre 2021.

[33] Bbc.com/russian/news-58690026, 25 settembre 2021.

 

 



Nuova Agenzia Radicale - Supplemento telematico quotidiano di Quaderni Radicali
Direttore Giuseppe Rippa, Redattore Capo Antonio Marulo, Webmaster: Roberto Granese
Iscr. e reg. Tribunale di Napoli n. 5208 del 13/4/2001 Responsabile secondo le vigenti norme sulla stampa: Danilo Borsò