Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

24/04/19

Yemen, l'agenda di Amnesty International per i diritti umani


Pubblicato Mercoledì, 26 Settembre 2012 12:05

In Yemen continuano ad aver luogo violazioni dei diritti umani in un clima d'impunità, rafforzato anche dall'immunità garantita all'ex presidente Ali Abdullah Saleh e ai suoi collaboratori in cambio dell'abbandono del potere. Amnesty International sottolinea che, se le autorità yemenite non agiranno per porre fine a tale situazione il Paese rischierà di affrontare una nuova crisi.

 

Secondo l'organizzazione umanitaria, il governo dello Yemen dovrebbe chiedere collaborazione alla comunità internazionale per favorire l'istituzione di una commissione d'inchiesta sulle violazioni dei diritti umani avvenute nel corso delle rivolte del 2011, quando centinaia di manifestanti furono uccisi e migliaia feriti nel corso delle proteste antigovernative.

 

La repressione, nel corso della quale si verificarono anche centinaia di arresti arbitrari e casi di sparizione, fu portata a termine da svariati servizi di sicurezza e militari ma anche da gruppi armati filogovernativi. Contemporaneamente, gli scontri armati tra esercito e oppositori armati, tra cui il gruppo Ansar al-Shari'a che si ritiene affiliato ad al-Qa'eda, hanno dato luogo a crimini di guerra.

 

Negli ultimi mesi, la situazione ha visto qualche miglioramento, con il rilascio di centinaia di prigionieri in occasione dell'insediamento del nuovo governo. Ciò nonostante, le violazioni dei diritti umani proseguono e le proteste nelle città meridionali, soprattutto ad Aden, vengono affrontate col ricorso a una forza eccessiva che provoca morti e feriti tra i manifestanti. Le donne, protagoniste delle proteste del 2011, continuano a subire discriminazione e violenza.

 

Amnesty International propone 11 punti in un’agenda per i diritti umani:

 

• porre fine alle uccisioni e agli altri crimini nel corso del conflitto armato;

• porre fine all'impunità;

• porre fine agli arresti e agli imprigionamenti arbitrari così come alle sparizioni forzate;

• garantire processi equi;

• tutelare e rafforzare i diritti alla libertà d'espressione, d'associazione e di riunione pacifica;

• rafforzare i diritti delle donne e delle ragazze;

• porre fine all'uso della pena di morte;

• proteggere i diritti dei profughi interni;

• proteggere i diritti dei rifugiati e dei richiedenti asilo;

• migliorare il contesto complessivo delle politiche e delle pratiche in materia di diritti umani.



Nuova Agenzia Radicale - Supplemento telematico quotidiano di Quaderni Radicali
Direttore Giuseppe Rippa, Redattore Capo Antonio Marulo, Webmaster: Roberto Granese
Iscr. e reg. Tribunale di Napoli n. 5208 del 13/4/2001 Responsabile secondo le vigenti norme sulla stampa: Danilo Borsò