Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

03/07/22

Penguin Bloom, di Glendyn Ivin. Dal libro al film


Categoria: CINEMA
Pubblicato Sabato, 17 Luglio 2021 13:08
  • Giovanna D'Arbitrio

Penguin Bloom, di Glendyn Ivin, tratto dal libro omonimo Penguin Bloom - L'uccellino che salvò la nostra famiglia di Bradley Trevor Greive e Cameron Bloom, narra la storia vera di Sam Bloom, moglie dell'autore Cameron, che in seguito ad un incidente rimase paralizzata e cadde in depressione.

 

All’inizio il film ci mostra Samantha Bloom (Naomi Watts) come una surfista piena di vita che ama l'oceano, il marito Cameron e i tre figli Noah, Reuben e Oli. Purtroppo durante una vacanza in Tailandia, Sam cade giù da una balconata e rimane paralizzata dalla vita in giù. Tornata in Australia, cade in depressione, generando disagio in tutta la famiglia e in particolare in Noah (Griffin Murray-Johnston) che si ritiene responsabile della situazione. L'arrivo di una gazza ferita che Noah  battezza col nome di Penguin per il suo colore bianco e nero, gradualmente darà a Sam il coraggio di ricominciare.

 

Il libro viene così presentato: “ Cameron Bloom, sua moglie Sam e i loro tre figli sono una famiglia come tante, una famiglia felice. Almeno finché un brutto incidente non costringe Sam sulla sedia a rotelle, facendola sprofondare in una brutta depressione. Ma proprio nei giorni più cupi e tristi, un nuovo e bizzarro amico fa ingresso nelle loro vite: un pulcino di gazza ferito e abbandonato dalla madre. Dopo averlo trovato, i Bloom decidono di portarlo a casa, curarlo e dargli un nome, Penguin.

 

Quello che non immaginano, però, è che sarà questo uccellino a salvare loro: più le sue condizioni migliorano e lui cresce, più Sam trova la forza per affrontare la malattia e accettare la sua nuova condizione, riportando gioia e speranza in una famiglia che sembrava averle perse per sempre. Penguin insegna così a tutti noi che non importa quanto ci sentiamo fragili, feriti o vulnerabili: se abbiamo qualcuno da amare e che ricambia il nostro affetto, non c'è niente che non possiamo affrontare. Un da cui verrà tratto un film, prodotto da Reese Witherspoon e con Naomi Watts protagonista”.

 

Il film si attiene nel complesso al libro, soprattutto nel saper cogliere il tono di testimonianza autentica su un dramma familiare, raccontato nei dettagli da Cameron (Andrew Lincoln), marito di Sam, in una ricostituzione che il regista Glendyn Ivin racconta passo dopo passo, come esempio di forza e coraggio. 

 

Magistrale l’interpretazione di Naomi Watts, di origine australiana, che sembra ben comprendere la natura di una terra maestosa e misteriosa. Non a caso ad aiutare Sam sarà anche una saggia donna Maori (l'attrice neozelandese Rachel House) che vive in armonia con l'acqua.

 

Notevoli la sceneggiatura di Harry Cripps, Shaun Grant,  la fotografia di Sam Chiplin che valorizza la bellezza dei paesaggi  sia in  Australia che in Tailandia, mentre Il commento musicale di Marcelo Zarvos  sottolinea i momenti drammatici della storia.

 

Glendyn Ivin è un noto regista australiano. Di recente è stato elencato nel The Sydney Morning Herald come uno dei registi televisivi australiani "più potenti e influenti". Si è fatto notare con il cortometraggio Cracker Bag, vincendo la Palma d'oro nel 2003 al Festival di Cannes.

 

Il suo primo lungometraggio, Last Ride, interpretato da Hugo Weaving, è stato presentato in anteprima al Toronto International Film Festival e ha vinto  il premio per Miglior Nuovo Regista Narrativo all'Abu Dhabi Film Festival e il Premio della Giuria al Festival Internazionale del Film di Roma.

 

Ecco il trailer ufficiale del film (da Roadshosw Films)

 

 



Nuova Agenzia Radicale - Supplemento telematico quotidiano di Quaderni Radicali
Direttore Giuseppe Rippa, Redattore Capo Antonio Marulo, Webmaster: Roberto Granese
Iscr. e reg. Tribunale di Napoli n. 5208 del 13/4/2001 Responsabile secondo le vigenti norme sulla stampa: Danilo Borsò