Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

01/12/21

Tiananmen, la strage del 1989 dimenticata. Il ricordo di Au Ka-lun giornalista veterano da Hong Kong


Categoria: ESTERI
Pubblicato Domenica, 06 Giugno 2021 00:39

Dopo 32 anni dalla dalle strage di piazza Tienanmen del 1989 colpisce l’assordante silenzio della stampa (tv, giornali, radio) sulla vicenda. Solo l’agenzia di stampa Ansa ha dato la notizia nel nostro paese. Forse dalla Farnesina, impegnata nella subalternità con Pechino, è giunto un segnale, via della Seta, di opportunità a tacere del tragico evento, affinché la memoria cancelli quanto è accaduto.

 

Nel frattempo prosegue la campagna di smemorizzazione gestita dal partito comunista cinese. “A 32 anni dalla repressione nel sangue delle proteste studentesche di Pechino a favore di riforme democratiche - scrive appunto l’Ansa - , la strana combinazione di censura governativa e restrizioni anti Covid-19 garantirà l'assenza di incontri fisici in Cina, a Hong Kong e Macao, e a Taiwan, ultimo baluardo libero. Il ricordo dei fatti tragici di 32 anni fa non è mai stato permesso in Cina, dove l'argomento è stato ufficialmente censurato e l'avvicinamento della ricorrenza ha sempre portato la stretta sulla sicurezza della piazza e sui social in mandarino, dove sono bandite parole sensibili, numeri, fotografie, simboli, emoji e tutto ciò che potrebbe essere un vago riferimento a Tienanmen”.

 

Agenzia Radicale propone, tradotto in italiano, l’articolo di Au Ka-lun giornalista veterano da Hong Kong, che degnamente ricorda la vicenda, sottolineando come a Hong Kong, tradita dall’accodo che doveva prevedere uno Stato e due sistemi, nei fatti si sia affermato la logica di un paese, un sistema, sia stato chiuso anche il Museo del 4 giugno, in ricordo di Tienanmen, che è stato perquisito dal Dipartimento di igiene alimentare e ambientale e accusato di non possedere alcuna licenza per luoghi di intrattenimento pubblico…

 

____________________________ 

 

 

  

 

Guardando indietro al 4 giugno: 

gli hongkonghesi hanno cercato di invertire la rotta

 

di Au Ka-lun giornalista veterano (da AppleDaily)

 

C'è questo detto: ogni volta che giugno è dietro l'angolo, si sente questo: le candele a Victoria Park sono un buon indicatore dell'esistenza di "un paese, due sistemi". Finalmente, arriva il giorno. Il mondo intero sarà testimone il 4 giugno di quest'anno il detto non è mera retorica.

 

Quando le candele a Victoria Park stavano per essere spente, il Museo del 4 giugno è stato perquisito dal Dipartimento di igiene alimentare e ambientale e accusato di non possedere alcuna licenza per luoghi di intrattenimento pubblico. Quando i centri commerciali, i ristoranti, i negozi e le scuole, dove spesso si tengono mostre di organizzazioni civili, hanno richiesto una licenza? 

 

Liberi di fare ciò che vogliono con le armi legali in mano, l'autorità pubblica applica la legge in modo selettivo e politico in modo sfacciato, avvicinandosi a “un paese, un sistema”. Ora la polizia ha messo al bando la veglia a lume di candela del 4 giugno in nome delle condizioni epidemiche a Hong Kong; in quegli anni le Madri di Tiananmen che faticavano ad accendere una candela per strada a Pechino furono accusate di “disturbare la pace”. Oggi Hong Kong è finalmente alla pari con Pechino. Benvenuti sulla strada ampia e ben asfaltata che porta a "un paese, un sistema”

 

Alla fine della primavera e all'inizio dell'estate del 1989, la gente di Hong Kong ha mostrato vigorosamente sostegno al movimento democratico sulla terraferma, non solo perché è stata mossa dagli studenti e dai cittadini di Pechino, ma lo ha fatto per Hong Kong e per se stessi.

 

Tutti sapevano abbastanza bene che se non ci fosse stata una Cina liberale, qualsiasi promessa di democrazia sancita dalla Legge fondamentale era un sogno irrealizzabile, e la prosperità della città potrebbe svanire nel nulla durante la notte. Da quando i carri armati hanno investito le strade di Pechino, l'onere è stato sull'ultimo pezzo di terra di libertà rimasto in Cina per tramandare i ricordi; le luci delle candele nel Victoria Park ogni anno sono state incarnazioni dei plebei senza nome che inzuppavano di sangue sulla Chang'an Avenue, incarnazioni di ricordi indelebili dell'onnipotente regime dal pugno di ferro, manifestazioni del sistema che conduce a sanguinose repressioni che non sarebbero in grado di realizzare fuori dal delitto commesso.

 

Le buone intenzioni e aspirazioni della gente di Hong Kong sono: il paese e le famiglie stiano bene e che tutti vivano la loro vita con dignità. Non sono solo l’aspirazione per il buon cibo e la ricerca del piacere procurati da una posizione elevata e di agiatezza, ma (principalmente) il godere anche di diversi tipi di libertà proclamate per iscritto nella costituzione; ognuno è un individuo degno di rispetto piuttosto che un minuscolo chiodo a vite di un paese in cui il nazionalismo regna sovrano.

