Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

20/08/19

“Korai Incipit Memoria”, di Alessio Deli. Palazzo Valentini a Roma


Pubblicato Sabato, 23 Marzo 2019 10:24
  • Giovanni Lauricella

Korai Incipit Memoria” è il titolo della mostra esposta nell’importante palazzo Valentini del ‘600, e precisamente una personale di Alessio Deli, giovane artista di Marino: sono peraltro statue che sembrano dello stesso periodo di quando l’architetto Francesco Peparelli lo edificò.

 

Un accostamento tra i due risulta  molto pertinente se si considera che Francesco Peparelli fu l’autore della famosa fontana barocca di palazzo S. Croce in via dei Catinari, che fa da maestoso ingresso alla prestigiosa galleria di arte contemporanea Lorcan O’Neill.

 

Sì, stiamo nel cuore dell’antica Roma e sembra che Alessio Deli, a differenza di molti artisti contemporanei, non voglia intaccare la magia mitica dell’arte classica che questa città ha sempre espresso.

 

In un’ampia sala dell’antico palazzo, ex-sede della provincia di Roma, ora Città metropolitana di Roma Capitale e della prefettura,  primeggiano imponenti le “Korai” così chiamate, dal nome delle statue femminili greche del VI secolo a.C., anche se non sono affatto a riferimento arcaico, come farebbe credere il titolo, bensì rinascimentale, come ho già anticipato, in quanto fanno pensare a Francesco Laurana del ‘400.

 


 

Ma è senza dubbio un esplicito richiamo all’antichità classica il gesto  di porgere un’offerta, probabilmente un frutto di melagrana, per il suo significato di abbondanza e prosperità. Non è tutto invero citazione classica, specie negli abiti o panni che indossano le statue, perché lì vedi segni, fratture, corrosioni, ossidazioni e lacerazioni di un tempo che scorre inesorabile verso un'umanità distratta e ferita.

 

Se si pensa che le più antiche Korai sarebbero state di proposito lasciate dagli antichi greci danneggiate e rovinate, come a testimonianza del saccheggio che i barbari persiani perpetrarono nell’Acropoli, i riferimenti si moltiplicano.

 

Non solo, essendo una mostra che si svolge nel periodo corrente, qui si aprirebbe un capitolo sull’attuale condizione femminile, difficile da concludere per le rinnovate crudeltà che si susseguono sulle donne, e anche per questo mi sembrano molto pertinenti le tracce di sfregio che le statue, ben composte in un unicum molto estetizzante esibiscono.

 


 

Presentata e curata da RvB Arts, “Korai Incipit Memoria” è promossa dall'Associazione Culturale Tonino Guerra, col patrocinio dalla Città metropolitana di Roma Capitale.Con il gentile contributo di: Colle Picchioni, DMG & Partners, Edizioni Tored, Fondazione Luigi Tronci, MG Research e SCA (Société de Conception Acoustique).

 

Da ricordare ai visitatori che è indispensabile avere con sé un documento di riconoscimento da consegnare all’ingresso.

 


 

Korai Incipit Memoria

di Alessio Deli

Palazzo Valentini, Roma

fino al 3 Aprile

 

 



Nuova Agenzia Radicale - Supplemento telematico quotidiano di Quaderni Radicali
Direttore Giuseppe Rippa, Redattore Capo Antonio Marulo, Webmaster: Roberto Granese
Iscr. e reg. Tribunale di Napoli n. 5208 del 13/4/2001 Responsabile secondo le vigenti norme sulla stampa: Danilo Borsò