Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

19/10/19

Pena di morte, il Giappone "festeggia" la moratoria ONU a modo suo


Categoria: DIRITTI E LIBERTA'
Pubblicato Martedì, 19 Dicembre 2017 14:43

Mentre ricorreva il decennale della prima Risoluzione ONU per una moratoria sull’uso della pena di morte, il Giappone ha portato a termine la terza e la quarta esecuzione del 2017.

 

Come rileva Amnesty International, "due uomini sono stati impiccati all’alba del 19 novembre nel centro di detenzione di Tokio, nonostante avessero fatto richiesta di un nuovo processo. Teruhiko Seki era stato giudicato colpevole di rapina e omicidio. All’epoca dei reati aveva 19 anni. Kiyoshi Matsui era stato condannato a morte per omicidio".

 

In Giappone le esecuzioni avvengono in un clima di segretezza. Di solito i condannati a morte vengono informati dell’imminente impiccagione solo poche ore prima e alcuni non ricevono neanche il minimo preavviso. Le famiglie, gli avvocati e l’opinione pubblica ricevono la notizia a esecuzione avvenuta.

 

 



Nuova Agenzia Radicale - Supplemento telematico quotidiano di Quaderni Radicali
Direttore Giuseppe Rippa, Redattore Capo Antonio Marulo, Webmaster: Roberto Granese
Iscr. e reg. Tribunale di Napoli n. 5208 del 13/4/2001 Responsabile secondo le vigenti norme sulla stampa: Danilo Borsò