Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

01/06/20

'Il senso del sacro a Rebibbia', la Passione di Cristo dietro le sbarre


Categoria: MOSTRE
Pubblicato Lunedì, 07 Aprile 2014 15:36

La Passione di Cristo è quella dell’uomo, e ciò che essa rappresenta non ha limiti, temporali o fisici. Ecco allora che le ultime ore del figlio di Dio rivivono anche lì, dove molte volte il significato profondo della vita viene esiliato, in quelle carceri di sbarre e cemento.

 

‘Il senso del sacro a Rebibbia. La via Crucis' è infatti il titolo della mostra che sarà inaugurata a Roma martedì 8 aprile, nella Chiesa di Santa Lucia del Gonfalone, in via dei Banchi Vecchi 12. Il progetto artistico, frutto della collaborazione tra la galleria Monserrato Arte900 con l’associazione radicale Nessuno tocchi Caino e l’associazione Made in Jail, si avvale dei lavori di un gruppo di ragazzi della terza casa circondariale di Rebibbia, che vivono un carcere a regime attenuato per reati non gravi, legati alle tossicodipendenze e alle difficili problematiche che ne conseguono.

 

Entrati nell’antica chiesa, sotto gli altari laterali sarà possibile ammirare 14 pannelli raffiguranti la Via Crucis, realizzati dai detenuti con le tecniche a loro più congeniali, guidati da Paolo Bielli, Vincenzo Mazzarella, Silvio Palermo e con il supporto degli operatori penitenziari.

 

Le tele, serigrafate e rielaborate con matite, pennarelli, pittura, inchiostri, sabbie, descrivono ogni tappa della Passione di Cristo, un percorso che lascia sgomenti perché nell’ultimo giorno di vita di un condannato a morte nulla gli viene risparmiato e niente può cambiare il suo destino: la condanna è ineluttabile, la sofferenza per le torture subite anche, e la morte che lo attende è certa.

 

Intento dell’esposizione è perciò quello di ricordare che non si può e non si deve voltare lo sguardo davanti al dolore dell’essere umano: la vita dei detenuti non è segnata dalla crocifissione e dalla morte come per Cristo, ma non per questo è priva di angoscia, solitudine, giudizio, condanna e sofferenza.

 

La vita di un uomo non può non riguardarci tutti, sembrano voler dire i lavori esposti: non si può ignorare chi ha sbagliato, chi non è perfetto, chi è colpevole.

 

 

‘Il senso del sacro a Rebibbia. La via Crucis’

inaugurazione martedì 8 aprile 2014 dalle ore 11.00 alle 13.00

Chiesa di Santa Lucia al Gonfalone, Via dei Banchi Vecchi, 12 a Roma

La mostra sarà esposta fino al 13 aprile col seguente orario

dalle ore 11.00 alle 13.00 e dalle 17.00 alle 18.30



Nuova Agenzia Radicale - Supplemento telematico quotidiano di Quaderni Radicali
Direttore Giuseppe Rippa, Redattore Capo Antonio Marulo, Webmaster: Roberto Granese
Iscr. e reg. Tribunale di Napoli n. 5208 del 13/4/2001 Responsabile secondo le vigenti norme sulla stampa: Danilo Borsò