Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

29/06/22

A proposito di Saman Abbas e dell'Islam


Categoria: DIRITTI E LIBERTA'
Pubblicato Mercoledì, 09 Giugno 2021 16:15
  • Anna Mahjar-Barducci

Mentre proseguono le ricerche del povero corpo della diciottenne di origine pakistana Saman Abbas nella campagna di Novellara, cercando nelle serre della Bassa reggiana, le notizie che si susseguono dicono dell’arresto del cugino Ikram Ijaz, estradato da Nimes in Francia e che insieme ad un un altro cugino, ai genitori e allo zio sono ritenuti responsabili del barbaro assassino della ragazza perché non accettava un matrimonio combinato….

 

Lo zio di Saman, Danish Hasnain, che sembra essere stato l’esecutore materiale dell’omicidio (con i cugini della giovane donna avrebbe poi occultato il corpo), risulta ancora latitante, ma lo scenario raccapricciante mostra un’assoluta consapevolezza dei genitori che a livello familiare avrebbero pianificato questo orrore.

 

Anna Mahjar-Barducci ripropone, con l’articolo che segue, l’incredibile situazione che vede nel VII secolo l’Islam operare una vera e propria rivoluzione per i diritti della donna, vittime di autentica barbarie, e che oggi sembra ritornato ad un modello terribile che esisteva nella tradizione pre-islamica…

 

 

********************** 

 

 

A proposito di Saman Abbas e dell'Islam 

 

di Anna Mahjar-Barducci 

 

 

Quando nacque l'Islam, nel VII secolo, fu una vera e propria rivoluzione per i diritti della donna. Le figlie femmine non desiderate non venivano più sepolte vive dalle famiglie e il numero di mogli ammesse fu diminuito a quattro. Il problema è che l'Islam non è riuscito a evolversi e stare al passo coi tempi, non riuscendo pertanto a offrire alla donna musulmana diritti che altre società hanno invece riconosciuto nel XXI secolo. 

 

In generale, esistono sei elementi di discriminazione nei confronti della donna: due coranici e quattro ereditati dalla tradizione pre-islamica. 

 

Il primo (coranico) è la violenza fisica nei confronti della donna disubbidiente citato nella sura 4:34. L'uomo è preposto alla donna e si impone ai due sessi di riconoscere questo ordine gerarchico. La donna che si ribella ai voleri dell'uomo deve essere prima ammonita, poi cacciata da letto coniugale e, se la riconciliazione non è avvenuta, è permesso picchiarla. 

 

Secondo alcuni apologisti islamici, le percosse devono essere lievi e non devono lasciare segni permanenti sul corpo. Questi apologisti citano una serie di Hadith, narrazioni degli atti e dei detti del Profeta, che consentono di percuotere una donna solo con un miswak (uno stuzzicadenti). 

 

La seconda discriminante coranica è la poligamia. Muhammad Abduh, importante giurista e teologo egiziano (1849-1905), aveva però sfidato questo precetto. Nei suoi scritti, Abduh dichiarava che un uomo può sposarsi con quattro donne soltanto se riesce a comportarsi in maniera giusta, ma, dato che l'essere umano non conosce il giusto, la poligamia non dovrebbe essere permessa. Ad oggi, la Tunisia è oggi l'unico paese arabo dove la poligamia è stata abolita formalmente. 

 

La prima discriminante delle tradizioni pre-islamiche è il delitto d'onore. Non esiste alcuna sura coranica che lo ammetta. Un'altra eredità tribale è l'infibulazione femminile. La mutilazione genitale non trova alcun riscontro coranico, nonostante venga giustificata da molti imam. La terza discriminante è la lapidazione, come conseguenza di un rapporto extraconiugale (zina). Il Corano non cita quale debba essere la punizione per il "trasgressore". 

 

L'ultima discriminante è il velo. Le fonti coraniche raccomandano che la donna indossi abiti modesti, ma non esiste un accenno specifico al tipo di indumento. Spesso il clero islamico, quando non riesce ad interpretare alcune tematiche religiose, decide di adottare la posizione meno flessibile e misogina, dichiarando non islamiche le idee con le quali non concorda. 

 

Qualche anno fa, l'intellettuale Salman Masalha ha scritto un articolo sui diritti delle donne e sul concetto di "onore" nell'Islam. Particolare significativo dell'articolo di Masalha è il fatto che in arabo la parola per indicare la donna, 'ardh, significa anche onore. Secondo Masalha, pertanto, l'insistenza nel controllo del corpo della donna musulmana è un tentativo dell'uomo di aggrapparsi all'onore che non ha. 

 

Nel suo testo, Masalha ha asserito: "È una condizione patologica, che può essere riassunta, dicendo che l'onore del maschio arabo non emerge dall'interno di se stesso, ma piuttosto è qualcosa che scorre da una fonte esterna ... da un altro luogo, da un'altra persona, e in particolare dalla donna, che è l'anello più debole in queste società. L'insistenza dell'uomo arabo nel controllare il destino e in particolare il corpo della donna non è altro che un tentativo di aggrapparsi all'onore che non possiede e di cui è privato, socialmente e politicamente ...". 

 

Masalha ha poi spiegato ulteriormente che l'individuo non ha un ruolo nel mondo musulmano, dato che i valori della mentalità nomadica tribale condizionano ancora profondamente la società. Infatti, secondo Masalha, per quanto concerne il ruolo dell'individuo, l'Islam non ha introdotto valori nuovi, che potessero sostituire quelli nomadici. "[Pertanto,] tutto ciò che riguarda l'onore individuale è inesistente. Per questo motivo, l'uomo arabo cerca al di fuori di se stesso la propria identità repressa, dirigendosi verso l'anello più debole del suo contesto familiare, vale a dire la donna - sua moglie, sua sorella, sua figlia, ecc.”…

 

 



Nuova Agenzia Radicale - Supplemento telematico quotidiano di Quaderni Radicali
Direttore Giuseppe Rippa, Redattore Capo Antonio Marulo, Webmaster: Roberto Granese
Iscr. e reg. Tribunale di Napoli n. 5208 del 13/4/2001 Responsabile secondo le vigenti norme sulla stampa: Danilo Borsò