Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

25/05/22

Diritti umani e economia


Categoria: EDITORIALI E COMMENTI
Pubblicato Domenica, 26 Maggio 2013 15:51
  • Danilo Di Matteo

Senza dubbio la crescita armoniosa della società è legata sia a fattori economici sia all’ampliarsi degli spazi dei diritti umani e delle conquiste di libertà. La crisi profonda che attraversiamo, comunque, pone degli interrogativi. Da un lato c’è il rischio di concentrare l’attenzione solo sugli indici dell’economia. Dall’altro si può essere tentati di spostarla su altri fronti: dalle unioni delle coppie omosessuali all’eutanasia.

 

Forse la risposta risiede nel considerare il complesso intreccio di aspetti differenti che condizionano il benessere (e il malessere), la salute (e la malattia), la prosperità e la miseria; che riaccendono la speranza o la smorzano ancor di più, che donano senso all’esistenza o sospingono verso la morte culturale, civile, addirittura biologica.

 

Così indubbiamente riconoscere ad esempio diritti alle coppie gay, contrastando nel contempo in maniera efficace omofobia e transfobia, può contribuire a un’atmosfera più ariosa, a ridestare la fiducia nel domani. In fondo di ciò c’è tanto bisogno: dovrebbe passare il messaggio secondo il quale darsi da fare, preoccuparsi, impegnarsi non sono vani. Bisognerebbe stimolare le capacità di scelta e di autorealizzazione dei singoli, delle famiglie, dei gruppi.

 

Detto altrimenti: la libertà dell’individuo non va concepita come un elemento che disgrega, dissipa, allontana. Non va intesa come libertà dell’essere umano disperato. Al contrario, andrebbe situata nel quadro di una maggiore coesione sociale, non timorosa dei contrasti e degli inevitabili conflitti.

 

 



Nuova Agenzia Radicale - Supplemento telematico quotidiano di Quaderni Radicali
Direttore Giuseppe Rippa, Redattore Capo Antonio Marulo, Webmaster: Roberto Granese
Iscr. e reg. Tribunale di Napoli n. 5208 del 13/4/2001 Responsabile secondo le vigenti norme sulla stampa: Danilo Borsò