 


 

A malapena possibile, per Hong Kong, preservare i confini della terra promessa

 

Sia lo “stile di vita piatto” che la “politica dei tre figli”, temi caldi di conversazione degli ultimi giorni tra i netizen del continente, hanno mostrato come il sistema tratti le masse come piccole parti dell'apparato statale. In un post caricato da un una persona che partecipa attivamente alla vita di internet sulla terraferma, si afferma che quelli che si alzeranno e lavoreranno saranno raccolti come i porri; la vita è breve, quindi è meglio restare sdraiati e continuare a vivere, spendendo meno soldi che si può, senza sposarsi né dare alla luce un figlio. Anche quelli che si scoraggiano, si appiattiscono e si rifiutano di giocare sono stati rimproverati dai media gestiti dal partito per essere “vergognosi".

 

Quando la crescita della popolazione diventa stagnante, ciò che preoccupa il sistema è la capacità inadeguata della forza lavoro e la produttività che non cresce a velocità supersonica. Quindi, la politica dei tre figli è nata dal nulla, concentrandosi sulla produttività nazionale.

 

Nonostante che la "fine della dittatura a partito unico" sia diventata una frase politicamente delicata oggi, non esiste alcuna "dittatura a partito unico" menzionata nella Costituzione della Repubblica popolare cinese. Quindi, è imbarazzante dire che emettere un grido di battaglia è illegale. Eppure, nella Costituzione viene citata la “dittatura democratica popolare”, che si tiene più al passo con i tempi.

 

Il sinologo Maurice Meisner ha notato nel suo lavoro Mao's China and After: A History of the People's Republic che la "dittatura democratica popolare" che è apparentemente una politica nazionale piena di contraddizioni è in realtà che "da un lato, la democrazia è esercitata sul popolo ; dall'altro la dittatura su coloro che non sono considerati parte del popolo”. Se la democrazia è stata attuata è diventata una questione di definizione. Per quanto riguarda i soggetti su cui si esercitava la dittatura, erano i "lacchè degli imperialisti", "la classe dei proprietari terrieri e la borghesia burocratica" e "reazionari del Kuomintang e i loro complici" subito dopo la fondazione della Repubblica popolare cinese. Lo scopo dell'esercizio della dittatura era quello di privare quelle persone dei diritti alla democrazia.

 

L'insegna della “Dittatura democratica popolare” vola ancora nel cielo, come dimostra il fatto che l'accusa di “collusione con forze straniere” è ancora uno strumento utile; potenti dipartimenti continuano a spazzare via le organizzazioni civili e ad adottare misure severe contro gli avvocati di Weiquan (avvocati per la tutela dei diritti); nessuna persona ricca sarà risparmiata. Sul continente, l'opposizione fattiva si è dissipata per lungo tempo.

 

Qualsiasi libertà, autonomia o resistenza passiva è considerata come una ruota dentata incompetente che impedisce alla macchina di funzionare senza intoppi, quindi colpevole del crimine più efferato. Negli ultimi anni, nessuna menzione di sette materie nei college, la CCTV che diventa un membro della famiglia del Partito e la diplomazia del guerriero-lupo hanno suggerito alla gente di Hong Kong che è a malapena possibile per Hong Kong preservare i confini della terra promessa quando la situazione sulla terraferma è così triste e grave.

 

Giugno è un mese di commemorazione. 6.9, 6.12 e 6.16 seguono il 4 giugno. I patrioti (di Pechino ndr) amano la teoria “se uno avesse saputo che si sarebbe arrivati a questo, non avrebbe agito così”, insinuando che se il “black bloc” non avesse fatto quello che ha fatto, il governo centrale non avrebbe intrapreso il lavoro.

 

Guardando indietro al movimento anti-estradizione, si scoprirà che il governo della SAR non ha mai pensato di prendersi cura dell'opinione pubblica, e non si è mai intromesso sulle ragioni dei suoi bassi indici di approvazione, non si è mai preoccupato del rating di adeguatezza dell'amministrazione che si avvicina zero, per non parlare delle coccole alla polizia che non sono controllate ed equilibrate. Le forze armate che hanno rinunciato a difendere l'edificio LegCo non si sono nemmeno preoccupate dell'escalation della crisi.

 

Guardando indietro a giugno, si scoprirà che gli abitanti di Hong Kong hanno cercato di invertire la tendenza. Il quadro generale mostrava che prima o poi la città sarebbe stata repressa dal pugno di ferro. Era semplicemente questione di tempo prima che accadesse. Alcuni hanno detto che era arrivato prima del previsto. No, dal 1997 (dal 1º luglio 1997 vi fu il trasferimento della sovranità di Hong Kong dal Regno Unito alla Repubblica Popolare Cinese ndr) ci siamo goduti una lunga vacanza per 24 anni.

 

(da AppleDaily)

 

 



Nuova Agenzia Radicale - Supplemento telematico quotidiano di Quaderni Radicali
Direttore Giuseppe Rippa, Redattore Capo Antonio Marulo, Webmaster: Roberto Granese
Iscr. e reg. Tribunale di Napoli n. 5208 del 13/4/2001 Responsabile secondo le vigenti norme sulla stampa: Danilo Borsò