Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

06/12/21

Per il Tuo Bene ti Mozzerò la Testa, di Luigi Manconi e Federica Graziani. Elogio del garantismo


Categoria: LIBRI
Pubblicato Giovedì, 22 Aprile 2021 15:20
  • Giovanna D'Arbitrio

Il 9 aprile 2021 è stato presentato sulla piattaforma Zoom il libro di Luigi Manconi e Federica Graziani “Per il Tuo Bene ti Mozzerò la Testa - Contro il giustizialismo morale” (Ed. Einaudi), per iniziativa del Centro Culturale Nuovo Progetto. Con Luigi Manconi, hanno dialogato Silvana Tacchio, vicepresidente di Nuovo Progetto, Carlo Salvioni e Agnese Capitanio, membri del Direttivo.

 

Come in precedenti dibattiti, Luigi Manconi ha confermato la sua avversione al giustizialismo, in particolare quello cosiddetto morale: in breve essere garantisti in Italia è difficile per un imperante populismo penale che sobilla il rancore sociale in modo irrazionale, per cui “politici, giornalisti e manettari d'ogni sorta brandiscono la morale come un’arma”.

 

L’autore ha poi sottolineato che oggi ciò che manca è una giustizia efficace che funzioni davvero e si avvalga di carceri dove i detenuti siano davvero rieducati per essere reinseriti nella società. 

 

Illuminante la presentazione della casa editrice che inizia con l’aforisma «Beati gli affamati di giustizia perché saranno giustiziati» per descrivere il clima di sospetto in Italia dove “si diffonde l’idea che la società debba perseguire un modello assoluto di legge e ordine, senza scampo per nessuno e senza spazio per i dubbi della prudenza e della clemenza. È un orientamento, traducibile nello slogan «piú carcere per tutti», che si nutre di un esteso rancore sociale (…).

 

Il contenuto di questo libro sta tutto nel sottotitolo: contro il giustizialismo morale. Quell’orientamento culturale e politico che persegue un concetto assoluto e astratto di giustizia e pensa di affidarne la realizzazione alla spada dei tribunali, a prescindere dalle forme, dalle garanzie processuali e dai diritti individuali. Viviamo in un Paese in cui alcuni versano in condizioni disumane, altri stentate e in cui il sistema delle pene insegue le inquietudini della sicurezza pubblica, ricorrendo a un inasprimento delle sanzioni buono solo a far crescere l’angoscia collettiva. In questa società e in questo clima trovano largo spazio campagne di opinione tese a incentivare la voglia di rivalsa sociale e a offrirle facili bersagli.

 

Il libro ripercorre gli ultimi anni di storia nazionale. Anni in cui, mentre le tutele individuali in campo penale si affievolivano e processi pubblici e gogne mediatiche si moltiplicavano, si diffondeva l’idea che ciò che è peccato è reato. E l’esito è stato tanto l’abbassamento del livello di civiltà giuridica quanto la mortificazione del senso collettivo di giustizia. Da tutto questo nasce il quesito che, attraverso 11 casi esemplari, il libro pone ai lettori: siete garantisti o giustizialisti? Un test per verificare quale sia il vostro grado di rispetto dei principî e delle regole dello stato di diritto”.

 

Invitati dalla nostra amica dott. Silvana Tacchio, ho partecipato con mio marito Savino de Rosa al dibattito iniziato con un gentile ricordo di mia sorella Lucia D’Arbitrio (morta nel 2005), fondatrice dell’associazione Concreis (in difesa di ricerca spirituale laica), alla quale Luigi Manconi offrì in passato il suo efficace supporto.

 

Nel corso del dibattito ho posto anch’io una domanda sul rapporto potere-giustizia, un potere che spesso prevarica sull’equità della giustizia stessa, innescando sempre più il rancore del popolo che poi viene fomentato e strumentalizzato ad hoc: Luigi Manconi mi ha risposto riaffermando le sue idee sul garantismo, unica via di uscita che può farci sentire almeno più tranquilli e sereni.

 

Luigi Manconi, docente universitario, scrittore, sociologo e politico prima nelle fila dei Verdi, poi  come sottosegretario alla Giustizia nel II governo Prodi, dal 2013 al 2018  con il Pd è stato garante dei diritti delle persone private della libertà. La legge che integra il reato di tortura porta il suo nome. Iscritto a Nessuno Tocchi Caino, ha fondato l’associazione A Buon Diritto. Si è dedicato a problemi come marginalità sociale, emigrazione, difesa di diritti umani e civili, libere scelte.

 

 



Nuova Agenzia Radicale - Supplemento telematico quotidiano di Quaderni Radicali
Direttore Giuseppe Rippa, Redattore Capo Antonio Marulo, Webmaster: Roberto Granese
Iscr. e reg. Tribunale di Napoli n. 5208 del 13/4/2001 Responsabile secondo le vigenti norme sulla stampa: Danilo Borsò