Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

16/07/19

Dizionario appassionato di Napoli, di Jean-Noël Schifano. La leggenda dell’Ovo di Virgilio, simbolo di Napoli


Pubblicato Sabato, 30 Marzo 2019 14:11
  • Giovanna D'Arbitrio

Venerdì 29 marzo ha avuto luogo un interessante incontro con Jean-Noël Schifano, autore del “Dizionario appassionato di Napoli, in via Vetriera 12 a Napoli. Nella storica cioccolateria della Gay-Odin, Marisa  Maglietta Del Vecchio ha creato con i suoi collaboratori un Uovo Pasquale contente il libro di Schifano: l’Ovo di Virgilio, dunque, antica leggenda, diventa simbolo di Napoli..

 

Ne ha parlato a lungo Jean-Noël Schifano, meridionalista convinto, cittadino onorario di Napoli, un tempo direttore dell’Istituto Francese di via Crispi, il Grénoble, illustrando il suo  Dizionario che racconta Napoli dalla A alla Z. Presenti all’incontro con l’autore, la dott. Marisa Maglietta Del Vecchio, il console francese, Laurent Burin Des Roziers, l’editrice Donatella Gallone, la brava attrice Anna Maria Ackermann, che ha letto un significativo brano del libro e il chitarrista Franco Manueleche ha cantato antiche canzoni napoletane.

 

Si avvicina la Pasqua e l’artistico uovo contenente il libro di Schifano, mette in rilievo le pagine che l’autore ha dedicato al famoso “Ovo” di Virgilio nel suo Dizionario. Particolare interessante: un grande uovo di cioccolato con il libro come “sorpresa”, firmato dall’autore, verrà regalato al Presidente Macron che ama molto Napoli. 

 

Ritornando dunque alla leggenda, Schifano ha evidenziato che il grande poeta Virgilio, considerato un mago, aveva messo un uovo d’oro dentro una sfera di cristallo per salvare Napoli da ogni calamità naturale e donarle eterna vita. Nella villa del romano Lucullo situata sull’antico isolotto di Megaride, l’uovo in seguito fu messo in una gabbia di ferro e seppellito sotto il castello che è ancor oggi conosciuto come Castel dell’Ovo.

 

Quella dell’Uovo, tuttavia, non è solo una leggenda, ma una permanente simbologia, di vita e rinascita, simbolo stesso della città e della sua ricerca di un olistico “intero” in cui anche aspetti contrastanti coesistono, resistendo contro ogni disgregazione di identità.

 

E il simbolo dell’Uovo si ritrova ovunque a Napoli da Pulcinella (derivante da “pulcino”) con il suo ventre tondeggiante e la gobba, alla forma stessa del golfo che si estende in una forma ovoidale e con due braccia avvolgenti, quasi a ricordare l’amore della sirena Partenope per Napoli: una città ricca di miti e di leggende, di bellezze naturali e di millenaria storia e cultura che attraverso i secoli ha saputo fondere gli aspetti positivi di popoli invasori. Amante di pace e accoglienza, anche se ridotta a mera colonia dopo l’Unità d’Italia, ha sopportato con dignità ulteriori saccheggi, benché avesse contribuito all’Unità con il sangue dei suoi patrioti.

 


 

J. N.Schifano, quindi, può essere considerato figlio amorevole di questa città ed erede responsabile della sua storia, fatta di bellezza e arte, in particolare canto e poesia. Significativa la collaborazione tra l’autore e la casa editrice “Ilmondodisuk”, fondata dalla giornalista e scrittrice Donatella Gallone che con coraggiosa iniziativa ha lanciato un S. O. S. per Napoli, al quale hanno aderito ben più di cento artisti, dando prova che il mondo dell’arte può unirsi in solidarietà per una diffusione della cultura senza confini.

 

"SosPartenope",in effetti, è un progetto di crowdfunding che Ilmondodisuk  ha lanciato con l’obiettivo di tradurre e pubblicare Dictionnaire amoureux de Naples (Dizionario appassionato di Napoli) di Jean-Noël Schifano, un libro capace di smantellare gli stereotipi su una metropoli troppo spesso e troppo a lungo etichettata come covo del malaffare. Per sostenerlo, circa 140 artisti italiani e stranieri hanno donato le loro opere per la mostra, "SosPartenope, 100 artisti per il libro della città", organizzata in collaborazione con l'Assessorato alla Cultura del Comune di Napoli ed esposta prima a Castel dell'Ovo e poi in altri storici edifici.

 

Un incontro davvero interessante che ci fa ben sperare per la nostra meravigliosa città di cui troppo spesso si mettono in rilievo solo aspetti negativi, mentre un vergognoso silenzio su quelli positivi continua ad imperversare. Malgrado ciò, Napoli rimane una città “resiliente” che vuole vivere e che “non morirà mai”, come ha affermato Schifano. 

 

 



Nuova Agenzia Radicale - Supplemento telematico quotidiano di Quaderni Radicali
Direttore Giuseppe Rippa, Redattore Capo Antonio Marulo, Webmaster: Roberto Granese
Iscr. e reg. Tribunale di Napoli n. 5208 del 13/4/2001 Responsabile secondo le vigenti norme sulla stampa: Danilo Borsò