Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

19/11/19

Il dilemma dello Ius Soli temperato


Categoria: DIRITTI E LIBERTA'
Pubblicato Venerdì, 23 Agosto 2019 23:24
  • Anna Mahjar-Barducci

Nell'articolo precedente, abbiamo discusso le problematiche che comporterebbe l'applicazione dello ius soli "puro" in Italia, che alcuni attivisti continuano a proporre. In questo articolo, analizzeremo invece il disegno di legge dello ius soli temperato. Il prossimo articolo tratterà invece invece il tema dello ius culturae, anch'esso parte del disegno di legge.

 

Il disegno non prevede un automatismo, come lo ius soli puro. Ad ogni modo, in base al testo, "acquista la cittadinanza per nascita chi è nato nel territorio della Repubblica da genitori stranieri, di cui almeno uno titolare del diritto di soggiorno permanente o in possesso del permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo". 

 

Come accennato, la cittadinanza si acquista non automaticamente, ma mediante dichiarazione di volontà espressa da un genitore, entro il compimento della maggiore età dell'interessato. 

 

Leggendo il testo del disegno di legge vengono in mente varie considerazioni:

 

Il diritto di soggiorno permanente viene riconosciuto ai cittadini UE e ai cittadini dei paesi che fanno parte dello Spazio Economico Europeo (compresi pure i cittadini dell'Islanda, Norvegia, Liechtenstein, Svizzera e San Marino) se hanno soggiornato legalmente ed in via continuativa per 5 anni nel territorio nazionale.

 

Nel caso di cittadini europei fa quasi sorridere parlare di ius soliPer chi crede nel progetto europeo, essere nati a Roma o a Berlino non dovrebbe fare alcuna differenza. L'unica distinzione è la possibilità di votare alle elezioni legislative. Inoltre, i cittadini degli stati membri dell'Unione europea residenti in Italia hanno diritto di voto alle elezioni per il Parlamento europeo e alle elezioni amministrative.

 

Nessuno, inoltre, credo avrebbe problemi ad applicare lo ius soli temperato nei confronti di cittadini dell'Unione Europea, dato che nel bene o nel male i cittadini europei dal Portogallo alla Romania condividiamo una storia e una cultura comune. 

 

Il permesso di soggiorno Ue per soggiornanti di lungo periodo può essere rilasciato al cittadino straniero in possesso, da almeno 5 anni di un permesso di soggiorno in corso di validità, a condizione che dimostri la disponibilità di un reddito minimo non inferiore all’assegno sociale annuo (pari ad € 5824,91 euro per il 2017).

 

Nel caso del cittadino extra-comunitario valgono le stesse considerazioni che abbiamo fatto nell'articolo precedente sullo ius soli puro. Ovvero, potremmo avere delle situazioni paradossali in relazione allo ius sanguinis. Se, mettiamo il caso, un figlio di genitori ghanesi, che hanno un permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo, nasce in Italia.

 

I genitori fanno la richiesta per la cittadinanza all'età di due anni anni e ottiene la cittadinanza. I genitori poi decidono di tornare in Ghana, perché il padre ha trovato un lavoro ad Accra, quando il bambino ha undici anni. Questo bambino avrebbe avuto il tempo di assimilare la cultura italiana? Il bambino per legge sarebbe italiano e, tramite il ius sanguinisavrebbe il diritto di trasmettere la cittadinanza italiana ai propri discendenti, senza avere un vero legame culturale o emotivo con l'Italia.

 

Come accennato nell'articolo precedente, la soluzione quindi potrebbe sembrare quella di modificare lo ius sanguinisma sarebbe un grande torto a tutti gli italiani all'estero, che rappresentano il vero soft powerdell'Italia nel mondo. Se l'Italia ha un forte potere di seduzione all'estero tramite la cultura, la cucina, la moda, ecc., è anche e soprattutto grazie ai milioni di italiani nel mondo e ai loro discendenti. 

 

Lo ius soli temperato per così com'è sembra dare per scontato che lo straniero in Italia voglia vivere per sempre nel Bel paese. Un po' come era una volta per gli emigranti italiani che andavano negli Stati Uniti.

 

Ma oggi giorno, vivendo in un mondo globalizzato, non è detto che lo straniero venga in Italia per rimanerci. In questo contesto, lo ius soli temperato può creare delle situazioni in cui ragazzi giovani, cittadini italiani, vengano riportati nel paese d'origine dei propri padri o in un altro paese, senza avere avuto il tempo di integrarsi nella cultura italiana.

 

Il dilemma dello Ius Soli Puro di Anna Mahjar-Barducci

- Trump può veramente mettere fine allo Ius Soli? di Anna Mahjar-Barducci

 

 



Nuova Agenzia Radicale - Supplemento telematico quotidiano di Quaderni Radicali
Direttore Giuseppe Rippa, Redattore Capo Antonio Marulo, Webmaster: Roberto Granese
Iscr. e reg. Tribunale di Napoli n. 5208 del 13/4/2001 Responsabile secondo le vigenti norme sulla stampa: Danilo Borsò