Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

21/08/19

Partito democratico, ci risiamo...


Pubblicato Venerdì, 14 Settembre 2012 13:21
  • Danilo Di Matteo

Matteo Renzi, come noto, in vista delle “primarie” del centrosinistra, ha debuttato a Verona come aspirante premier. Diverse le parole d’ordine: “speranza” (un po’ alla Obama), “adesso” e lo slogan programmatico “Europa, futuro, merito”. Messaggi a loro modo seducenti, non privi certo di fascino. E inoltre, a coloro che lo accusavano di avere un progetto (soprattutto personale) ma non un programma, ha replicato con un’agenda in apparenza assai articolata. In realtà, proprio quei punti che sembrano tanto dettagliati celano la debolezza della visione, del “metaprogramma”.

 

Fanno difetto, detto altrimenti, la chiarezza, la profondità e il rigore della diagnosi dei mali dell’Italia e dei rimedi di fondo per affrontarli. Un esempio: il Partito democratico è combattuto fra pulsioni e rigurgiti neo-operaisti (si pensi alle posizioni di Sergio Cofferati e di altri riguardo ai quesiti referendari in tema di diritto del lavoro) e istanze liberali.

 

Un’operazione politica credibile esigerebbe allora una presa di coscienza senza equivoci di ciò e la conseguente elaborazione di una linea netta volta all’affermazione definitiva di quelle istanze (come provano a fare altri soggetti, pur minoritari, presenti sulla scena politica e culturale del paese). Con tutti i rischi e il coraggio che questo comporterebbe, naturalmente!

 

Renzi, invece, prova ad affrontare la sfida “a pezzi”, come già troppe volte accaduto in passato: dimenticando che in tal modo spinte e forze corporative e conservatrici trovano sempre il modo per riproporsi e condizionare scelte e comportamenti. E confondendo la gradualità e il senso della realtà, assolutamente indispensabili, con la rinuncia, nei fatti, ad affrontare l’aggrovigliata questione liberale con la lucidità e l’onestà necessarie.



Nuova Agenzia Radicale - Supplemento telematico quotidiano di Quaderni Radicali
Direttore Giuseppe Rippa, Redattore Capo Antonio Marulo, Webmaster: Roberto Granese
Iscr. e reg. Tribunale di Napoli n. 5208 del 13/4/2001 Responsabile secondo le vigenti norme sulla stampa: Danilo Borsò