Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

27/11/20

Radicali in Satyagraha per la riaffermazione della Democrazia in Italia


Categoria: COSE RADICALI
Pubblicato Venerdì, 29 Marzo 2013 19:52

 

Il Satyagraha per il “salvataggio e la riaffermazione di Stato di Diritto e di Diritti Umani, in una parola, Democrazia in Italia” si pone l’obiettivo di “interrompere la flagranza di reato di uno Stato come quello italiano condannato duemila volte dalla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo per l’irragionevole durata dei processi, e perché sia immediatamente recepito l’ultimatum della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo che l’8 gennaio scorso ha imposto all’Italia, come obbligo violato ormai da decenni, di rimuovere, entro un anno, le cause strutturali del sovraffollamento e di trattamenti disumani e degradanti nelle carceri.”

 

Tra gli obiettivi figura anche quello di dare immediata esecuzione all’ORDINE del 2 agosto scorso con il quale l’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni ha imposto alla RAI di “assicurare la trattazione delle iniziative intraprese dai Radicali e dal loro leader Marco Pannella sul sovraffollamento delle carceri in programmi di approfondimento che, per congrua durata e orario di programmazione, risultano maggiormente idonei a concorrere adeguatamente alla formazione di un’opinione pubblica consapevole su temi di attualità di rilevante interesse politico e sociale, entro il termine di quattro mesi a decorrere dal mese di settembre 2012”. “Dopo sette mesi, tale Ordine è ancora lettera morta”, hanno denunciato i Radicali. (fonte radicali.it)



Nuova Agenzia Radicale - Supplemento telematico quotidiano di Quaderni Radicali
Direttore Giuseppe Rippa, Redattore Capo Antonio Marulo, Webmaster: Roberto Granese
Iscr. e reg. Tribunale di Napoli n. 5208 del 13/4/2001 Responsabile secondo le vigenti norme sulla stampa: Danilo Borsò