Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

26/08/19

POESÌ di Rino Mele. L’alba del 9 maggio 1978


Pubblicato Venerdì, 10 Maggio 2019 00:51

Nei versi che scrivo per questa rubrica il momento della scrittura coincide con il tempo della pubblicazione (e, quindi, della lettura). Rarissime le eccezioni, oggi è la seconda volta che pubblico su Agenzia radicale, miei versi già editi. Sono quelli con cui termina Il corpo di Moro, del 2001, edizioni 10/17 (primo premio Delta Poesia 2002), riedito quest'anno dalle edizioni Oédipus, e arricchito, reso trasparente dall'analisi critica di Niva Lorenzini.

 

Ancora non sappiamo se Moro sia stato ucciso davvero tra le fauci della Renault rossa, se abbia trascorso la sua ultima insonne notte a via Montalcini. L'anno scorso è stato pubblicato, per l'editore Ponte alle Grazie, di Paolo Cucchiarelli L'Ultima notte di Aldo Moro. A pag 320 possiamo leggere: "Il medico legale affermò che sembrava che Moro fosse stato al mare, in quanto era abbronzato (...). Qualche anno dopo, nel 1999, Lombardi pubblicò i risultati delle sue analisi relative al caso Moro (...): Una prima analisi dei proiettili rinvenuti nella Renault 4, vicino al cadavere di Moro, rivelano fenomeni di ossidazione con caratteristiche simili a quelli che si verificano attraverso l'azione dell'ambiente  marino".

 

 Soltanto il giorno dopo, il 10 maggio 1978, mentre l’Italia è stupefatta della propria viltà, Miriam Mafai pubblica,  un’inquietante immediatainterpretazione delle modalità del delitto: “Moro è stato ucciso in piedi, la faccia rivolta agli assassini; d’istinto ha portato al cuore la mano sinistra, un dito era lacerato da un proiettile. Indossava la canottiera e la camicia, non aveva le scarpe. Tracce di sabbia sono state trovate infatti non soltanto nei risvolti dei pantaloni, ma anche sui calzini, mentre le scarpe appaiono pulite”.   

 

 

 

 

 POESÌ di Rino Mele

 

  

L’alba del 9 maggio 1978

 

Devono aiutarlo a entrare in una cesta di vimini,

scenderlo per le scale. Mario Moretti

e Germano Maccari si tolsero i cappucci, volevano

che questa volta li potesse guardare,

uno scambio di sguardi

per risarcirlo della morte. Moro

finse di non vederli, non si lasciò sottrarre il luogo

della vittima, che è guardata

e non guarda. Quella mattina finiva la loro rivoluzione,

due uomini consegnavano alla colpa

un inutile disamore. Rannicchiato nella cesta

che portavano al garage, seppellito 

nella biancheria da lavare

(sembrava grigio

quel rosso nell’oscurità del mattino)

lo aiutarono a trarsene fuori. Si ritrovarono vicini,

occhi negli occhi, e Moro

forzava se stesso a non vedere il vuoto

che stringeva

quelle nere pupille, a non

avventurarsi per altre scale ora che aveva sceso

quelle da cui sapeva di non tornare. Disteso,

gli gettano addosso un plaid,

ma fino agli occhi, nella speranza che si volti,

vorrebbero essere loro l’ultima cosa che guarda, 

ma lui vede solo il muro

bianco, quel muro è un prato

marino, una stanza, il soffitto è basso, c’è dentro 

una donna grande, le mani

larghe di fiori, il seno coperto di latte,

ha appena un lenzuolo

come fosse scappata da un ospedale. È una dea,

Demetra. O è la madre,

sfinge e sirena. Ora gli chiudono sul capo

il leggero panno. Sparano

con due armi, i colpi ad Anna Laura

Braghetti sembrano sputi

smorzati, come infiniti morti

fossero arrivati fin là, in quel freddo teatro,

a mostrare con la saliva la gloria della loro allegria.

 

 

________________________________

 

  

Rino Mele (Premio Viareggio Poesia 2016, terna finale con “Un grano di morfina per Freud, ed. Manni) scrive, il venerdì e il martedì, su “Agenzia Radicale”. Dal 2009 dirige la Fondazione di Poesia e Storia. Il nome della rubrica è “Poesì”, come nel primo canto del “Purgatorio” Dante chiama la poesia.

 

 

 

Leggi l'intera sequenza di POESÌ

 

 



Nuova Agenzia Radicale - Supplemento telematico quotidiano di Quaderni Radicali
Direttore Giuseppe Rippa, Redattore Capo Antonio Marulo, Webmaster: Roberto Granese
Iscr. e reg. Tribunale di Napoli n. 5208 del 13/4/2001 Responsabile secondo le vigenti norme sulla stampa: Danilo Borsò