Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

03/07/22

“Anche l’occhio vuole la sua parte”, l'Ambra Jovinelli chiude banalmente il sipario


Categoria: TEATRO
Pubblicato Venerdì, 26 Aprile 2013 11:04

Mario (Maurizio Casagrande) è un uomo adulto di mezza età, filosofo di professione, disoccupato di fatto. Appena divorziato dalla moglie Silvia (Flora Vona) e senza un soldo, trova asilo in casa di Massimo, amico di una sera che, impietosito dalla sua storia , decide di mettergli a disposizione il suo appartamento.

 

Mario è triste, insoddisfatto, ancora innamorato della sua ex moglie. Dopo aver fallito persino nel tentativo di suicidarsi, si rassegna alla sua vita e tenta di andare avanti. A fargli compagnia il suo amico di infanzia, Emilio (un esilarante Michele Caputo), avvocato arrivista e voltagabbana, che tenta a tutti i costi di svegliarlo, di scrollargli di dosso quel perbenismo nauseabondo che sembra attecchire solo in lui oggigiorno.

 

A fare luce nella vita del protagonista ci penserà Simona (Tiziana De Giacomo), alla quale Mario subaffitta una stanza dell’appartamento. La storia di Simona e la sua grande forza di volontà lo colpiranno talmente tanto da risvegliare in lui il desiderio di volersi bene, cominciando dall’essere sincero con se stesso, accettando i suoi sentimenti e le sue emozioni.

 

“Anche l’occhio vuole la sua parte” , vincitore del premio Albatros 2011, conclude la stagione dell’Ambra Jovinelli, che chiude il sipario per problemi tecnici e strutturali. Si può dire che abbia chiuso in bellezza?

 

Forse avrebbe potuto fare di meglio. Lo spettacolo si regge sui dialoghi divertenti di Maurizio Casagrande e Michele Caputo, che , puntando sul napoletano, riescono a rubare qualche applauso e risate spontanee. Nonostante la bravura più o meno soddisfacente degli attori, la storia, apparentemente indecifrabile fino alla fine del primo tempo, risulta invece piuttosto banale con un colpo di scena scollegato e male inserito nella trama.

 

La commedia, decantata come responsabile di una profonda analisi della differenza tra essere e apparire, sembra apparire invece ciò che esattamente è. Notevole l’interpretazione di Michele Caputo, scrittore del testo e comico inarrestabile, che fa acquistare al lavoro punti preziosi.

 

Chiara Cerini



Nuova Agenzia Radicale - Supplemento telematico quotidiano di Quaderni Radicali
Direttore Giuseppe Rippa, Redattore Capo Antonio Marulo, Webmaster: Roberto Granese
Iscr. e reg. Tribunale di Napoli n. 5208 del 13/4/2001 Responsabile secondo le vigenti norme sulla stampa: Danilo Borsò