Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

30/09/20

Una lista "femminista", Amnistia Giustizia e Libertà esclusa alle regionali del Lazio


Categoria: COSE RADICALI
Pubblicato Martedì, 29 Gennaio 2013 10:50

La storia della Lista Amnistia Giustizia e Libertà nel Lazio finisce in farsa. Dopo aver subìto il ricatto di Zingaretti, che ha condizionato l’accordo elettorale fra Pd e radicali all’esclusione nella candidatura dei due consiglieri, Rossodivita e Berardo, meritevoli di aver denunciare il brutto andazzo alla Regione Lazio, dopo il mancato accordo Pannella-Storace e il suo codazzo di polemiche interne ed esterne al partito, la Lista di scopo voluta dal leader storico radicale è andata a sbattere sulle regole di genere poste ipocritamente per le candidature. 

 

In sostanza, la Lista Amnistia Giustizia e Libertà sarebbe composta di troppe donne. Per l’esattezza una femminuccia in più rispetto ai maschietti, in presunta violazione della legge che stabilisce il fifty-fifty tra uomini e donne in lista.

 

«L'ufficio elettorale centrale ha confermato l'esclusione della lista Amnistia, Giustizia, Libertà dalle elezioni del Lazio» ha detto il candidato presidente della lista, il radicale Giuseppe Rossodivita

 

«Finora siamo stati in rispettoso silenzio in attesa della decisione, ma questa è davvero ridicola. È lo specchio del modo di pensare di una magistratura da riformare. Questi funzionari pubblici anziché far votare i cittadini del Lazio, anziché favorire la partecipazione democratica si trincerano in bizantinismi che non hanno alcun appiglio normativo» ha aggiunto Rossodivita.



Nuova Agenzia Radicale - Supplemento telematico quotidiano di Quaderni Radicali
Direttore Giuseppe Rippa, Redattore Capo Antonio Marulo, Webmaster: Roberto Granese
Iscr. e reg. Tribunale di Napoli n. 5208 del 13/4/2001 Responsabile secondo le vigenti norme sulla stampa: Danilo Borsò